Cesare Cremonini infiamma l’Unipol Arena in un omaggio alla sua città

Cesare Cremonini infiamma l’Unipol Arena in un omaggio alla sua città

BOLOGNA – Si e’ aperta ieri sera, martedì 27, la prima delle tre date consecutive dedicate dal cantautore bolognese alla sua città all’Unipol Arena di Casalecchio.

Ed e’ subito un “Giorno Migliore”: giochi di luci e stelle filanti hanno aperto la prima delle 3 date in un palazzetto gremito da sold out ed entusiasta.

E l’aria di Bologna sembra avere un effetto rinvigorente anche sul cantautore che apre il concerto con la soddisfatta affermazione “Siamo tornati a casa” dopo che circa quattro mesi fa Cesare aveva incantato i 40mila dello stadio Dall’Ara, riportando, quarant’anni dopo Lucio Dalla, un musicista bolognese sul palco dello stadio dei rossoblù.

Il concerto parte incalzante sulle note di ‘Possibili scenari’, ‘Kashmir-Kashmir’ e ‘PadreMadre’, e il pubblico non si fa pregare e lo segue saltando ritmicamente a tempo di musica. Poi una serie di brani storici come ‘Latin Lover’ e ‘Lost in the weekend’ che sfociano nella parte più introspettiva del concerto: 4 brani eseguiti da Cesare con solo piano e voce, tra i quali spicca ‘Vieni a vedere perché’. C’e’ spazio anche per una dedica speciale a Camilla, la bimba dello storico bassista Nicola “Ballo” Balestri che è nata proprio il giorno dell’avvio delle tappe bolognesi del tour. “Congratulazioni al neo papà Nicola Balestri – scrive Cremonini in un tweet-. La tua Camilla ha scelto di nascere il giorno del nostro primo concerto di Bologna, rendendoci ancora più felici di essere a casa. Questo concerto è dedicato a lei, a te e ad Erica. Un enorme augurio di felicità”. Alla piccola Cesare dedica un brano fuori scaletta “Vorrei” cantato a piena voce anche da Gianni Morandi e Alessandro Cattelan, presenti fra il pubblico. Ballo è l’unico della formazione originaria dei Lunapop che continua a far parte della band del cantautore bolognese.

Si prosegue sulle note di “Al tuo matrimonio” in cui Cesare scherza sulle sue disavventure amorose: “Io con il matrimonio ho chiuso ormai” a 38 anni Cesare racconta di come il chitarrista Andrea Morelli, abbia sposato una sua ex corista, con lui da 20 anni. “Ormai gli unici matrimoni a cui vado sono solo quelli degli amici”. Ed e’ l’inizio del flusso finale che passa per l’energica ed evergreen “50 special”, un must di tutti i concerti, proseguendo poi per la bellissima “Marmellata #25″, a cui Cesare affida il suo pensiero sul passato non sempre facilissimo ricordando il disco da cui e’ tratta,”Maggese”, che lui dice “Un disco che avranno ascoltato in quattro”: “Dopo tanto tempo torniamo sotto le Due Torri, è un onore fare tre date di fila qui all’Unipol in un anno in cui abbiamo superato ogni aspettativa. Ma oggi cantiamo solo per Bologna, per chi mi ha seguito anche quando non andava così bene”.

Sempre su “Marmellata #25” c’è stato l’ennesimo omaggio a Bologna – questa volta sportivo – quando l’ex Lunapop ha mostrato al pubblico la maglia rossoblù numero 10 regalatagli dal ‘divin codino’ Roberto Baggio.

La confessione finale scioglie definitivamente il cuore dei 14mila spettatori dell’Unipol Arena: “Questa sera mi sono un po’ commosso, perché tutti i pezzi che ho suonato hanno qualcosa di speciale: sono nati a Bologna”, ha confessato alla fine il cantautore chiudendo il concerto con un altro pezzo storico del suo repertorio dal periodo dei Lunapop, l’amatissima “Un giorno migliore” cantata all’unisono da tutti gli spettatori del palazzetto. E la speranza di un ‘giorno migliore’ è stata decisamente rispettata.

La scaletta:

Possibili scenari

Kashmir-Kashmir

Padremadre

Il comico (Sai che risate)

La nuova stella di Broadway

Latin Lover

Lost in the weekend

Un uomo nuovo

Momento silenzioso

Una come te

Vieni a vedere perché

Le sei e ventisei

Mondo

Logico #1

GreyGoose

Dev’essere così

Al tuo matrimonio

Il pagliaccio

50 Special (Lunapop)

Marmellata #25

Poetica

Nessuno vuole essere Robin

Un giorno migliore (Lunapop)

Grazie a Live Nation Italia e Studio’s

Copyright ©Marianne Bargiotti Photography 2018

CesareCremoniniBO

Be Sociable, Share!

Marianne Bargiotti

Marianne Bargiotti

Nata a Bologna, ex scienziato con la testa nelle nuvole ora fotografa specializzata in Natura e viaggi in tutte le sue declinazioni.

“Attraverso luoghi stranieri per documentarne visivamente l’anima, andando oltre i confini di un turista regolare per catturare le immagini al di là dei punti di riferimento più popolari di un paese. La cultura, la natura, l’essenza di un paesaggio oltre l’immagine da cartolina è quello che ricerco costantemente.” [www.mariannebargiotti.com]

Marianne Bargiotti

Leave a Reply

Your email address will not be published.