Top10, qual è la maglia da calcio più bella di sempre?

Top10, qual è la maglia da calcio più bella di sempre?

MONDO – Storia, miti e aneddoti sulle divise delle 10 maglie da calcio più iconiche di sempre, passate alla storia del calcio, e della moda, per bellezza, iconicità e effetto nostalgia. Ecco la nostra Top10

Quanto è radicato il connubio tra calcio e moda? Tanto, anzi tantissimo! La moda ha fiuto per le tendenze anche quando non è lei stessa a crearle e sul calcio, ci si è buttata a colpo sicuro da molto tempo. E ha fatto centro eccome, perché calcio significa tifo, fedeltà e in alcuni casi addirittura religione. Prendiamo ad le maglie delle squadre; in questo settore il calcio spesso diventa moda, creando tendenze e influenzando le masse e a volte le divise da calcio diventano addirittura qualcosa di più. Diventano oggetti di culto, per la tradizione, per la nostalgia, per il ricordo e per la bellezza (anche per la bruttezza a volte).

Le maglie da calcio per un tifoso rappresentano molto, e in alcuni casi, collezionarle si trasforma addirittura in una vera e propria malattia.

Perché si collezionano le divise da gioco delle squadre? I motivi sono tra i più disparati, c’è chi le colleziona scegliendole in base alla bellezza estetica (e qui la moda ci si butta a capofitto), chi semplicemente per tifo e chi per suggellare un ricordo intenso della propria vita, un ricordo calcistico indimenticabile, un trofeo, una coppa, un campionato, un mondiale.

Nella Top10 di oggi, abbiamo selezionato quelle che, secondo noi, sono le maglie da calcio più iconiche di sempre, tenendo di alcuni parametri e puntando non solo sul punto di vista estetico, ma anche su criteri storici e nostalgici.

10) USA 1994

maglia

Demin e stelle, c’è tutto degli Stati Uniti in questa maglia. L’obiettivo dei creatori era quello di richiamare ai massimi livelli una bandiera ricca di simbolismo racchiudendo al suo interno tutto lo spirito Made in USA. Iconica come poche, ad alcuni non piacque, ad altri fece ridere ma nessuno l’ha dimenticata. Forse persino troppo avanti. E vi ricordate come la indossava Alexi Lalas? Che nostalgia!

9) PARIS SAINT GERMAIN 1973-74

90819

Maglia blu con una striscia rossa al centro, il mitico simbolo Le Coq Sportif, numeri sia davanti che dietro e lo sponsor RTL a far da padrone per una maglia che non può mancare tra i grandi collezionisti in giro per il mondo. Quella del PSG del 74-75 è stata inserita tra le migliori casacche di sempre da numerosi giornali sportivi e quel colletto a V, circondato da una fettuccia blu, bianca e rossa che richiama la mitica banda “Hetchter” non potrà mai passare inosservato.

8) BARCELLONA 1998-99

maglia

Al Camp Nou la Kappa dice addio e irrompe prepotentemente lo swoosh, il celebre baffo della Nike. Inizia così un sodalizio quasi immortale che lega il marchio americano con la squadra del Tiki Taka per eccellenza. E la prima maglia Nike è proprio quella della stagione 98-99. In quell’anno venne proposta una casacca semplice, lineare e dal design pulito, in contrasto con lo stile più elaborato che Kappa aveva proposto nelle stagioni precedenti. La novità più importante, dirompente e inaspettata fu la scelta di abbinare alla maglia pantaloncini e calzettoni blu navy, che diede un tocco di classicità esaltando le tinte della casacca.

7) REAL MADRID 1959-60

maglia

Può una maglietta completamente bianca trovarsi in questa top 10? Certo, perché si tratta della maglia più vincente della storia. Siamo negli anni 60′ e con questa casacca i blancoso vincono la quinta Coppa Campioni consecutiva sconfiggendo l’Eintracht Frankfurt nella finale di Glasgow per 7-3. Tra i giocatori più rappresentativi non può che esserci Alfredo Di Stefano, con lui ad indossarla, la camiceta blanca risplende di luce proprio e nessuno ma proprio nessuno, ha dimenticato quella squadra grandiosa.

6) JUVENTUS 1976-77

maglia

Vincere è l’unica cosa che conta sì, ma a volte la storia, si può fare anche con una sconfitta. E’ quello che è successo nella stagione 76-77; la Juve è in finale di Coppa Uefa contro il Bilbao. La squadra di Giovanni Trapattonivince 1-0 a Torino nell’andata e veste bianconero, per poi perdere 2-1 in terra basca e vincere quindi l’ambito trofeo. E’ la prima coppa internazionale della storia della Juventus e in quella finale di ritorno di Bilbao, i bianconeri indossano una bellissima maglia blu notte con risvolti bianconeri. Nessuno sponsor (vietati in Italia fino al 1980) nessun simbolo e nessun trofeo esposto, solo una stella raffigurante il numero di scudetti vinti fino ad allora.

5) BRASILE 1970

maglia

Il Times l’ha eletta come maglia più bella della storia della nazionale più bella del mondo. Non potevamo infatti non inserire una divisa del Brasile e quella che abbiamo scelto veniva indossata ormai 48 anni fa da una delle nazionali più forti di sempre. A Messico ’70, erano due le casacche ufficiali della nazionale carioca: quella più famosa giallo-verde e quella blu e bianca. I giocatori e i tifosi italiani ricorderanno indelebilmente il completo giallo-verde visto che con quelle casacche, il Brasile di Pelè, Jairizinho e Carlos Alberto trafiggeranno gli azzurri in finale con un secco 4-1.

4) OLANDA 1988

maglia

In quanto a maglie da calcio, l’Adidas si è sempre contraddistinta per essere un’iniziatrice di tendenze. La divisa dell’Olanda all’Europeo (vinto) del 1988 anticipò la moda dei pattern pazzi che si sono susseguiti negli anni ’90 sulle divise da gioco, moda peraltro ripresa anche dalla Spagna nel 2016. Il nostro uomo copertina non poteva che essere Marco Van Basten, autore di Europeo a dir poco strepitoso che gli valse tra l’altro il Pallone d’Oro e che  col suo gol da cineteca in finale con l’URSS trascinò la sua Olanda alla vittoria finale.

3) SAMPDORIA 1990-91

maglia

La maglia della Samp ha sempre riscontrato un fascino irresistibile. Se parlate ad esempio con degli appassionati di calcio inglesi, noterete che i blucerchiati sono tra le squadre più seguite e molto lo si deve proprio alla  sua casacca, bellissima e tradizionale, capace di conservare fascino e originalità fino ai giorni nostri con vere e proprie chicche che hanno anticipato le tendenze dei grandi marchi sportivi. Nata dalla fusione del ’46 tra Sampierdanese e Andrea Doria, la maglia sampdoriana è stata insignita del premio “divisa più bella di sempre” dal prestigioso mensile francese “So Foot”. Se dobbiamo proprio sceglierne una tra quelle susseguitesi, non possiamo non mostrarvi la casacca della stagione 90-91, quella dello scudetto, quella dei mitici Vialli e Mancini.

2) OLANDA 1974

maglia

Arancia Meccanica fu un film meraviglioso di Kubrick ma anche un capolavoro sul campo da calcio. Siamo in Germania ai Mondiali del 74’ e la straordinaria Olanda del “calcio totale” entra nella storia per il suo calcio spumeggiante capitanato da Johann Crujiff. A vincere alla fine sono i tedeschi ma nessuno ha dimenticato la Orange di quel Mondiale. E nessuno può dimenticare la meravigliosa maglia da gioco, perfetta nella sua semplicità e allo stesso tempo iconica. Una chicca: la maglia era firmata Adidas e Crujiff, uomo immagine Puma (rivale fratricida proprio dell’Adidas) scendeva in campo con una versione personalizzata con solo due strisce sulle maniche e senza logo sul petto.

1) BOCA JUNIORS 1980-81

maglia

Al primo posto non potevamo non mettere la maglia del Boca Juniors stagione 80-81, guarda caso, primo e unico anno in cui la Bombonera ha potuto godere delle magie di un certo Diego Armando Maradona. La casacca del club di Buenos Aires colpisce per la semplicità unita a colori meravigliosi , gli stessi della città, gli stessi di una comunità che vive il calcio come una religione, gli stessi di una cittadinanza, di un popolo, che ha ben chiaro quale sia il suo unico e vero Dio: Diego.

Be Sociable, Share!

Paolo Riggio

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

One Response to "Top10, qual è la maglia da calcio più bella di sempre?"

  1. Raheel   11 dicembre 2018 at 16:44

    Dear sir /madam

    We are briefly introduce to myself. We are manufacturer and exporter of
    Sportswear. We have established the company.www.shanu-sports.com in
    industrial city sialkot-51310-pakistan since 1992.we have a specialist
    in sports wear.
    if you need any samples.so
    feel free contacts with us. We are waiting your enquery.we will give you
    competitive prices with home delivery. For more information visit our
    website http://www.shanu-sports.com

    Best regards,

    Director
    Raheel

    Email; info@shanu-sports.com

    Office time: 8pm to 2am

    Cell;+923406104047
    Address;mohala jalal pura sialkot-51310-pakistan

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.