Elio e le storie tese dicono “Arrivedorci” al pubblico Bolognese

Elio e le storie tese dicono “Arrivedorci” al pubblico Bolognese

BOLOGNA – Signori e signore, si conclude. Elio e le storie tese per l’ultima volta in concerto a Bologna all’Unipol Arena.

In Italia ci teniamo stretti – forse un po’ troppo – i grandi nomi della musica e facciamo fatica a lasciarli andare (nominiamo giusto Loredana Bertè, fresca di duetto con i Boomdabash) verso il meritato riposo. In questo caso a dire addio, o meglio “Arrivedorci”, alle scene musicali sono gli Elio e le Storie Tese, la band più rivoluzionaria ed eclettica del paese. A dicembre hanno annunciato un ultimo concerto, poi un ultimo Festival di Sanremo per poi coronare il tutto con un ultimo tour.

Nella serata del 10 Maggio il “Tour d’Addio” è passato anche da Bologna, dove la band ha salutato tutti i fan che non sono riusciti a partecipare al concerto d’addio dello scorso dicembre ad Assago. Trentotto anni di carriera sono lunghi e gli EELST sono quasi giunti alla meritata pensione, pronti non tanto a deporre gli strumenti ma ad esplorare le proprie follie soliste. Il Tour d’Addio si concluderà il 29 giugno al Collisioni festival di Barolo, tappa che – giura il cantante milanese – sarà davvero l’ultima occasione di vedere dal vivo la band.

Dopo tanti anni Elio e Le Storie Tese si possono ancora definire come uno dei migliori progetti musicali italiani e il concerto all’Unipol Arena è stato prova della loro follia e forza musicale. Il concerto di Bologna soddisfa appieno il pubblico affezionato, complice una lunga scaletta che riesce ad accontentare tutti fan. Nelle tre ore di concerto la band regala al pubblico una festa allegra e coinvolgente, riassumendo tutto quello a cui gli EELST ci hanno abituato in quasi 40 anni di carriera. Il gruppo, conosciuto per i suoi modi stravaganti, ironici e anticonformisti, non si fa problemi a parlare liberamente di sessualità, omosessualità e morte, sdrammatizzando il tutto e rendendolo accessibile grazie a una grande ironia e una tecnica strumentale impeccabile. L’unico momento di silenzio in mezzo a un’orgia di suoni e colori, è un coro spontaneo che sorge dal pubblico che commosso intona un bel “FORZA PANINO”, storico slogan per ricordare Feiez, membro della band scomparso nel 1998. La perdita di un caro amico e collaboratore rimane ancora vivida per la band che lo ricorda attraverso la presenza sul palco dello stemma della sua città natia, Crema.

Il lungo concerto è un degno saluto a una band che sarà sicuramente difficile salutare ma che siamo sicuri non smetterà di sorprenderci. Di seguito le ultime date del tour per vedere Elio e le Storie Tese in concerto e la scaletta della serata di Bologna:

14 maggio: Casa della musica, Napoli
17 maggio: Teatro Metropolitan, Catania
19 maggio: PalaFlorio, Bari
23 maggio: RDS Stadium, Rimini
9 giugno: Teatro romano, Verona
14 giugno: Auditorium, Roma
26 giugno: CarroPonte, Sesto San Giovanni (Milano)
29 giugno: Collisioni Festival, Barolo (Cuneo)

SCALETTA CONCERTO 10 MAGGIO BOLOGNA:

  • Servi della gleba
  • Burattino senza fichi
  • La vendetta del fantasma formaggino
  • Cateto
  • La follia della donna
  • Fossi figo
  • Essere donna oggi
  • Pippero
  • TVUMDB
  • Il vitello dai piedi di balsa
  • Luigi il pugilista
  • People from Mendrisio
  • Il circo discutibile
  • Il vitello dai piedi di balsa reprise
  • El pube
  • Uomini col borsello
  • Carro
  • Parco Sempione
  • La canzone mononota
  • La terra dei Cachi
  • Supergiovane
  • Nubi di ieri sul nostro domani
  • Tapparella

EliiBologna

Copyright Camilla Colombo 2018
All rights reserved Use by permission

Be Sociable, Share!

Camilla Colombo

Camilla Colombo

Camilla Colombo è una fotografa nata nel 1993 a Bologna. L’esperienza di tre anni alla Libera Accademia di Belle Arti di Firenze le ha aperto le porte del mondo della fotografia e dell’arte, permettendole così di cominciare il suo percorso di crescita come artista consapevole e attenta. Amante della fotografia di teatro ha ormai avuto diverse esperienze nell’ambito. Oltre al reportage teatrale ha un particolare riguardo nei confronti della fotografia artistica, campo in cui riesce ad esprimere se stessa nel modo più intimo e personale.
Camilla Colombo

Leave a Reply

Your email address will not be published.