PITTI UOMO 2015: dalla testa ai piedi!

PITTI UOMO 2015: dalla testa ai piedi!

E dato che Doria 1905 ha seguito i viaggiatori di inizio secolo, che salpavano da Brindisi verso mete esotiche, ho intrapreso con loro, tramite la nuova collezione, un affascinante viaggio a Levante per indossare i loro meravigliosi cappelli dai ricchi colori della terra Salentina.

E qui i cappelli di Doria 1905 rubano i colori profondi del paesaggio assolato e selvaggio, il verde scuro dei pini, l’amaranto profondo del “Primitivo”, il bruno della terra e del cuoio. Ci piace immaginare il look di un esploratore raffinato e inusuale che interpreta, grazie ai tessuti a micro fantasie in toni ricchi di contrasti, i vibranti colori che rimandano ai profumi intensi dell’erba grezza.
Il tema della collezione prende forza poi nei tratti decisi, i volumi ricercati ed i toni accesi delle spezie, catturando la luce preziosa delle pietre dure, i blu accesi del mare salentino fino ad una frizzante nota di mandarino, andando ad affievolirsi nei toni leggeri delle acque trasparenti.
Poi sono salita leggermente più a nord per indossare i focosi colori della lava del Vesuvio. E qui l’abito napoletano, connotazione dell’eleganza per eccellenza, non sbaglia mai nel mix della sabbia striata da verdi nelle giacche a quadri, nel turchese delle acque capresi, nel corallo simbolo del brand Isaia, approdato oramai negli States come porta bandiera del look sfacciato dell’uomo sicuro ed affascinante, un po sprezzante e vanitoso come solo il “Gagà” napoletano sa essere.
E dato che i colori brillano anche ai piedi mi divertiva l’idea di creare un mix trasversale, non solo tra le regioni italiane, ma tra una fusione dei sessi.
Ed eccomi incantata dinanzi agli oblò fluo alla premiere della collezione “Shine Baby Shine” PINKO. A gennaio si sposava perfettamente con il tema-guida “Walkabout” dei saloni del Pitti Uomo 2015, con l’idea basilare (e sempre attuale) del viaggiare a piedi per camminare guardando, pensando ed assaporando il mondo. Questa volta il tema è stato il colore quindi i codici delle sneaker, così come il suo momento d’uso, sono stati rivoluzionati da PINKO grazie all’introduzione di elementi tipici del guardaroba femminile come ricami couture, finiture e dettagli preziosi. Il carattere della collezione è in linea perfettamente al DNA del marchio: femminile e contemporaneo, oltre al giusto equilibrio fra moda e ricerca.
Insomma una sneaker che diventa accessorio, unico per la sua creatività ed estrosità, ma che può contribuire a completare e definire il look ad un uomo originale o una donna pratica e dinamica che non ha paura di osare e non vuole rinunciare ad essere di tendenza.

Pitti Uomo 2015

Be Sociable, Share!

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.