La Zucca in agrodolce dal sapore antico e genuino: ricetta Siculish per questo autunno

La Zucca in agrodolce dal sapore antico e genuino: ricetta Siculish per questo autunno

ITALIA – Zucca in agrodolce per continuare a celebrare questo ortaggio dopo Halloween! Ecco alcune idee Siculish originali per inebriare di sapori questo autunno.

Colori e profumi inebriano e coinvolgono i sensi di ognuno di noi in questa stagione che è l’autunno trait d’union fra la torrida estate che ci siamo appena lasciati con fatica alle spalle e l’inverno che vorremmo, per alcuni versi, non arrivasse mai- richiamando l’attenzione su questo romantico, delicatamente malinconico e tutt’intorno variopinto trimestre dell’anno solare che ci gratifica con il suo calmo incedere. Le foglie appassite lasciano i rami avvizziti e si adagiano leggere e scroscianti su strade alberate. Cambiano solo dimora. E’ un soffio, e in un attimo ciò che sta su lo si ritrova giù come le zucche che essendo pesanti, sebbene a volte vuote o paurose come quelle di Halloween trovano il loro habitat naturale, macchiando di arancione e a volta di verde il soffice terreno che le accoglie.

Non sono ornamenti, anche se la natura capricciosa le vuole di tante forme, come sculture da ammirare, come carrozze dalle quali farsi trasportare rigorosamente entro la mezzanotte, ma se si ha la fortuna di non essere Cenerentola e preda del tempo che passando trasforma, ma comuni mortali a cui piace indugiare tra fornelli, ricette alla moda o semplicemente riesumate da polverosi quaderni della nonna, beh allora si può ben sperare.

Sperare di cucinare piatti dolci ma anche salati da consumare subito o da conservare come la marmellata.

Si presta per la frittura ma anche per delicate e dolci vellutate, per aperitivi con amiche e amici, per divertire i bambini con le chips ma anche per pranzi luculliani di tutto rispetto completi dall’antipasto al dolce.

In un quaderno polveroso dal sapore antico e genuino, dal profumo di un tempo che fu e che vuole continuare ad essere ecco una veloce ricetta siciliana perfetta per questo autunno: la zucca in agrodolce rigorosamente e orgogliosamente Siculish rigorosamente veloce, in questo molto nordica.

Occorre una zucca matura non coriacea, la si taglierà a fettine spesse che avrete cura di infarinate con farina OO, si farà friggere in padella con Olio EVO e quando tutte le fette sono fritte si aggiungerà dell’aceto e qualche cucchiaino da tè di zucchero, e a quel punto si alzerà la fiamma del fornello. Solo pochi minuti e la zucca è pronta da portare a tavola ma soprattutto da gustare.

Cucinare, soprattutto saperlo fare, è una forma di libertà che sta cambiando il mondo, in modo più efficace di qualsiasi rivoluzione. Moda, divertimento e tradizione: cucinare è più che una passione, almeno per me. E appena preparerete la zucca in agrodolce fatemi sapere com’è andata ma… Piace a tutti, parola mia!

Be Sociable, Share!

Cinzia Nazzareno

Cinzia Nazzareno

Correva un anno pieno di rivoluzioni e “primavere” e un fagottino di cinque chili, il 9 novembre decise di venire al mondo, in un piccolo paese dell’entroterra siciliano: Niscemi che è diventato “Olmo” nei miei romanzi. Atleta di corsa ad ostacoli mi permetto ancora di saltare alcune tappe della mia vita per non annoiarvi troppo. Sposata e madre di due figli, mi divido tra la scuola, dove insegno da vent’anni e la famiglia. Timida, ma non troppo, cerco rifugio nella lettura e da qualche anno nella scrittura, luoghi in cui ritrovo piacevolmente me stessa. Sognatrice per indole, curiosa per necessità. Amo viaggiare, ma credo mi servirà almeno un’altra vita per soddisfare tutti i miei bisogni geografici, creo tutte le occasioni per partire. Allergica all’ipocrisia e all’opportunismo, mi pongo a debita distanza da tutti coloro che praticano tali “simpatici sport”. Cerco gente vera e di sostanza, ma forse in un’altra vita potrò realizzare questo bisogno. Credo nel Karma. So che esiste, ne ho le prove! Insegnante di sostegno e discipline giuridiche ed economiche di professione, scrittrice per vocazione. Il sole in fondo al cuore (2015) e Lo Scarabocchio (2017) sono le mie due fatiche letterarie edite da Bonfirraro Editore. Un nuovo impegno letterario fa già capolino e contenta mi sento già.
Cinzia Nazzareno

Leave a Reply

Your email address will not be published.