Accade oggi: 30 anni di Internet in Italia

In occasione di questo speciale anniversario vi proponiamo una personale classifica sui 10 film della Rivoluzione Digitale da non perdere assolutamente.

Accade oggi: 30 anni di Internet in Italia

30 anni fa l’Italia scopriva Internet. Era il 30 aprile del 1986 quando il Consiglio Nazionale di Ricerche di Pisa (il Cnuce) attivò il primo collegamento Internet dall’Italia. Fu inviato un “Ping” e dagli Usa la risposta fu “Ok”. In quel momento l’Italia si stava collegando ad Arpanet, la rete statunitense pre-internet e fu la quarta nazione europea a farlo, dopo Inghilterra, Norvegia e Germania.

Un evento fondamentale quello del 30 aprile 1986, un evento spesso dimenticato e sottovalutato. Nessuno dei “ragazzi” del Cnuce coinvolti nell’esperimento internazionale di trent’anni fa divenne famoso, ottenne onorificenze o ricchezze. Ma quest’anno, a ricordare quella fatidica connessione, sono stati il Presidente del Consiglio Matteo Renzi insieme al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Un riconoscimento dovuto e speriamo anche utile: la rete ha influenzato tutto, la cultura, la società, i costumi e perfino il modo di parlare ma questi 30 anni di Internet in Italia sono stati segnati da numerosi ritardi strutturali, mai recuperati dal nostro paese nei confronti dei maggiori Paesi globali. Ritardi tecnologici che rischiano di renderci meno competitivi dei nostri concorrenti commerciali perché l’accessibilità alla rete con la banda larga è un livello di connessione necessario per ogni attività informatica ed economica.

Questo l’intervento di Matteo Renzi a Pisa: “ E’ arrivato il momento in cui l’Italia prende la bandiera e si mette in prima fila”- ha dichiarato il premier ringraziando chi trent’anni fa ha reso possibile lo sviluppo di quello che sarebbe poi diventato il WEB della tripla W, World Wide Web – “Partiremo proprio dalla banda larga: ci sono delle zone A e B, quelle più favorite, ma anche le C e D, quelle in cui portare la banda larga è più difficile, lo dico con un termine tecnico-giuridico, quelle un po’ ‘sfigate’. Ora lo Stato metterà i soldi per portare la banda larga anche lì. Finalmente si parte”.

Speriamo sia davvero l’inizio di una nuova fase per il superamento del digital divide, delle disparità digitali.

Per tributare il trentesimo anniversario di Internet in Italia, noi di MyWhere abbiamo voluto farlo a modo nostro, “collegando” il mondo della rete al cinema: quali sono i 10 film sulla rivoluzione digitale da vedere assolutamente?

  1. Gli Stagisti di Shawn Levy. Con Vince Vaughn e Owen Wilson (2013).

Un film controverso, criticato da molti per il messaggio intrinseco che vuole portare avanti, ma è una commedia che sicuramente va vista.

Il film ci racconta la storia di due uomini che estranei alle nuove tecnologie si troveranno, loro malgrado, a cercare e a trovare lavoro in Google. E allora, facce da Google, cappellini Google, biciclette Google, palazzi Google fanno da “ambient” per tutta la durata del film. Una classica commedia a stelle e strisce, ma che in realtà, non si fa fatica a definire come un maxi spot per Google, una sorta di elegante e accattivante messaggio promozionale per il motore di ricerca più famoso del mondo.

  1. Underground the Julian Assange Story. Un film di Robert Connolly (2012)

    E’ il film-documentario sulla storia del fondatore di Wikileaks, Julian Assange, l’unico peraltro, autorizzato. Di Assange affronta i primi anni e si basa su fatti di cronaca ufficiali. Un vero e proprio inno alla comunità hacker. Se volete sapere tutto sulle dinamiche di questa realtà, questo è il documentario perfetto.

 8. Steve Jobs di Danny Boyle con Robert Fassbender (2015)

Racconta la storia e la personalità del carismatico e pioniere Steve Jobs soffermandosi soprattutto sulla mezz’ora precedente al suo ormai celeberrimo discorso di presentazione del primo dell’IMac.

L’opera di Danny Boyle non cerca di santificare l’uomo, ma anzi si concentra sulle incongruenze nascoste al pubblico, sulle debolezze e sulle contraddizioni di uno dei personaggi più influenti dei nostri tempi.

  1. Revolution OS di J.T.S. Moore (2001)

Volete sapere tutto sulla storia di Linux? Allora non potete perdervi questo film-documentario girato nella Silicon Valley che racconta la storia dei movimenti Open Source e Free Software attraverso le voci dei protagonisti. Sono presenti infatti, interviste a Richard Stallman, Linus Torvalds, Eric Raymond e tutti i protagonisti di questa rivoluzione. E’ la chiave per capire lo scontro tra Windows e Linux, per spiegare le strategie commerciali di Microsoft e per avere una visione completa delle nuove frontiere del mercato del software di oggi.

  1. Il Quinto Potere di Bill Condon con Benedict Cumberbatch (2013)

Ancora Assange protagonista della nostra classifica. “Il Quinto Potere” è uno sguardo sul rapporto tra il fondatore di WikiLeaks Julian Assange e il suo sostenitore Daniel Domscheit-Berg, e di come la crescita del sito abbia portato a una frattura insanabile tra i 2 amici. Un film che ci offre la possibilità di capire appieno Assange e il suo sito, capaci di creare fratture o sommovimenti che stanno tutt’ora contribuendo alla ridefinizione del concetto stesso di informazione. Il potere sta diventando più orizzontale o il potere di Internet è sempre più illimitato?

  1. I Pirati di Silicon Valley di Martyn Burke con Noah Wyle e Anthony Michael Hall (1999)

Un film-Tv di grande successo negli Stati Uniti e non solo, racconta, in forma di cronaca romanzata, di come i giovani Steve Jobs e Bill Gates, a metà degli anni 70, arrivarono a realizzare il sogno del personal computer, in una corsa che culminò nel 1984 con l’introduzione sul mercato dell’Apple Macintosh, e del seguente trionfo del sistema operativo della Microsoft di Gates su quello della Apple di Jobs.

  1. TPB AFK di Simon Klose (2013)

Un film realistico e per nulla trasportato dall’esaltazione ideologica di un argomento legato al mondo di Internet che divide sempre: la pirateria. TPB AFK è basato sulle vite dei tre fondatori del sito internet Bit Torrent The Pirate Bay. Un punto di vista diverso, non a caso il documentario è stato distribuito con metodi non convenzionali: è online e si trova integralmente.

  1. Indie Game: The Movie di James Swirsky (2012)

Come potremmo non parlare del pianeta Videogame? Un fenomeno sempre più in crescita e che non accenna a fermarsi. Ebbene “Indie Game: The Movie” racconta le battaglie, le incertezze e gli sforzi immani degli sviluppatori indipendenti di videogiochi (slegati cioè dalle grandi case di produzione) durante lo sviluppo delle loro creazioni. Il film ci apre una finestra su un mondo che difficilmente arriveremo a conoscere in profondità.

2) War Games di John Badham con Matthew Broderick (1983)

E’ un grande classico anni 80, una pietra miliare per ogni appassionato di computer. Un hacker, penetra nel sistema del Pentagono rischiando di far scoppiare una guerra nucleare. Una curiosità? La tecnica usata da David (Matthew Broderick) per identificare il recapito della “Protovision” (chiamare in sequenza tutti i numeri telefonici di una data zona) era effettivamente usata dagli hacker che, in onore al film, la ribattezzarono “Wardialing” (to dial = digitare un numero telefonico)

  1. The Social Network di David Fincher con Jesse Eisenberg e Andrew Garfield (2010)

Non poteva che essere il film di David Fincher ad occupare il primo posto tra i film sulla rivoluzione digitale. Un vero e proprio punto di non ritorno. The Social Network è una storia che comincia con mille dollari in prestito e finisce con una società valutata 25 miliardi. E’ la storia di un nerd, solo e antipatico, Mark Zuckemberg, che compie (piaccia o no) la più grande rivoluzione sociale, fin qui, del 21′ secolo e diventa il più giovane miliardario di sempre. In una parola sola, è la storia di Facebook.

30 anni di Internet in Italia

Internet
Internet

Internet
Internet

Internet
Internet

Indie Game the Movie- Internet Revolution
Indie Game the Movie- Internet Revolution

Internetship
Internetship

Revolution Os - Internet Revolution
Revolution Os – Internet Revolution

Pirati della Silicon Valley- Internet Revolution
Pirati della Silicon Valley- Internet Revolution

TPB AFK Internet Revolution
TPB AFK Internet Revolution

Il Quinto Potere
Il Quinto Potere

Steve Jobs
Steve Jobs

The Social Network
The Social Network

War Games
War Games

Be Sociable, Share!

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.