Intuition, l’arte contemporanea a Palazzo Fortuny

VENEZIA – Intuition vede alcuni tra i più importanti artisti contemporanei tra le opere storiche della residenza di Mariano e Henriette Fortuny. In concomitanza con la Biennale d’Arte di Venezia 2017, la Fondazione Musei Civici di Venezia e la Axel & May Vervoordt Foundation questa è la sesta e ultima mostra progettata per Palazzo Fortuny.

Intuition
Palazzo Fortuny, Intuition, piano terra, con Jean-Michel Basquiat, Venus Medici, 1982 e i menhir del periodo Neolitico

Sarà sicuramente la magia di Palazzo Fortuny a Venezia ma … le mostre che in quel luogo sono ospitate ogni volta restituiscono delle emozioni diverse ed intense che difficilmente possono essere descritte con le parole. Stiamo parlando di Intuition, ultima di una serie di esposizioni di grande successo, che iniziarono con Artempo nel 2007, curate da Daniela Ferretti e Axel Dusselier. Scrive quest’ultimo nel catalogo: “L’intuizione è qualcosa che giunge all’improvviso e conferisce chiarezza alla nostra visione. L’intuizione è pura luce”.

Un’idea di mostra che, comunque, è inscindibile dal sito espositivo. Solo in questo speciale Palazzo è possibile accostare una tela di Jean Michel Basquiat, un lavoro di Anish Kapoor e dei menhir del periodo Neolitico con coerenza e senza peccare. Un’armonia che riesce anche a far perdonare le buie didascalie al piano terra e al primo piano.

Intuition
Palazzo Fortuny, Intuition, piano terra, con Anish Kapoor, White Dark VIII, 2000

 

Intuition
Palazzo Fortuny, Intuition, piano primo, con l’opera di El Anatsui

 

Palazzo Fortuny, secondo piano, con le opere Automatic writing di Günther Uecker
Palazzo Fortuny, secondo piano, con le opere Automatic writing di Günther Uecker

 

Intuition
Palazzo Fortuny, Intuition, terzo piano, con l’opera di Kimsooja

Se la mostra va esplorata passo-passo con un itinerario di scoperta personale, non si può non accennare all’emozione sorprendente offerta dall’artista corena Kimsooja al terzo piano del Palazzo. Un’istallazione interattiva e meditativa in cui è chiesto al pubblico di realizzare delle sfere di argilla che concorrono collettivamente a formare l’opera. Qui la genialità dell’artista diventa la regia di un lavoro altamente scenografico e in progress, che è anche una testimonianza implicita e visuale dell’alto passaggio di pubblico all’interno della esposizione.

TITOLO: Intuition

“Intuizione, dal latino intueor, è una forma di conoscenza non spiegabile a parole, che si rivela per “lampi improvvisi”, immagini, suoni, esperienze. L’intuizione è la capacità di acquisire conoscenze senza prove, indizi, o ragionamento cosciente: un sentimento che guida una persona ad agire in un certo modo, senza comprendere appieno il motivo”.

DOVE: Museo di Palazzo Fortuny

Date: 13 Maggio – 26 Novembre 2017

Be Sociable, Share!

Roberto Zanon

Roberto Zanon

Già prima della laurea in architettura, mi sono occupato del progetto dei prodotti fino a farlo diventare una professione. Poi con gli anni ho iniziato ad insegnare la progettazione tridimensionale – anche in giro per il mondo –  ed ora è questa la mia attività principale. Sono fortunato; all’Accademia di Belle Arti di Venezia tengo il corso di Design e questo mi permette di sviluppare assieme agli studenti i progetti che realmente mi interessano. Negli ultimi anni ho conseguito un diploma in oreficeria e un Phd in design. Da molti anni collaboro con diverse riviste occupandomi di allestimento e di design.
Roberto Zanon

Latest posts by Roberto Zanon (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.