60 Years of Made in Italy, in Canada si tributa la moda italiana

60 Years of Made in Italy, in Canada si tributa la moda italiana

TORONTO – In Canada si celebra la storia della moda italiana con una mostra dedicata fino al 30 giugno. Tutti i dettagli.

A giugno a Toronto ricorre l’Italian Heritage Month, il mese del patrimonio italiano, un momento per riconoscere e celebrare il contributo degli italo-canadesi e il loro impegno nel contribuire al ricco e variegato mosaico culturale del Paese nord-americano attraverso rassegne e manifestazioni dedicate. Tra quelle più attese, ce n’è sicuramente una di cui vogliamo raccontarvi. Stiamo parlando della mostra 60 Years of Made in Italy, che verrà ospitata dallo York Ville Village di Toronto fino al 30 giugno.

Noi l’avevamo vista a Roma qualche anno fa, qui il nostro articolo.

Si tratta di una vetrina unica nel suo genere che racconta la storia della moda italiana dai suoi inizi, a Firenze, nel 1951 fino alla sua evoluzione in un design moderno di caratura mondiale con creazioni che portano firme celebri come Dolce&Gabbana, Giorgio Armani, Roberto Cavalli, accessori come i gioielli di Marina Corazziari, film e fotografie.

La moda italiana è ormai da numerose decadi emblema di un lavoro di ampia e incredibile portata. Ancora oggi il marchio “Made in Italy” è bramato a livello internazionale.

Sono oltre 50 i capi di valore selezionati da Fiorella Galgano e Alessia Tota, provenienti da diversi archivi e collezioni di privati, in mostra dal 30 Maggio al 30 Giugno presso lo Yorkville Village, 55 Avenue Rd, Toronto.

60 Years of Made in Italy rappresenta una opportunità unica per poter interagire con quelle firme che hanno fatto la storia della moda e anche i capi che hanno segnato il fashion italiano. La rassegna sarà caratterizzata da capi selezionati in maniera accurata e indossati in alcune delle serate più importanti dello spettacolo mondiale, che includono anche il celeberrimo Red Carpet degli Oscar. In questa maniera visitando in giugno “The Oval” allo Yorkville Village si avrà la possibilità di immergersi ed esplorare la ricchissima storia della moda e del design italiano.

Splendidi capi di alta moda. Creazioni uniche. Articoli pret-à-porter. Una meravigliosa esposizione dei migliori prodotti della creatività italiana. Da Emilio Schuberth alle Sorelle Fontana, da Roberto Capucci a Valentino. E ancora Sarli, Lancetti, Renato Balestra, Marella Ferrera, Brioni, Giorgio Armani, Laura Biagiotti, Roberto Cavalli, Dolce&Gabbana, Fendi, Salvatore Ferragamo, Gianfranco Ferre’, Gucci, Crizia, Max Mara, Missoni, Moschino, Prada, Trussardi, Versace e molti altri ancora. La mostra, curata da Fiorella Galgano e Alessia Tota, giungerà a Toronto grazie al Consolato Generale e all’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con lo Yorkville Village.

Gli ospiti potranno ammirare alcuni tra i più raffinati capi che siano mai stati creati dai più noti artisti italiani: dal celebre vestito Prada indossato dall’attrice Cate Blanchett per la cerimonia degli Oscar nel 2000, all’abito Armani indossato dall’iconica Sophia Loren nel 2006. Dal vestito rosso firmato Valentino indossato dall’attrice Liz Hurley,votato come il più bel vestito sul red carpet, al completo Brioni creato per il film 007 indossato da Pierce Brosnan, per citarne solo alcuni.

INFO 60 YEARS OF MADE IN ITALY

Orgaenizzato da: Galgano & Tota Associati and Yorville Village

APERTURA DELLA MOSTRA Dal 1 Giugno 2018 al 30 Giugno 2018

Italian Heritage Month

60 years of Made in Italy

Be Sociable, Share!

Cristina Vannuzzi

Cristina Vannuzzi

Sono nata a Firenze e risiedo tra Firenze e New York. Esperta in comunicazione mi occupo di ufficio stampa e progetti di merchandising. Collaboro con testate: dal settore del food al lifestyle tra locali, arte, eventi, fashion, fragranze, chirurgia plastico/estetica. Energica e iper attiva sono stata anche autore e responsabile comunicazione del Progetto contro la mafia “Le cene della Legalità” per lo chef Filippo Cogliandro, anno 2012.

 

Cristina Vannuzzi

Leave a Reply

Your email address will not be published.