Must Have

Must Have

Il tour in giro per l’Italia della mostra itinerante “Must Have” di Marcello Reboani, curata da Melissa Proietti, ha già toccato città importanti come Milano e Roma e località come Pietrasanta. Non poteva quindi mancare la regina delle Dolomiti, Cortina d’Ampezzo, dove l’esposizione torna in grande stile, dopo una preview tenutasi lo scorso inverno all’Hotel Ambra.
Must Have_3A partire dal 7 dicembre 2012, data della vernice, l’esposizione rimarrà infatti allestita nelle sale del Comun Vecio (Corso Italia 83) fino all’8 marzo, costituendo l’evento artistico di punta del calendario invernale ampezzano. La mostra, realizzata con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo e con il supporto di Cortina Turismo, vede coinvolti due mediapartner d’eccezione, CORTINA.TOPic e RDS Radio Dimensione Suono, e Muse Factory of Projects per la realizzazione di tutti i materiali grafici.
La particolare declinazione fashion di molti dei soggetti proposti ha reso infatti questa mostra perfetta per inaugurare la stagione di una località storicamente glamour e di charme come Cortina, in linea con la seconda edizione del Cortina Fashion Week End che porterà nel comune ampezzano oltre cento eventi diffusi tra boutique e vie del centro nel fine settimana che dà ufficialmente il via alla stagione invernale.
Le Kelly di Hermes, le Manolo Blahnik, gli orologi Rolex, i Levi’s, le All Stars, la mitica Vespa, il tappo del Campari, quello della S. Pellegrino, la Cadillac, lo Xanax.
Qual è il minimo comune denominatore tra questi oggetti?
La chiara riconoscibilità e rappresentatività in quanto oggetti dell’oggi e l’essere realizzati con materiali di recupero, che Reboani riassembla, riplasma, in un certo senso conduce a nuova vita, portando avanti un concetto forte di riutilizzo come chiave di volta per la costruzione del futuro. Legno, plastica, lamiere, chiodi, vetro, l’ispirazione è molteplice e mostra la versatilità dei materiali accostati in maniera anticonformista, ma pur sempre volti a ricostruire oggetti ormai diventati icone, con un messaggio dalla forte valenza etica e sociale.
Must Have_2Must Have” ripercorre iconograficamente la contemporaneità proponendone gli oggetti cult, fissati ormai in modo indelebile nell’immaginario collettivo, selezionati dall’artista e dalla curatrice utilizzando una chiave di lettura trasversale.
Questi quadri-scultura – spiega la curatrice e co-autrice Melissa Proietti – sono lì a ricordarci che al di là delle apparenze e degli status symbol creati a tavolino dagli uffici marketing delle grandi maison del lusso, il vero Must Have resta la salvaguardia del nostro pianeta, di cui ognuno di noi è responsabile. Reboani non ne fa una questione politica, ma punta l’attenzione su quella che lui definisce economia della materia”.

Be Sociable, Share!

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque