OOF porta la poetic textile al Pitti 94

OOF porta la poetic textile al Pitti 94

PITTI UOMO – Poetic textile  è un viaggio attraverso una poesia di tessuti e fantasie che ricordano terre lontane. Un mix di colori e texture che raccontano attimi suggestivi pervasi da sensazioni ed emozioni. Ecco la nuova collezione OOF Primavera/Estate 2019  che risalta una contaminazione tra mondi remoti che custodiscono atmosfere quasi magiche. Un mood in perfetta linea con il POP di Pitti Immagine 94.

Made in Italy e innovazione di prodotto sono i punti di forza che, ancora una volta, trainano il successo di un brand giovane ma in continua crescita come OOF. Nato nel 2016 dall’azienda trevigiana NYKY fondata da Michela e Alessandro Biasotto, a Pitti  si presenta con una collezione nuova che reinterpreta i suoi capi classici, trasformandoli.

OFF_0041

OOF si è imposto sul mercato nazionale e internazionale grazie alle sue giacche culto reversibili in nylon high tech, sportive e colorate, declinate originariamente in pochi modelli e che sono arrivate a creare, nel giro di poche stagioni, un vero e proprio lifestyle con capispalla e accessori per lui e per lei.

Io non somo riuscita a resistere a questo connubio di colori e qualità. Durante il giro alla Fortezza da Basso,  allo stand di OOF, ho voluto indossare e provare ogni cosa, trovando la collezione semplicemente meravigliosa nel suo connubio innovativo e artistico.

Qui ho chiacchierato con Michela Biasotto; la quale ci ha presentato la collezione denominata Poetic Textile. Simbolo di questa nuova linea è l’incontro della qualità e unicità dei capi con vernici luccicanti ed effettti tie-dye, creando colori dei paesi esotici al calar del sole e le onde del mare. Elemento sicuramente di tendenza.

OFF_0043

Capispalla, trench sono intrisi di un’energia magica. Mix di materiali spesso in antitesi tra loro, ma che convivono nel confort con un accenno di streetwear.

Non solo colori ma anche tessuti innovativi e moderni. Il Nylon Memory, il Popeline 100% cotone, sviluppato su capi ultraleggeri; studiato per poter essere indossato anche sotto la pioggia grazie all’innovativo trattamento water resistant. Ricordiamo che l’azienda eco friendly non usa mai le piume neanche per le giacche imbottite invernali, dall’aspetto di piumini, con imbottiti di lane. Poi qui troviamo anche il velluto millerighe, utilizzato in chiave primaverile.

Da come potete vedere dalla foto in basso ho indossato il cappotto OOF che  diventa uno zainetto. Ha delle fasce che lasciano libere le spalle per non indossarlo, ma non portarlo in braccio, quando fa più caldo.
OFF_0049

Anche la linea accessori si impresiosisce nella collezione Primavera/estate. Marsupi utilizzati come zaini, borse in perfetto coordinato con gli abiti e le giacche. Accessori ironici grazie alla combinazione dei colori. Accessori intercambiabili che possono essere utilizzati, sia come borsoni, come marsupi e addirittura come zaini.

OOF

I colori sono vivi, allegri. Allo stand di OOF ho indossato un leggerissimo marsupio in plastica rosa. (Rosa è solo una variante. Ci sono tutte le gradazioni del gelato fragola, menta….)

OFF_0046

Quello che traspare una volta visitato lo stand sono le lavorazioni accurate e colori studiati, texture ricercate che danno vita a un universo di stile unico, naturalmente tutto italiano. Ma pieno di colori.

Be Sociable, Share!

Fabiola Cinque

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

One Response to "OOF porta la poetic textile al Pitti 94"

  1. Lamberto Cantoni
    Lamberto   15 giugno 2018 at 15:12

    Bell’articolo. Molto interessante OOF. Non conoscevo la loro produzione.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.