Andy Warhol Superstar, la Pop Art invade Cortina!

Andy Warhol Superstar, la Pop Art invade Cortina!

“La pop art è un modo di amare le cose”. Andy Warhol

CORTINA – Un artista che diceva di non volersi occupare di politica, ma che condizionava le masse; che sosteneva di non ricercare alcun messaggio impegnato nelle sue opere, ma che intercettava la concezione moderna del pensiero. Un artista i cui 15 minuti di celebrità non sono ancora cessati.

Appassionati di Pop Art e altri comuni mortali, se siete tra i fortunati che trascorrono le vacanze natalizie nella rinomata località turistica, allora ho un consiglio da darvi: aggiungete un pò di cultura al glamour e approfittate per vedere Andy Warhol Superstar. Ho ho avuto la fortuna di vedere la mostra nel ponte dell’Immacolata, ma comunque sarà esposta fino al 22 aprile 2019 al Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina.

Andy Warhol

Il titolo dell’esposizione è Andy Warhol Superstar (non poteva essere altrimenti!) e propone ai visitatori la bellezza di 140 opere dell’artista americano, opere capaci di raccontare la storia del più pungente interprete della società di massa e del consumismo, illuminante sociologo degli Stati Uniti negli fervidi anni ’60.

Fabiola Cinque Andy Warhol

Al Mario Rimoldi di Cortina, emerge non solo la sua poc’anzi citata capacità di interpretare e raccontare la cultura di massa del suo tempo, ma anche la sua straordinaria attitudine nel trasformare in arte i feticci dell’immaginario collettivo americano, anticipando l’instaurarsi del potere dei mass media.
Andy Warhol fotografo, regista, designer e illustratore, padre della Pop Art che ha trasformato in icone la Coca Cola, Elvis Presley, la Campbell’s Soup, Liz Taylor e Marilyn Monroe, il biglietto del dollaro e Jackie Kennedy.

Andy Wharhol a Cortina

Una parola sola per descrivere tutto questo? Superstar naturalmente! A mio parere sta proprio in questo la forza di questa esposizione cortinese, in quanto rimanda dettagliatamente alla figura dell’artista simbolo di una New York edonista e scatenata, che diventò punto di riferimento di grandi attori e attrici, rock star, stilisti e persino politici.

Fabiola Cinque da Andy Wharhol a Cortina

ANDY WARHOL SUPERSTAR, LA MOSTRA

Andy Warhol superstar
“Moon Walk” di Andy Warhol

La rassegna, attraverso 140 opere, racconta tutto il suo percorso professionale presentandone i capolavori di ogni periodo: partendo dalla coloratissima Liz (1964), passando per i dipinti dei francobolli, come S&H Green Stamps (1965), fatti con stampini ripetuti e più e più volte sulla carta arrivando all’immancabile Marilyn – tra le quali in mostra quelle del 1967, del 1970 e del 1985. E ancora, cinque splendide Cow (dal 1966 al 1978) accanto ad altre super icone: le Brillo Box e i primi Flowers (1964), esposte a suo tempo nella prestigiosa galleria di Leo Castelli come se fossero sgargianti carte da parati. E anche la serie Ladies and Gentlemen (1975), la serigrafia dell’intramontabile Brillo Box (1970), i Flowers (1970 e 1974), i Mao (1972 e del 1974), con i quali Warhol inaugura una nuova pittura meno neutrale e più gestuale senza dimenticare le Campbell’s Soup (1968/69), il Mick Jagger (1975) donato e dedicato da Andy Warhol all’attrice Dalila Di Lazzaro e i Camouflage del 1987.
Warhol moriva in quell’anno, dopo essere scampato miracolosamente alla nera signora nel 1968 quando una pazza gli spara al ventre.

Fabiola Cinque Andy Warhol
Il percorso della mostra che si avvia negli anni Cinquanta, quando Warhol debutta nella commercial art e lavora come illustratore per riviste prestigiose (da Harper’s Bazar al sofisticato New Yorker) e come disegnatore pubblicitario vuole raccontare l’incredibile vita di un uomo, personaggio e artista, che ha cambiato i connotati del mondo dell’arte ma anche della musica, del cinema e della moda, che ha stravolto radicalmente qualunque definizione estetica precedente. I suoi 5 minuti di celebrità continuano ancora.

Se pensate di andare a Cortina, e volete prenotare in un bell’albergo, ma non di quelli giganteschi pieni di famiglie, ma un boutique hotel dove sentirsi a proprio agio, come a casa, allora vi consiglio di leggere la mia intervista alla titolare del Fashion Boutique Hotel Ambra CortinaElisabetta Dotto. Ho avuto modo di incontrarla alla presentazione del suo libro CIAO CIAO CORTINA. Segreti e bugie della Locandiera. Presentazione decisamente originale, che si è svolta nella Sala dedicata alla mostra appena inaugurata Andy Warhol Superstar. Il museo era così gremito non solo dei visitatori, ma di personaggi delle istituzioni e personalità pubbliche seguito da un ricco parterre di eleganti signore abitué della località riconosciuta nel mondo come la più glamour. Qui Elisabetta Dotto ha presentato il suo libro intervistata da Francesco Chiamulera, ideatore della storica e prestigiosa manifestazione Una Montagna di Libri.

Elisabetta DOTTO con il Sindaco Cortina
Elisabetta DOTTO con il Sindaco Cortina nella sala della mostra per la presentazione del suo libro

Presentazione decisamente originale non solo per il luogo, o per il contenuto del libro (di cui vi parleremo presto in una nostra recensione in MyBook), ma in quanto Elisabetta Dotto era in “Magnes”. Infatti in quest’occasione la locandiera indossava l’abito tradizionale ampezzano “Ra Magnes” (abito da sposa indossato fin dal 1800 dalle dame ampezzane) sul quale spiccava una borsa in edizione limitata studiata in collaborazione con Alviero Rodriguez e dedicata al suo libro. Qui la personalizzazione delle borse Alviero Rodriguez, nella versione cult edition Ciao Ciao Cortina, riportava la presenza iconica di un volto femminile, dal braccio ingioiellato e discrete, ma sensuali, labbra rosse, riprendono l’immagine di copertina del libro della “Locandiera” Elisabetta Dotto.

Qui anche Francesco Chiamulera non si è potuto esimere dall’evidenziare il fashion appeal letterario. Infatti è stata proprio lei la protagonista dell’evento, evocando la sua passione per la moda celebrata grazie al fascino di una sapiente arte del ricevimento che esercita costantemente da anni nel suo prestigioso fashion hotel.

Elisabetta Dotto e Alviero Rodriguez
Elisabetta Dotto con la borsa Alviero Rodriguez davanti alla locandina della manifestazione

Così Arte, fascino, cultura e moda sono stati il punto di riferimento di questo fashion weekend che ha animato la località sciistica nella festività dell’Immacolata, ma voi avrete ancora tempo, e non solo durante le festività natalizie, perché la mostra Andy Warhol Superstar durerà fino al 22 aprile 2019!

INFO

Andy Warhol superstar
“Mao” di Andy Warhol

Andy Warhol Superstar – fino al 22 aprile 2019

Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina

Con il Patrocinio della Regione Veneto e Provincia di Belluno, del Comune di Cortina d’Ampezzo e Campionati del Mondo di Sci Alpino Cortina d’Ampezzo 2021, la mostra è prodotta e organizzata da Arthemisia ed Eugenio Falcioni, in collaborazione con Art Motors, ed è curata da Gian Camillo Custoza.

Andy Warhol superstar

 

ANDY WARHOL SUPERSTAR: ORARI DI APERTURA

Andy Warhol

dal 7 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019
Tutti i giorni
10.30 – 12.30 / 15.30 – 19.30
(ultimo ingresso 30 minuti prima)

dall’8 gennaio al 22 aprile 2019
lunedì chiuso
da martedì a domenica 15.30 – 19.30
(ultimo ingresso 30 minuti prima)

Aperture straordinarie
lunedì 22 aprile 15.30 – 19.30
(ultimo ingresso 30 minuti prima)

Fabiola Cinque da Andy Wharhol a Cortina

 

Biglietti
Intero € 13,00
Ridotto € 11,00

Informazioni
Sito
T +39 0436 866222 / 0436 2206

Andy Warhol Superstar

Be Sociable, Share!

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.