Mostre in tutta Italia tra festività e ponti vari

Mostre in tutta Italia tra festività e ponti vari

ITALIA – Se durante le festività e ponti vari non potrete fuggire lontano, godervi il verde dei prati ed il primo sole al mare, ma rimarrete in città, tra pranzi e riunioni di famiglia, pulizie di primavera e uova di cioccolata… Scegliete di dedicare a voi stessi qualche ora di bellezza e visitate una delle tante mostre che in questo periodo sono aperte.

Oltre a quanto vi abbiamo già suggerito in occasione della Domenica al Museo del 2 Aprile a Roma, aggiungiamo qualche altro suggerimento, stavolta provando ad allargarci in tutta Italia.

Se siete amanti della fotografia non potete perdervi a Palazzo Ducale di Genova la mostra di Henri Cartier-Bresson, oppure le splendide fotografie di moda in “Helmut Newton. Fotografie. White Women/Sleepless Nights/Big Nudes” Palazzo delle Arti a Napoli.

A Brescia una retrospettiva dal neoclassicismo al romanticismo, con “Da Hayez a Boldini. Anime e volti della pittura italiana dell’Ottocento”, a Palazzo Martinengo.

Se invece vorreste provare un nuovo modo di approcciarvi all’arte e non sentite la necessità di stare a tu per tu con un dipinto, potreste scegliere una delle “mostre” multimediali prodotte ultimamente ed immergervi in un racconto che sfrutta le nuove tecnologie e un suono surround di qualità cinematografica.
A Roma è stata prorogata fino al 23 Aprile Van Gogh Experience, mentre a Torino, presso Venaria Reale, potrete scoprire il genio maledetto in Caravaggio Experience; spostandoci a Bologna troverete Dalì Experience, un viaggio interattivo alla scoperta di un artista poliedrico ed originale.

Tornando a Torino, in occasione della ricorrenza del decimo anniversario della sua inaugurazione, la Venaria Reale propone “Tesori e simboli della regalità sabauda”, una mostra che racconta, attraverso opere provenienti da tutta la penisola, la dinastia Savoia nel periodo compreso tra il 1860 e il 1920.

La mostra Toulouse-Lautrec – La Belle Époque, dopo l’Ara Pacis di Roma, Palazzo Chiablese di Torino, arriva a Verona e sembra davvero imperdibile.

In seguito al successo romano, la mostra “Antonio Ligabue”, ospitata al Complesso del Vittoriano, ha continuato il suo tour, spostandosi a Pavia, presso le Scuderie del Castello Visconteo; anche “LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore”, ha cambiato sede espositiva e quindi, in caso l’aveste persa nella capitale e vi troverete durante le festività pasquali a Milano, potete approfittarne.

È molto ampia l’offerta del capoluogo lombardo, a Palazzo Reale vi abbiamo già suggerito la retrospettiva su Keith Haring con About art, ma troverete anche i capolavori di Manet e la Parigi moderna. Guardando invece al Museo del Novecento, Sixty Last Suppers ci offre un insolito confronto tra Leonardo da Vinci ed Andy Warhol.
Dalla Pop Art all’astrattismo: al Mudec ci viene proposta un’inedita mostra “site-specific” e multimediale su “Kandinskij, il cavaliere errante. In viaggio verso l’astrazione”.

Se amate la scienza, sempre a Milano,  troverete anche Dinosauri. Giganti dall’Argentina, una delle più importanti mostre scientifiche sull’evoluzione dei dinosauri, con reperti unici.

A Genova Modigliani, mentre se vi troverete nei pressi di Forlì, non potete perdere Art Déco, Gli anni ruggenti in Italia, con più di 400 opere tra dipinti, sculture, litografie e complementi d’arredo.

Sposiamoci verso est, a Palazzo Ducale di Venezia, in occasione del 500esimo anniversario della sua morte, una retrospettiva su Hieronymus Bosch, che fa perno su tre importanti opere appena restaurate ed una sezione virtuale dedicata al pittore olandese, che permetterà ai visitatori di godere di un’esperienza immersiva ed “entrare” nelle sue opere.

Infine, in occasione del cinquantenario della scomparsa del grande Antonio de Curtis, in arte Totò, avvenuta (15 aprile 1967), la città di Napoli ospita la mostra Totò Genio, prima grande antologica a lui dedicata e vuole mettere in luce la grandezza di uno dei maggiori interpreti italiani del Novecento.

Insomma, c’è n’è davvero per tutti i gusti! Buona visione e buone vacanze!

Giulia Chellini

Giulia Chellini

Silenziosa scrutatrice, appassionata di arte e restauro; spesso sogno ad occhi aperti il mondo come dovrebbe essere per dimenticare il mondo come è..ed intanto perdo l’autobus. Fotografo dettagli insignificanti, cerco quadrifogli nei prati e parlo con i gatti. Penso che lo scopo della vita sia racchiuso nella parola “scoprire”: luoghi, cose e persone.
Giulia Chellini

Leave a Reply

Your email address will not be published.