Locale Firenze: una cucina dove semplicità, estetica e gusto convivono

Locale Firenze: una cucina dove semplicità, estetica e gusto convivono

FIRENZE – Un menù a cinque stelle in una location unica, dove il tempo scorre via velocemente, e che si fa fatica a lasciare. E’ il Locale, il ristorante dallo stile personalissimo, immerso nel cuore della città. Noi di MyWhere vogliamo raccontarvelo.

La stupenda location del Locale, situato in una delle vie “segrete” di Firenze, quelle nascoste dal flusso turistico che caratterizza la città, accoglie non solo un bellissimo bar con le pareti arricchite da uno spettacolare giardino verticale, come già raccontato nell’articolo dedicato al Borghese Palace Art Hotel (leggi qui), e un sorprendente sotterraneo che ha mantenuto intatta l’antica struttura risalente al Duecento, ma un lato della grande sala principale è riservato al ristorante. Nato dalle ceneri del Palazzo Concini (per la storia clicca qui), più noto come Palazzo delle Seggiole, appartenente alla famiglia Medici-Tornaquinci, per scelta dei titolari mantiene intatta la struttura cinquecentesca e in particolare le sale del ristorante conservano intatto il fascino antico con la stufa di maiolica autentica, con gli stemmi dei Medici e dei Concini, gli stucchi, gli affreschi ai soffitti.

Sala ristorante 2

L’arredamento si uniforma perfettamente alla struttura perché, pur essendo nuovo richiama l’antico dando all’ambiente un fascino senza tempo. Pochi i tavoli per un servizio accurato e ricercato e prelibatezze a cinque stelle: carne di manzo giapponese Kobe, chianina, scottona,fiorentina, e poi triglia, merluzzo, gnocchi alla bottarga, grissini, stick di polenta, dolci golosi rigorosamente fatti in casa dall’eccellente staff della cucina. Imperativo di ogni piatto è la presentazione che colpisce per lo stile semplice, così come nel gusto, frutto però di un’attenta ricerca su ogni dettaglio, come spiega lo chef abruzzese Danilo D’Alessandro:

“Ogni componente del piatto nasconde uno studio approfondito con lo sguardo all’innovazione e alla sperimentazione di sapori, ma ciò a cui punto più di tutto è il risultato finale che deve dare al cliente l’impressione di trovarsi in un luogo familiare, con sapori genuini legati da quel “qualcosa in più” che fa la differenza. Credo che il nuovo in cucina non dovrebbe mai far dimenticare o mettere a tacere il sapore della tradizione, punto sempre ad armonizzarli per non rinunciare all’importanza della semplicità.”

cucina4

Ed è effettivamente sorprendente veder arrivare piatti tanto curati nell’estetica quanto lineari nel gusto, ogni ingrediente secondario è in perfetto equilibrio con l’elemento principale ed è sistemato ad arte per esaltarne al massimo il sapore. Gli avventori vengono accolti dalle sfiziose entrée di grissini fragranti al mais, carta musica al grano saraceno, e una composta fatta con uva, mosto d’uva, rosmarino, frutta secca e mandorle per poi proseguire con un viaggio sensoriale tra terra e mare: dalla triglia appena rosolata servita su crema di melanzane cotte al cartoccio, pomodoro confit e cecina croccante, alla tartare di kobe servita su mezzo osso e insaporita con tuorlo d’uovo marinato, accompagnata da un’affumicatura naturale fatta al momento con della paglia; dagli gnocchi di patata ratta, serviti con baby calamaretti spillo, asparagi di mare e una spolverata di “parmigiano di mare” fatto con la bottarga, per finire con un golosissimo dessert al Whiskey Blue Label che si presenta come un cremino quadrato, composto da cremoso al cioccolato e una mousse fatta con il whiskey intervallati a più strati, servito su un biscotto di mandorle e cacao. Questa è solo una piccola parte dell’ampia offerta del menù a cinque stelle del Locale che delizia anche i palati più esigenti.

Bar

Il bello di un luogo così multifunzionale è che si può entrare al tramonto, lasciandosi conquistare dai cocktail realizzati con professionalità, fantasia e grande attenzione alla qualità dei liquori utilizzati e dagli stuzzichini serviti su vere e proprie sculture in legno, poi ci si sposta nella sala ristorante e si può uscire a tarda sera, perché al Locale ci si sente talmente a casa che il tempo scorre via veloce e non si vuole più andare via. La professionalità, cortesia e disponibilità del personale e del direttore Fara, completano un quadro già di per sé perfetto, insomma, un luogo imperdibile per chi vuole vivere la vera atmosfera fiorentina.

LOCALE FIRENZE

Palazzo Concini – via delle Seggiole 12/R – Tel.: 055-9067188

Email: info@localefirenze.it – Sito web: www.localefirenze.it

Marta Lock

Marta Lock

Sono romanziera, aforista, saggista, ho una rubrica socio-psicologica, L’Attimo Fuggente, che parla di emozioni, sentimenti relazioni, nella complicata realtà contemporanea, e che esce ogni lunedì sul mio sito web www.martalock.net, Recensisco mostre di pittura e vado alla scoperta dei piccoli luoghi e scorci interessanti di Italia di cui raccontarvi. Scrivere è la mia vita, la mia vocazione e la mia gioia più grande.
Marta Lock

Leave a Reply

Your email address will not be published.