La luce sugli oceani: al cinema Michael Fassbender e Alicia Vikander

ITALIA – La luce sugli oceani, a partire dall’8 marzo nelle sale cinematografiche italiane, è l’ultima pellicola di Derek Cianfrance che vede come protagonisti Michael Fassbender e Alicia Vikander.

Distribuito da Eagle Pictures, il film, tratto dall’omonimo romanzo di M. L. Stedman, best seller internazionale con all’attivo più di due milioni di copie vendute in tutto il mondo, narra la storia del britannico Tom Sherbourne (Michael Fassbender) che, scampato ai campi di battaglia della Prima guerra mondiale, si rifugia in un’isola sperduta dell’Australia occidentale. Divenuto guardiano del faro di Janus Rock, Tom trascorre la sua vita tra l’Oceano Indiano e l’Oceano del Sud, dapprima in solitudine e successivamente con la moglie Isabel (Alicia Vikander), conosciuta non appena approdato in terra australiana. Ben presto per i due diventerà incombente la necessità di avere un figlio e, dopo diversi tentativi andati male, una neonata giunta dal mare in una barca alla deriva cambierà le loro vite. Isabel convincerà Tom a custodire il segreto e ad allevare la bambina come fosse frutto del loro amore. Pochi anni dopo, venuti a sapere dell’esistenza della madre della piccola (Rachel Weisz), uno dei due cederà alla tentazione di autodenunciare l’accaduto disgregando la quiete familiare.

La luce sugli oceani immerge lo spettatore in panorami mozzafiato fatti del verde della natura incontaminata, delle distese oceaniche e dell’arancio dei tramonti, ma, come una tela dipinta, non possiede una terza dimensione. I meravigliosi scenari, che inizialmente fanno da tacito contrappeso alle crude esperienze belliche vissute dal protagonista in cerca di redenzione, in seguito si appiattiscono gradualmente sulle vicende dei due coniugi. A differenza di Blue Valentine, secondo lungometraggio del regista americano, La luce sugli oceani scorre su un tempo lineare che rivolge il suo sguardo al futuro definendo con poca attenzione i caratteri e il vissuto di Tom e Isabel. Alicia Vikander, vincitrice nel 2016 di un premio Oscar come migliore attrice non protagonista in The Danish Girl, incanta con i primi piani del volto assolato nel vento ma non soddisfa pienamente con la sua interpretazione a tratti monocorde; Michael Fassbender, d’altro canto, veste i panni di Tom con maggiore convinzione e sentimento. A differenza di Isabel, che considera la maternità come sua assoluta priorità, il personaggio maschile vive diversi passaggi che lo rendono più eclettico e profondo. Note positive sono i costumi di Erin Benach e le musiche di Alexandre Desplat. Se desiderate, dunque, perdervi in una storia d’amore che, ai confini dell’abitato, verrà messa a dura prova da un dramma da vivere e rielaborare, non perdetevi l’ultimo film di Derek Cianfrance, La luce sugli oceani, non pretendendo però che il faro dell’isola di Janus emani troppa luce nelle tenebre.

Be Sociable, Share!

Elisabetta Severino

Elisabetta Severino

Instancabile viaggiatrice e inguaribile iperattiva si concede raramente del puro relax e nella frenesia delle sue giornate convulsive da ufficio stampa di due teatri l’otium di cui sente più la mancanza è quello letterario. Rimbaud, Verlaine e Baudelaire sono tre delle tante ragioni che l’hanno spinta diverse volte a trasferirsi oltralpe. È cresciuta in una casa piena di libri e si è convinta che la vita è troppo breve per poterli leggere tutti. Lealtà, giustizia e umiltà sono i valori in cui crede e quando esce di casa la mattina spera di poterci ritornare avendo imparato qualcosa di nuovo. Un’enorme coppa di gelato all’amarena, un bel libro, un concerto di Ludovico Einaudi e un biglietto aereo acquistato la rendono la persona più felice del mondo.
Elisabetta Severino

Leave a Reply

Your email address will not be published.