Supereroi al cinema, quali sono i migliori e i peggiori di sempre?

Supereroi al cinema, quali sono i migliori e i peggiori di sempre?

MONDO – Oggi, giovedì 6 luglio, torna l’Uomo Ragno al cinema. Il film sarà un successo? In occasione dell’uscita del film ci poniamo un quesito: quali sono stati i migliori film di supereroi e quali i peggiori sia in termini di qualità che di rapporto qualità spese?

C’è molta attesa per Spider-Man: Homecoming, secondo reboot cinematografico dell’Uomo Ragno, in uscita nelle sale giovedì 6 luglio. Secondo le previsioni del box-office il film dovrebbe incassare più di 100 milioni di dollari all’apertura. Un dato incoraggiante, non da record, ma molto positivo, che diventa ancor più incoraggiante se si pensa alle non eccelse condizioni in cui versa da qualche anno il marchio legato alle avventure di Peter Parker.

Di reboot Spiderman ne ha avuto già uno, vale a dire quello del regista Marc Webb. I risultati però sono stati tutt’altro che brillanti, non tanto in termini di incassi (comunque non altissimi), quanto in termini di qualità. I due film con protagonista Andrew Garfield non sono riusciti a superare o quantomeno ad eguagliare il fascino dei primi titoli legati all’Uomo Ragno quelli firmati Sam Raimi. Insomma non ci resta che aspettare prima di esprimere un giudizio. Di sicuro sia la Marvel che la Sony, co-proprietarie del brand Spiderman, puntano molto su questo nuovo capitolo, come dimostra la scelta del cast (Michael Keaton, Marisa Tomei e Robert Downey Jr.) e la svolta narrativa; Spiderman infatti avrà 15 anni, almeno nel primo capitolo che verrà messo in produzione, e le sue vicende al liceo saranno al centro della trama.

E allora, cosa ci si prospetta? Il film di Jon Watts sarà un successo? In occasione del ritorno di Spiderman al cinema ci poniamo un quesito. Quali sono stati i migliori film di supereroi e quali i peggiori sia in termini di qualità che di rapporto spese-ricavi?

Flop 5: i peggiori film sui supereroi

 5) Superman Returns (2006) di Bryan Singer. Con Brandon Routh, Kate Bosworth e Kevin Spacey.

Chi riuscirà a rivitalizzare definitivamente la saga di Superman? A questa domanda, difficilmente troveremo risposta. L’unica certezza è che il peggior tentativo è stato compiuto da Bryan Singer. Al regista che aveva portato con successo al cinema gli X-Men, fu affidato un budget importantissimo per riportare in auge il portabandiera della DC Comics. Il risultato fu molto deludente. La pellicola non riuscì a catturare minimamente la grandezza del personaggio, soprattutto per colpa dell’attore protagonista Brandon Routh, il più piatto e monocorda Superman di sempre. A consolare le case di produzione fu l’incasso, non incredibile ma positivo, probabilmente figlio della mastodontica promozione avvenuta con 2 anni di distanza.

Voto: 5

Incassi: 391 milioni di dollari

 

4) Hulk (2003), di Ang Lee. Con Eric Bana e Nick Nolte.

A distanza di anni pensare che un film su Hulk, un tempo, fosse più un fardello che una garanzia di successo sembra incredibile. Ma se andate a ripescare il film di Ang Lee dedicato all’Incredibile, capirete subito il perché. La pellicola data 2003 fu un flop clamoroso, soprattutto per il giudizio dei fan, negativo a livello unanime. Quello che non convinse quasi nessuno fu l’aspetto troppo sentimentale della storia, le ambizioni filosofiche di un regista grandissimo ma forse non tagliato per questo tipo di film e gli effetti speciali ancora non pronti per un film del genere. Si dice che Eric Bana si giocò una carriera in rampa di lancio per questo obbrobrio, e che accettò la parte solo per rispetto verso il grande Ang Lee. Riteniamo quasi con certezza che se ne sia pentito amaramente.

Voto: 4,5

Incassi: 240 milioni di dollari.

 

3) Batman & Robin, (1997), di Joel Schumacher. Con George Clooney, Uma Thurman e Arnold Scwharzenegger.

Guardi, mi scuso. Voglio scusarmi con ogni fan che è rimasto deluso, è il minimo che possa fare.” Sono state queste le parole del regista Joel Schumacher, in un’intervista di qualche settimana rilasciata a Vice. Beh scuse accettate, o quasi, perché Batman & Robin, quarto capitolo in ordine cronologico della saga dell’uomo pipistrello, è stato un vero disastro. Dal momento della sua uscita ad oggi, il film è stato più volte inserito nelle classifiche dei peggiori film di sempre. I motivi? Vari, dalla trama ridicola e lontana anni luce da quella del fumetto al cast totalmente sbagliato (davvero, non ce n’è uno che non abbia rinnegato il film in qualche intervista), dai momenti comici, passando per i bat-capezzoli nei costumi fino ad arrivare alla bat-carta di credito. La pellicola, nonostante le critiche le dozzine di premi negativi (tra cui peggior film di tutti i tempi secondo Empire) fu salvato dagli incassi in attivo. Ma che fatica!

Voto: 2

Incassi: 238 milioni di dollari.

2) Fantastic 4 (2015), di Josh Trank. Con Miles Teller, Kate Mara, Jamie Bell e Michael B. Jordan

Quante volte un film è stato definito disastro annunciato dai critici e invece che confermare le premesse ha addirittura fatto peggio di quanto ci si aspettava? Un esempio lampante è quello dei Fantastici 4, uno dei peggiori flop del cinema supereoistico. La pellicola non è altro che un insieme di costumi sbagliati, nomi cambiati, variazioni, licenze poetiche e momenti ridicoli. Il risultato? Una storia potenzialmente interessante ridotta a un racconto di nerd post-adolescenti che hanno ottenuto poteri spaventosi che non riescono a gestire, alla pari dei brufoli. Buona parte di “Fantastic Four” mostra ragazzi accigliati che bisticciano e fissano dei computer. La cosa più fastidiosa, dato che si tratta di un film d’azione, è che c’è davvero poca azione. Gli effetti speciali sono scadenti, la recitazione è legnosa, e i dialoghi urlati sono fatti da cliché da film d’azione di bassa lega – «È ora di agire!» – e gergo da B movie di fantascienza: «i dati sulla sua energia biocinetica sono fuori scala!»

Voto: 3

Incassi: 167 milioni di dollari

 

1) Daredevil (2003), di Mark Steven Johnson. Con Ben Affleck, Jennifer Gardner e Colin Farrel.

Disastro, mediocrità e tanto, tanto trash. Il personaggio di Daredevil non meritava tale abominio. E forse non lo meritava neanche Ben Affleck, uno degli attori più sopravvalutati d’America certo, ma non così scarso come quello visto in Daredevil. Per poco il film non ha causato la fine della sua carriera e di quella di Jennifer Gardner. Pochi dubbi, Daredevil è il peggior film della storia dei supereroi. Gli ingredienti di tale guazzabuglio? Mettete insieme una quantità indicibile di scene mal girate, un’atmosfera da teen-drama stile MTV con un pizzico di oscurità tragicomica e una schiera di cattivi che definire ridicoli è dire poco. Nella scelta del regista poi, sta tutto il fallimento del film. Vi dicono qualcosa i titoli “Ghost Rider”, Jack Frost, When in Rome e Grudge Match? Portano tutti la firma di Mark Steven Johnson e sapete cos’hanno in comune? Sono stati tutti flop clamorosi, epocali.

Voto:1

Incassi 108 milioni di dollari

 

Top 5: i migliori film sui supereroi

5) I Guardiani della Galassia (2014), di James Gunn. Con Chris Pratt, Zoe Saldana e Dave Bautista.

Prendete quattro improbabili eroi sconosciuti al grande pubblico e fateli diventare icone cosmiche idolatrate da ogni nerd e marvelmaniaco che si rispetti. Impossibile? Non per James Gunn, regista de I Guardiani della Galassia, che è riuscito a proporre una pellicola fresca, originale e divertente, con una solida visione autoriale e una tecnica di ripresa perfettamente riuscita sotto tutti i punti di vista. I personaggi poi, sono azzeccatissimi (su tutti l’esilarante coppia Groot- Rocket) e riescono a offrire il giusto dosaggio di avventura, dramma e commedia. Il film è stato premiato da incassi straordinari e si è prepotentemente inserito nei progetti cardine del futuro Marvel.

Voto: 7,5

Incassi: 710 milioni di dollari

 

4) Batman Begins (2005), di Christopher Nolan. Con Christian Bale, Michael Caine e Liam Neeson.

Rilanciando il pipistrello dopo i disastri di Joel Schumacher, Christopher Nolan ha compiuto un vero e proprio miracolo proponendo un progetto tanto rischioso quanto straordinario. Il regista di Memento e di Inception si è accostato il più possibile al fumetto con un’attenzione e una profondità eccezionali. Ne esce fuori un Batman diverso da tutti i precedenti, un personaggio realista, più uomo che eroe. In Batman Begins la trama è tutta concentrata sulla trasformazione di Bruce Wayne (interpretato dal grande Christian Bale) e su tutti gli elementi che hanno influenzato la sua psiche, portandolo a diventare il supereroe più affascinante di sempre. Dai traumi infantili, all’allenamento in Estremo Oriente, dall’amore della sua vita, ai primi (forse non irresistibili) nemici. E il bello deve ancora venire.

Voto: 8

Incassi: 374 milioni di dollari

 

3) The Avengers (2012), di Joss Whedon. Con Robert Downey JR, Mark Ruffalo, Scarlett Johansson, Chris Evans e Chris Hemsworth.

Appena appresa la notizia dell’imminente uscita di The Avengers, tutti si aspettavano un successo planetario, ma quanti si aspettavano un capolavoro? Ebbene, il film di Joss Whedon ha sorpreso davvero tutti sotto questo aspetto. Il regista è riuscito a gestire abilmente personalità ingombranti dal punto di vista narrativo come quelle di Capitan America, Iron Man, Hulk, Thor, Vedova Nera e Occhio di Falco. Ogni personaggio trova il suo giusto posto nell’organigramma del blockbuster di tutti i blockbuster e non risalta rispetto agli altri: un equilibrio delicato, certosinamente ricercato e infine raggiunto, anche grazie alle ottime prove degli attori. Al botteghino i numeri, sono stati impressionanti, consentendo a The Avengers, di diventare il film sui supereroi con maggiori incassi di sempre.

Voto: 8,5

Incassi: 1 miliardo e 518 milioni di dollari

 

2) Spiderman (2002), di Sam Raimi. Con Tobey Maguire, Kirsten Dunst, Willem Dafoe e James Franco.

Impacciato, roso dai sensi di colpa, ma comunque disposto a tutto pur di proteggere chi ama, quello interpretato da Maguire è fino ad oggi il miglior Spider-man mai visto sul grande schermo. E se si unisce questo all’ottimo lavoro di Raimi (nei primi 2 capitoli, nel terzo assolutamente no), si può capire perché il primo film sull’Uomo Ragno (peraltro il primo film Marvel della storia) sia ancora a distanza di anni, ancora uno dei migliori adattamenti cinematografici di un fumetto.

Questo lo si deve soprattutto alla caratterizzazione introspettiva che il regista conferisce al personaggio di Peter Parker e alla spettacolarità degli effetti speciali e delle scene d’azione, su tutte quella che culmina con il bacio tra Spiderman e Mary Jane, momento impresso indelebilmente nel cuore del pubblico.

Voto: 9

Incassi: 840 milioni di dollari

 

1) Il Cavaliere Oscuro (2008), di Christopher Nolan. Con Christian Bale e Heath Ledger.

Eccoci finalmente arrivati alla prima posizione. Batman – Il Cavaliere Oscuro è stato un trionfo sotto tutti i punti di vista. Un film che ci ha regalato uno dei più grandi cattivi di sempre vale a dire Heath Ledger, che nei panni del Joker offre una prestazione incredibile, costante, disturbante e minacciosa, che gli è valsa la vittoria agli Oscar.. Se in Begins Nolan era riuscito a porre le basi sul suo progetto, nel secondo capitolo della trilogia, si arriva alla vera apoteosi. La pellicola si concentra su tematiche e situazioni presenti nei migliori fumetti dell’uomo pipistrello, e ragiona sul ruolo del supereroe nella società di oggi. “O muori da eroe o vivi tanto a lungo da diventare il cattivo” è solo una delle frasi ricorrenti del film, un film scritto divinamente. Se siete dei fan della saga di Nolan capirete di che sto parlando. The Dark Knight è un film sull’eroismo verosimile, un thriller dark e maestoso sul lato oscuro del mondo.

Voto: 10

Incassi: 1 miliardo e 4 milioni di dollari

Be Sociable, Share!

Paolo Riggio

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.