Inside Time, Dentro il Tempo

Inside Time, Dentro il Tempo

Tre punti di vista diversi su uno stesso tema: il linguaggio artistico come codice espressivo trans mediale. Un orizzonte di ricerca che alterna la scultura alla pittura passando dalla fotografia e dall’installazione. Nelle opere convivono molte analogie ma anche molti contrasti che accompagnano lo spettatore in un percorso che analizza svariate possibilità estetiche.

Mustafa Sabbagh
Mustafa Sabbagh

Gli artisti Mustafa Sabbagh, Davide Dormino e Elvio Chiricozzi provenienti da differenti universi artistico-culturali-geografici, concorrono a comporre, attraverso l’incrocio di gesti, pratiche e riflessioni condotte con mezzi diversi, un suggestivo amalgama nella ricerca su luce, forma, materia. Nella prospettiva di un “Qui e Ora” la sinergia di tensioni e contaminazioni che emerge dall’accostamento delle opere dei tre artisti, mette in evidenza, analogie e contrasti, inquietudini e intese, che vivono sia all’interno dell’opera del singolo che nell’interazione delle diverse personalità di ciascuno. L’arte diventa “esperienza esperibile” invadendo lo spazio di ABC  e coinvolgendo il pubblico in un gioco di “ammissibili alterità”.

Mustafa Sabbagh, Davide Dormino ed Elvio Chiricozzi e Lavinia Turra
Mustafa Sabbagh, Davide Dormino, Elvio Chiricozzi e Lavinia Turra

 

Inside Time / dentro il tempo

Mustafa Sabbagh, Davide Dormino ed Elvio Chiricozzi
Venerdì 28 marzo ore 18.30
Apertura al pubblico
29 marzo al 10 maggio 2014

Info
www.abcbo.it
tel. 320 9188304

 

 

Be Sociable, Share!

Simona Gavioli

Simona Gavioli

A chi mi chiede perché amo l’arte rispondo cosi:
Sono nata nella città di Virgilio, del Regno dei Gonzaga e di Isabella D’Este, una delle donne più colte e stimate del Rinascimento. Sono nata tra le mura di Palazzo Te (Giulio Romano) e la camera degli sposi (Andrea Mantegna). Sono cresciuta saltellando qua e là, facendo finta di pregare tra la chiesa di San Sebastiano e la Basilica di Sant’Andrea (Leon Battista Alberti). Sono vissuta dividendo la mia vita tra cucine e chiese matildiche; la mia favola, prima di dormire, era L’Arte di Ben Cucinare di Bartolomeo Stefani, cuoco al servizio di Ottavio Gonzaga.
A chi mi chiede perché scrivo, non rispondo.
Ma a chi mi chiede perché scrivo di arte e di cucina, dico solo che la scrittura è qualcosa che hai dentro e dalla quale non puoi scappare perché fa parte di te. La scrittura, come l’arte, ingombra la vita, soprattutto quando diventa urgente, compulsiva e passionale come la mia.
Simona Gavioli

Leave a Reply

Your email address will not be published.