SpoletoNorcia 2018, intervista all’ideatore Luca Ministrini

SpoletoNorcia 2018, intervista all’ideatore Luca Ministrini

SPOLETO – Manca davvero poco all’edizione 2018 della SpoletoNorcia in MTB. La manifestazione cicloturistica per amatori e atleti, che si svolgerà Sabato 1 e Domenica 2 Settembre, è diventata ormai a tutti gli effetti il più grande evento ciclistico del centro Italia. Scopriamone insieme tutti i segreti e tutti i motivi per cui vale la pena prenderne parte!

Siete appassionati di Moutain Bike? Volete percorrere l’itinerario più verde d’Italia? Volete partecipare ma non sapete come iscrivervi? Per darvi le anticipazioni che merita questa manifestazione ho intervistato Luca Ministrini, creatore e organizzatore della SpoletoNorcia in MTB 2018, la più bella ciclovia d’Italia.

SpoletoNorcia
Il benvenuto alla Manifestazione della vice sindaco di Spoleto Maria Elena Bececco

La SpoletoNorcia 2018 propone un itinerario davvero unico e imperdibile. Partendo dal suo Centro Storico e percorrendo il tracciato dell’antica ferrovia, attraversa i territori di alcuni dei Borghi più belli, tra cui Scheggino, patria del prezioso tartufo conosciuto in tutto il mondo.

Patrocinata dal Coni, dalla Federazione Italiana Ciclismo, da Diabetics in Sports, dalla Regione Umbria, dalla Provincia di Perugia e dai sei Comuni tra cui si snoda il percorso, Cerreto di Spoleto, Norcia, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino e Vallo di Nera.

SpoletoNorcia
I relatori della SpoletoNorcia

Il binomio sport-turismo è sempre più forte ed in crescita. A confermare ciò sono stati forniti alcuni dati estratti dall’ultima edizione della borsa del turismo sportivo nel 2017:

– oltre 10 milioni di viaggi e più di 60 milioni di pernottamenti in strutture ricettive italiane;

– giro d’affari stimato in 6,3 miliardi di euro;

– un italiano su 4 sceglie la meta delle proprie vacanze anche in virtù di una offerta sportiva;

– la SpoletoNorcia è la più bella ciclovia d’Italia;

– un tasso di crescita del turismo sportivo del +150% in tutta Europa negli ultimi 10 anni.

SpoletoNorcia
Il nostro direttore Fabiola Cinque con Luca Ministrini, ideatore della SpoletoNorcia

Insomma, dati incoraggianti, che fanno sicuramente piacere non solo a tutti gli amanti intramontabili della mountain bike ma anche all’organizzatore e ideatore della SpoletoNorcia, Luca Ministrini al quale non potevamo non fare qualche domanda su questo evento così sentito.

Cinque edizioni e ognuna di queste sempre in crescita di numeri la passione per la mb non finisce mai. Te lo aspettavi?

Quando riesci a incrementare i numeri e i dati di affluenza in manifestazioni come queste anno dopo anno, il merito è di tutti. Prendo per esempio il Comitato di Organizzazione, che 5 anni fa ebbe la lungimiranza di individuare nel cicloturismo un possibile elemento trainante per l’economia del territorio; e non parlo del territorio spoletino, ma di tutta la Valle Spoletina.

Con la SpoletoNorcia in Moutain Bike, abbiamo voluto creare un evento che si rivolgesse ad amatori, cicloturisti più o meno allenati e non solo ai bikers, ma anche handbikers, runners e walkers. I numeri sono impressionanti: Nel Settembre 2015 siamo riusciti a portare sui suoi sentieri circa 1.000 bikers, che hanno potuto ammirarne la bellezza e le grandi potenzialità. Il numero dei partecipanti è poi salito a 1.500 nel 2016 e a quasi 2.000 nel 2017.

La conferenza SpoletoNorcia
Il giornalista Marcel Vulpis moderatore della conferenza SpoletoNorcia

La SpoletoNorcia in Moutain Bike non è soltanto un evento sportivo. Sei d’accordo sul fatto che sia anche questo uno dei suoi punti di forza?

Assolutamente si, la SpoletoNorcia è un evento culturale e sociale. È stata ideata come veicolo per attrarre l’attenzione mediatica su questo territorio meraviglioso, dalle grandi risorse turistiche, paesaggistiche, storiche, artistiche ed enogastronomiche, capace di accogliere e coccolare, viaggiatori e turisti di ogni tipo e provenienza geografica. Ecco tutte queste risorse vengono perfettamente espresse nella nostra manifestazione.

spoletonorcia

Parlaci un po’ nel dettaglio della gara.

La gara si svolge su un tracciato percorso in origine da una tratta ferroviaria che il sisma ha reso impraticabile e vuole, in questo modo, riappropriarsi di spazi che i tragici eventi sismici hanno strappato alla collettività. 51 km totali, anche se oggi solo una parte realmente percorribili; 19 gallerie, 24 ponti e viadotti, 13 caselli da Spoleto a Norcia; vari tratti elicoidali, con passaggi su scorci sorprendenti. Questa è la Vecchia Ferrovia che congiungeva Spoleto a Norcia, chiamata anche il Gottardo dell’Umbria.

Siamo riusciti a liberare dai binari la ferrovia è l’abbiamo resa una parte del suggestivo tracciato della SpoletoNorcia. Abbiamo fatto un lavoro meticoloso, ammorbidendo i dislivelli più impegnativi del percorso per renderla accessibile a tutti. Ora il tracciato gode di una pendenza soft e sarà contornato da un ambiente unico fatto di di musica, attrattive e particolari stazioni di sosta enogastronomiche che sono sicuro apprezzerete tutti moltissimo!

spoletonorcia

SpoletoNorcia
ieri e oggi

Come hai detto in precendenza la SpoletoNorcia si rivolge a un bacino di partecipanti trasversale. Ci parli dei vari percorsi presenti?

Gli iscritti avranno a disposizione 4 percorsi come sempre: confermatissimo il percorso FAMILY (il Corto, 14 km per 250 mt di dislivello), alla portata di tutti, come evidenziato dalla grande partecipazione di famiglie con bambini nelle edizioni precedenti. Novità in vista, invece, per il percorso CLASSIC, il più partecipato, che darà la possibilità di scelta, durante il tragitto, tra 3 diversi livelli di difficoltà: Easy Route (40 km con 1.000 mt di dislivello), Medium Route (45 km con 1.300 mt di dislivello), Hard Route (50 km con 1.500 mt di dislivello); la scelta è puramente tecnica, il costo d’iscrizione non varia, vogliamo solo offrire la possibilità di poter decidere durante il percorso, in base alle proprie condizioni, da quale parte buttarsi… Naturalmente, tutto sarà segnalato e sarà possibile chiedere informazioni ai nostri volontari disseminati lungo il percorso.
Family e Classic si svolgeranno Domenica 2 Settembre 2018, con partenze scaglionate (dalle ore 9) secondo una disposizione in griglie, in base alla data d’iscrizione. Altra novità del Classic è la presenza di una griglia riservata alle e-Bike, che avranno una partenza dedicata e precedente rispetto alle altre, ed un’importante presenza di ciclisti con problemi diabetici.

Un consiglio, come sempre, prima vi iscrivete alla SpoletoNorcia in Moutain Bike e meno vi costerà!

SpoletoNorcia
Le tracce della vecchia ferrovia SpoletoNorcia

Quando si raggiungono risultati così importanti il rischio è quello di adagiarsi sugli allori. Ma quali sono i vostri obiettivi futuri?

Abbiamo ancora tanto lavoro da fare. Vogliamo rendere la SpoletoNorcia completamente percorribile e aperta tutto l’anno, a beneficio di chiunque voglia visitarla, a piedi, in bici o a cavallo, per rivivere un pezzo di storia della nostra regione. Il nostro evento annuale, oltre che offrire divertimento e agonismo in compagnia, ha come obiettivo proprio quello di far scoprire a più persone possibili questa stupenda infrastruttura e, allo stesso tempo, sensibilizzare le autorità pubbliche per velocizzare i lavori di ripristino completo.

Le tracce della vecchia ferrovia SpoletoNorcia
Noi con gli organizzatori sul percorso della vecchia ferrovia SpoletoNorcia

INFO Percorso

GLI APPUNTAMENTI

La SpoletoNorcia in MTB, date 1° e 2 Settembre.

La SpoletoNorcia del Gusto, dal 30 Agosto al 2 Settembre

Per consigli sono come trascorrere ore di relax, o dove soggiornare e cosa visitare, ecco qui la nostra descrizione “salutare” di come vivere in modo originale i dintorni di Spoleto. Per immergervi nel verde della Valnerina, tra una visita ed un evento culturale si può scegliere di trascorrere una giornata ai Bagni di Triponzo, divenuti la SPA più grande dell’Umbria.

SpoletoNorcia 2018

Be Sociable, Share!

Fabiola Cinque

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.