SetUp Blab Space: il salottino dell’arte

SetUp Blab Space: il salottino dell’arte

SetUp Art Fair, per la sua seconda edizione, dedica un intero spazio espositivo al SetUp Blab Space: il nuovo salottino dell’Arte, curato dalla giovane e intraprendente Giulia Giliberti.

L'installazione di Lucia Amalia Maggio
L’installazione di Lucia Amalia Maggio

In esposizione, venerdì 24 e sabato 25 gennaio 2014 dalle ore 19 alle 22:30, al SetUp Blab non opere, ma direttamente artisti, curatori, galleristi e giornalisti che parleranno di sé, senza mediazioni.
Si parte con Paolo Bini, artista classe ’84, per la presentazione del libro Brink of the Ocean, Edizioni Gutemberg. Presenti l’autore Massimo Bignardi e l’artista, introduce Sibilla Tieghi. La monografia raccoglie alcune delle opere realizzate nell’ambito di Artist Residence Project ItalySouth Africa, un progetto di cooperazione tra il Centro Luigi Di Sarro di Roma e la SMAC Art Gallery di Cape Town. Primo esemplare della collana Strument new, dedicata alle giovani presenze nell’arte Contemporanea internazionale.

L'artista Gaia Scaramella sarà intervistata dalle almostCurators
L’artista Gaia Scaramella sarà intervistata dalle almostCurators

Si prosegue con le Almost Curators, giovane gruppo curatoriale composto da Pia Lauro, Emanuela Pigliacelli e Serena Silvestrini. Lui chi è? LIVE è il nome del progetto che in occasione di SetUp si condensa, nelle due giornate, in due incontri con le artiste Valentina Vannicola e Gaia Scaramella. Lo scopo del gruppo è trovare un punto di incontro tra i due grandi pubblici dell’arte: gli esperti e gli appassionati.
Dalle ore 21 alle ore 22:30 Equilibri, il network culturale dedicato all’arte, presenta BE KIND con tatto, progetto ideato da Lorenzo Paci. Nel corso dei due appuntamenti, siederanno sulle particolari creazioni del progetto Una Sedia per SetUp dodici professionisti dell’arte, sei ad incontro: Alberto Agazzani, Lia Bedogni, Flora Bigai, Carolina Lio, Chico Schoen, Fabrizio Russo, Andrea Bruciati, Guido Cabib, Marco Poggiali, Maria Savarese, Roberta Lietti, Igor Zanti. Difronte a ciascuno, prenderà posto chiunque si sia prenotato on-line al dibattito, senza esclusione di colpi o complimenti (link prenotazione: http://www.equilibriarte.net/newsletter/bekind004).
La seconda giornata di SetUp Blab è aperta da Casa Falconieri/FIG Bilbao che presenta il Premio per una Borsa di Studio della durata di 8 giorni da spendersi nel 2014. La giuria, composta da Gabriella Locci e Dario Piludu di Casa Falconieri e da Simona Gavioli e Alice Zannoni di SetUp, sceglierà tra gli artisti presenti all’interno della Fiera SetUp 2014 il vincitore (età massima 40 anni) che potrà partecipare al Laboratorio Professionale, presso l’Atelier della sede operativa di Casa Falconieri in Sardegna. In perfetta sintonia con la filosofia del SetUp Blab, lungo le pareti della sala: il lavoro di Lucia Amalia Maggio, un reticolo di nastri dai colori primari generati da piccoli cubi trasparenti, le strutture di pensiero. I nastri si sviluppano nello spazio e si intersecano tra loro a rappresentare una fitta rete di relazioni tra il sé e l’altro.
Mettetevi comodi, il salotto di SetUp vi accoglierà.

SetUp Art Fair 
23-26/01/2014
Bologna, Autostazione, Piazza XX Settembre, 6
info@setupcontemporaryart.com
www.setupcontemporaryart.com

Be Sociable, Share!

Simona Gavioli

A chi mi chiede perché amo l’arte rispondo cosi:
Sono nata nella città di Virgilio, del Regno dei Gonzaga e di Isabella D’Este, una delle donne più colte e stimate del Rinascimento. Sono nata tra le mura di Palazzo Te (Giulio Romano) e la camera degli sposi (Andrea Mantegna). Sono cresciuta saltellando qua e là, facendo finta di pregare tra la chiesa di San Sebastiano e la Basilica di Sant’Andrea (Leon Battista Alberti). Sono vissuta dividendo la mia vita tra cucine e chiese matildiche; la mia favola, prima di dormire, era L’Arte di Ben Cucinare di Bartolomeo Stefani, cuoco al servizio di Ottavio Gonzaga.
A chi mi chiede perché scrivo, non rispondo.
Ma a chi mi chiede perché scrivo di arte e di cucina, dico solo che la scrittura è qualcosa che hai dentro e dalla quale non puoi scappare perché fa parte di te. La scrittura, come l’arte, ingombra la vita, soprattutto quando diventa urgente, compulsiva e passionale come la mia.
Simona Gavioli

Leave a Reply

Your email address will not be published.