In Florida on the route of an original honeymoon

In Florida on the route of an original honeymoon

FLORIDA – Parte prima – Anche in Florida si può organizzare un percorso per una luna di miele originale alla scoperta di località meno note ma più romantiche e affascinanti. Ecco il suggerimento, in tre step, di una original honeymoon. Ma se fremete per partire, allora approfittate per la festa dell’Immacolata che dal 6 al 9 dicembre ci sarà Art Basel a Miami!

Volate per Miami come ho fatto io con le vantaggiose tariffe di Joon per Parigi proseguendo, sempre con Air France, per Miami. Due tre giorni qui li potete dedicare al relax per il lungo viaggio, e all’arte. Lasciate stare i grandi albergoni e le mastodontiche catene residenziali che si affacciano sulla baia, e scegliete (forse l’unico) hotel a conduzione famigliare.

Honeymoon in Florida

Il gusto vagamente cubano, informale ma accogliente e l’arredo rigorosamente decò raccontano la lunga storia di questo palazzo, nato in un tratto isolato della spiaggia e della strada principale di South Beach, Collins Ave.

Honeymoon in Florida

Il Richmomd Hotel è nel pieno del Art Decò District, ma oramai (purtroppo) affogato dalle costruzioni circostanti. Fondato da Peres Seltzernel 1941 prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, ti offre tutti i servizi, compresa prima colazione bordo piscina, lettini sulla spiaggia antistante, e vista spettacolare sull’Ocean Front (se ovviamente prenoterete la categoria superiore con vista).

Honeymoon in Florida

Honeymoon in Florida Honeymoon in Florida

Miami FLORIDA
La vista dalla stanza Ocean front del Richmomd Hotel sulla piscina e il mare. Sopra immagini dell’albergo com’era il secolo scorso.

Il Richmomd conserva intatta la sua storia e non esibisce lusso sfarzoso del confinante hotel, il più famoso della località, Delano, anche se un giro dentro all’hotel di design sì, ve lo consiglio, ma quello che ho apprezzato di più è la storia del suo restauro fedelmente riportata in un quadro con rappresentate (in cartolina) le varie evoluzioni e restauri che ha subito nel secolo scorso. Queste testimonianze dell’Hotel Delano le potete trovare Art Decò Museum, tappa da non perdere.

MIAMI Art Decò

Dedicate una mezza giornata ad una bella passeggiata dall’Ocean Front alla Collins Ave e Washington Ave per non perdervi alcuna bellezza dei vari palazzi, compreso l’ufficio postale, nobili testimonianze di quella Art Decò che dà vita al District.

Miami Florida Art Decò Museum
L’ingresso dell’Art Decò Museum a Miami

L'ingresso dell'Art Decò Museum a Miami

Poi le distanze sono infinite quindi se volete visitare anche la città di Miami (attenzione South Beach è un’isola collegata alla città da un ponte sulla baia, è solo un quartiere ma é enorme), pianificate bene la vostra giornata. Il mio consiglio è farsi portare al fish market, un po’ decentrato e su un tratto portuale residenziale e defilato dalla caotica città, per mangiare (a base di pesce ovviamente!) su un bel terrazzo che si affaccia sul molo dove attraccano le varie barche, compresi i giganteschi yatch  della ricca popolazione di Miami.

Ristorante a Miami Florida
Qui sarete indecisi tra due ristoranti, Garcia’s e il Casablanca. Ma a parte il nome e il look cubano del primo, e l’elegante atmosfera del secondo, non fatevi ingannare dalle differenze culinarie. La proprietà e la gestione è la medesima (anche se le guide non lo segnalano), il pesce fresco non eccelle per preparazione, e il conto lievita solo in base alla posizione che è, decisamente, la parte più affascinante che giustifica il salato “bill”.

Ristorante a Miami Florida
Poi dal fish market l’ideale è passeggiare fino all’imbrunire attraversando il Bayfront Park per poi, dopo esservi rilassati alla vista di tanto verde e tanto mare, tuffarsi in Downtown per conoscere l’aspetto più commerciale di questa metropoli. Una sosta magari per un bell’aperitivo e per ricaricarsi e godere del leggendario tramonto (che però non ho mai avuto la fortuna di vedere per foschia, pioggia, nebbia o altro…) che si può fare nei rooftop bar dei fantastici hotel che affacciano su Biscayne Bay.

honeymoon in Miami Florida

Poi volate via verso Design district, agglomerato urbano popolato da innumerevoli negozi di arredamento (di cui un buon 70% di brand italiani), per curiosare in qualche galleria artistica o sostare nel ICA Miami Institute of Contemporary Art, Miami.

Miami Florida
La struttura è affascinante, e anche il giardino merita una visita. È piacevole lasciarsi coinvolgere dalle installazioni e dalle opere esposte nella mostra di turno lasciandosi pervadere dallo spirito creativo e avanguardistico di una delle capitali dell’arte contemporanea.
A questo proposito vi segnalo che dal 6 al 9 dicembre ci sarà Art Basel a Miami!
Non perdetela, e provate a prenotare subito una stanza (se ancora la trovate) ed un volo in tempo per godervi la rassegna.

Miami Florida

Quando i negozi e le gallerie cominciano a chiudere il Design district di sera si svuota, quindi forse è meglio dirigersi al quartiere Wynwood per volgere uno sguardo ai coloratissimi murales (aspetto che non mi ha mai appassionato se non in qualche stralcio di Testaccio) dove però la varietà di locali etnici, dai cubani all’asiatico, dallo spagnolo all’american steak house, oltre all’innumerevole offerta della ristorazione italiana (che io evito sempre all’estero) vi creeranno l’imbarazzo della scelta.

Miami Florida

Ma se volete tornare nell’area di South Beach e cenare in un luogo suggestivo e originale, oltre che mangiare il tipico american food, allora vi consiglio la “carrozza ferroviaria” del Street Diner restaurant. Dalle pork ribs con sweet potato e onion ring (fritte ovviamente) o hamburger e altra deliziosa carne, qui nell’atmosfera da film americano, seduti comodamente nei tipici divani del vagone ferroviario, o anche al fresco nel giardino antistante, vi sentirete un po’ i protagonisti dei quadri di Hopper, (a parte la desolazione che nella città più affollata d’America non troverete…).

Miami Florida
Lo Street DINER a Miami

Trascorsi i tre giorni in Miami, non fatevi abbindolare dalle più storiche guide e soap opera che la cinematografia ricordi e saltate a piedi pari le Keys con l’infinita US1 che vi porta a KeyWest. La Florida vi può offrire molto di più!
Io purtroppo non ho avuto questo consiglio ed ho fatto proseguire la mia honeymoon nella ridente cittadina di KeyWest. Anche qui, come a South Beach, ho prescelto una piccola struttura, villa in stile coloniale a conduzione famigliare con la lunga storia, l’Avalon B&B.

Hotel Avalon Key West
Costruito alla fine del 1800 da Emilio Aymerich, il piano terra della casa era utilizzato come casa scolastica per i ragazzi cubani e compare sulla mappa di Key West nel 1899. Nei primi anni del 1900 la proprietà fu acquistata da un famoso medico cubano, Nilo Conrado Pintado, e il 23 dicembre 1917 aprì le sue porte come l’Ospedale San Giuseppe. A quel tempo l’unico ospedale di Key West diverso dall’ospedale militare. Dal 1926 la casa è divenuta l’elegante Ocean View Hotel a Key West e Ocean View Apartments, poi questo affascinante hotel è stato chiuso alla fine degli anni ’40 e riaperto nel 1952 come Casa Blanca Boarding House. Durante l’era della depressione di Key West è gradualmente diminuita fino alla chiusura alla fine degli anni ’80. Da allora è stato ristrutturato e restaurato dall’attuale proprietario per diventare l’attuale boutique hotel in stile Bed and Breakfast di Key West.

Key West
Guardare le foto dell’Avalon hotel con il nulla intorno, solo spiaggia e verde, e constatare ora che la piccola piscina è incassata tra i giardini delle costruzioni private circostanti, ti leva il fiato.
Insomma KeyWest non mi è piaciuta, nè merita i chilometri per raggiungerla, a parte la casa di Ernest Hemingway che però vi toccherà visitarla compressi nella folla del gruppo appena sceso dalle navi da crociera che approdano qui nel golfo. Ma scordatevi spiagge caraibiche e sabbia bianca, nulla di tutto questo. Se sarete fortunati potrete distendervi su lussuosi lettini su pontili costruiti sovrastanti la baia.

honeymoon in Key West

Se siete alla ricerca di buon cibo in un mix ben dosato di eleganza, servizio e bontà, vi segnalo due ristoranti che propongono ricette della cucina di pesce locale: Thirsty Mermaid (sirena assetata) e il 915 Nine One Five, che offre la possibilità di cenare anche all’aperto in un bel giardino o nella balconata al primo piano della villa in stile coloniale.
Ecco, questo è l’aspetto più affascinante del luogo, la struttura architettonica delle residenze vacanziere degli americani più stravaganti, innamorati di questo tratto costiero, fatto da una distesa e varietà di ville in stile coloniale.

honeymoon in Florida Key West

honeymoon in Florida Key West
Finito il vostro soggiorno a KeyWest, avete due diverse opportunità per vivere il romantico viaggio attraverso la Florida. Il primo è quello di andare nel vicino aeroporto e, con un volo interno, tornare a Miami o affittare una macchina e guidare verso il nord della Florida come ho fatto io. Infatti noi abbiamo proseguito la nostra honeymoon senza prendere l’aereo ma guidando migliaia di chilometri verso la costa occidentale-centrale della Florida.

honeymoon in Florida

Qui non vi consiglierò la nota Orlando, ma la Tampa Bay. Vi racconto la seconda parte del mio viaggio nel prossimo articolo, verso le mete meno conosciute, ma decisamente più affascinanti e romantiche come una vera luna di miele merita, verso le Honeymoon Islands e le Keys in Tampa Bay.

da Miami a KeyWest
l’infinita strada tra i due mari, ma decisamente suggestiva, US1 che vi porta da Miami a KeyWest

Be Sociable, Share!

Fabiola Cinque

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.