Un notte per ritrovare il passato

Un notte per ritrovare il passato

Nottetempo” è un film appena uscito nelle sale, con un cast che vede protagonista un Giorgio Pasotti che, nonostante i suoi dolci e regolari lineamenti del volto, interpreta un uomo tenebroso e duro. Il personaggio Matteo è un poliziotto della stradale con il passato da rugbista. La protagonista è la bellissima e giovanissima Assia, Nina Torresi,  che conosciamo per alcuni film presentati al Giffoni Film Festival del 2005 ed al Siena film festival, oltre ad un film realizzato con Margarethe von Trotta. Sicuramente il successo più popolare l’ha raggiunto nella quinta stagione della serie TV di Canale 5 ”I Cesaroni”. Qui interpreta una ragazza perdutamente e segretamente innamorata di Matteo.
Giorgio-Pasotti_Nottetempo-®AntonelloMontesi__MG_1545_ALCE_100Nel film si snodano le vite di personaggi che, attraverso tragiche casualità, vedono incrociare le storie delle loro vite. Ritroviamo tra questi un cabarettista ormai in declino interpretato da Gianfelice Imparato, e “l’antagonista” in amore di Matteo interpretato da Antonio Milo, attore che abbiamo avuto modo di conoscere in diverse serie poliziesche, quali Distretto di polizia, La nuova squadra fino Il commissario Montalbano.
“Nottetempo”, è l’opera prima di Francesco Prisco che viene da un passato di corti (al suo attivo circa una dozzina). La trama si snoda intorno ad un tragico incidente stradale che costringerà i diversi personaggi a reagire alle loro vite ed alle loro emozioni. Da questo episodio il “risveglio” emotivo del poliziotto Matteo, che troverà l’energia per ribaltare il suo torpore desiderando addirittura di riscattare una fetta di vita (nove anni) troppo lunghi da colmare. Anche Assia decide di mettere in gioco la sua esistenza per realizzare l’incontro con quello che lei crede sia l’amore della sua vita. Voglia di rivalsa e vendetta si alternano in un viaggio attraverso l’Italia, da Napoli fino a Bolzano, intrapreso dai diversi personaggi, in situazioni e momenti diversi, al fine di dare una svolta alla propria vita per una nuova felicità. Il viaggio, la ricerca di un riscatto personale, la sofferenza e l’inseguimento della felicità ruotano intorno alla frase dello sport che accomuna il personaggio di Pasotti a quello di Antonio Milo,  entrambi ex rugbisti: “Il rugby è uno sport bestiale giocato da gentiluomini”.  Ecco che inseguendosi alla ricerca di un cambiamento a cui nessuno vuole più rinunciare la pellicola ci coinvolge in un viaggio attraverso il sentimento.
Nina-Torresi_Nottetempo-®AntonelloMontesi_MG_3671Il giallo vede la trasformazione di un Giorgio Pasotti in un personaggio crudele, ma che allieta la visione attraverso un fisico bestiale, come direbbe Luca Carboni, in lunghe scene dove si mostra il suo muscoloso busto, mostrandosi vestito solo dalla cinta in giù. Anche la bellezza e la bravura di Nina Torresi è indiscussa. Il finale ci coglie di sorpresa e quindi non è per nulla scontato. La suspence c’è e la trama è avvincente. Sicuramente un film italiano che si discosta dalla commedia senza scadere nel banale.
Da giovedì 3 aprile l’esordio del giovane regista di talento con un ottimo cast inedito.

Be Sociable, Share!

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.