I contrasti femminili della moda autunno inverno

I contrasti femminili della moda autunno inverno

ITALIA – La moda autunno inverno 2017-2018 racconta i contrasti della donna, all’insegna del pizzo, della pelle e del velluto. Qui vi raccontiamo tendenze e proposte di Trussardi, Rebecchi e Biagiotti.

Il freddo bussa alle porte, proprio mentre la Milano Fashion Week chiude quelle dedicate alla prossima stagione estiva 2018. Stagioni che, grazie alla moda, sembrano non finire mai. Certi di avere già le idee chiare per la moda autunno? siamo sicuri di sapere cosa acquistare per essere super cool questo inverno?

La proposta di Trussardi, tra il vecchio che riecheggia e il nuovo che avanza, racconta il savoir faire e l’artigianalità che da sempre contraddistingue la maison. Tailleur in morbida pelle, gonne a pieghe impreziosite da dettagli in anguilla, accessori con stemmi araldici simbolo del brand.  Per la moda autunno Trussardi propone un viaggio per immagini tra passato e presente che si esprime attraverso la figura di una donna dinamica e sicura di sé, a metà tra l’adolescenza e la carriera.

Tra i colori troneggiano marrone, blu, giallo e bordeaux. Pizzo, lana, pelle e velluto i materiali scelti per dar vita ai lunghi cardigan che nascondono mini dal taglio invisibile e a giacche e mini pull che rievocano i tempi del college.

 

Trussardi Autunno Inverno 1

Ed è sempre un racconto per immagini quello che descrive lo stile sobrio ma elegante della donna di Massimo Rebecchi. La sua  moda autunno è un trionfo di colore e contrasti. Azzardi cromiatici, microfantasie e stampe floreali, designano la collezione 2018 che non perde mai di vista sobrietà e discrezione. Grandi protagonisti i capispalla. Forme oversize, decostruite, figlie di una lavorazione sartoriale che acquisisce utn anima rock, caratterizzano i cappotti. Contrasti e nuove proporzioni per i parka che si alternano a skirt irriverenti. Protagonista assoluta resta la maglieria, nel rispetto pieno del Made in Italy. Impalpabili cachemire e setosi merinos si trasformano in maxi maglie, diventando quasi cappotti. La maglieria diventa il simbolo di un messaggio d’amore, di cui si fa portavoce una morbida lana, al pari di una carezza.

E collages, intrecci e scomposizioni sembrano essere i grandi protagonisti della stagione invernale anche per il brand Laura Biagiotti. Regina d’eleganza e raffinatezza, per la moda autunno, cashmere e seta, velluto e pizzo, ecopelliccia e chiffon, paillettes e juta. Tutto è contrasto, i volumi sfidano la pesantezza della materia e le leggi dello spazio.

Linee strutturate e drappeggi molli per abiti che diventano una seconda pelle, in grado di conferire alla figura femminile seduzione e femminilità estrema. Il guardaroba della donna è lo specchio della sua evoluzione e delle mille contraddizioni che la contraddistinguono.

 

Biagiotti Autunno 1

Classicismo e contemporaneità si fondono, rendendo possibile la convivenza di abiti in seta con le punte e cappotti di panno dal collo sciallato. Cinture drappeggiate donano un tocco di romanticismo agli abiti e ai cappotti scolpiti, mentre pellami metallizzati definiscono sandali e stivali. Protagonisti della moda autunno 2017/18 composizioni geometriche ricche di nodi e fili tralasciati e sospesi. Mentre, nel frattempo, trench di pizzo, collages di velluti, patchworks di paillettes, macramè dorati e ricami tradizionali, trasformano la sera in un vernissage continuo.

Parolad’ordine: libertà e contrasto. Perché quest’inverno le regole della moda le decidete voi.

Testo Lia Giannini

Photo Copyright Amanda Soccali 2017 – All rights reserved, use by permission

 

Be Sociable, Share!

Redazione

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.