La Lady del Rock si ferma all’Unipol Arena di Bologna

La Lady del Rock si ferma all’Unipol Arena di Bologna

Gianna! Gianna ! Gianna! L’intera Unipol Arena non ha smesso di ripeterlo fino a che la lady del rock italiano non è apparsa sul palco…Lady? Al limite Miss! Sono più giovane di lei e sembro sua nonna! Un’incredibile Nannini in forma pazzesca si è mostrata ai fans di Bologna e non solo. Cantare brani di mostri sacri della musica italiana poteva farlo solo chi è già ampiamente consacrato nel panorama musicale. “Lontano dagli occhi” è l’apertura del concerto e da li un susseguirsi dei brani che sono presenti nel suo ultimo lavoro “Hitalia” dove per l’appunto ripropone canzoni dei suoi esimi colleghi. All’inizio sembra che la band voglia tenere quasi un basso profilo ma in realtà è un crescendo con Gianna che non risparmia commozione, lacrime e sorrisi per i presenti. La marcia la ingranano e via libera al rock con “C’è chi dice no” di Vasco…qui si gioca in casa e tutta l’Arena si infiamma e viene trascinata a ballare e saltare.  Inutile raccontarvi del momento in cui si presentano le prime note di “America”…
La “Signora” del rock italiano (…e non vorrei ripetermi sul fatto che ad energia io sembro una sua vecchia zia), come dico spesso, ha veramente spettinato Bologna.
Dal canto mio, vi lascio ai miei scatti particolarmente ispirati. Mi auguro sinceramente di essere riuscita a trasmettere tutta la vitalità che ha contagiato l’intero palazzetto.

Un grazie particolare a Studio’s.

Copyright Robin T Photography 2015
All rights reserved
Use by permission

gianna nannini

Be Sociable, Share!

Roberta Tagliaferri

In arte Robin T, ho imparato questo mestiere da un grande fotografo londinese ma la passione e l’arte di catturare l’attimo infinito, un’espressione profonda, sono frutto di un naturale talento artistico. Fotografare è un modo di vivere e di comunicare; diceva qualcuno “Se passa un giorno in cui non ho fatto qualcosa legato alla fotografia, è come se avessi trascurato qualcosa di essenziale. È come se mi fossi dimenticato di svegliarmi”.
Roberta Tagliaferri

Leave a Reply

Your email address will not be published.