Torino Updates/ Tutti in carcere con The Others #2

Torino Updates/ Tutti in carcere con The Others #2

Le prime impressioni a caldo entrando a The Others, passando per il Cortile del silenzio dove venivano mandati i carcerati a prendere un’ora d’aria, sono sicuramente positive. La qualità è certamente cresciuta con la presenza di gallerie come la Numero38 di Lucca che porta nelle celle e in alcuni spazi comuni delle carceri Nuove, artisti come Moneyless, giovane milanese classe 80′, Luca Gaddini e Stefania Fersini. Un progetto culturale ben definito quello dei due galleristi Irio e Corrado Bergamaschi che hanno deciso di puntare sulle nuove leve e per farlo hanno scelto The Others come vetrina innovativa.


Stefania Fersini Galleria Numero38

Tra i corridoi, passeggiando incontriamo anche Dino Morra arte contemporanea, che da Napoli porta una ventata d’aria partenopea con gli Afterall presenti con l’opera vincitrice del premio celeste 2012 sezione premio del curatore, insieme ad altri artisti di respiro internazionale con il quale il gallerista Dino Morra ha aperto una nuova collaborazione per il 2013: Pierpaolo Lista, Mary Zygouri, Anja Puntari, Devrim Kadirbeyoglu.


Afterall – Fine a se stesso – carta carbone e carta avorio clairefontaine – cm 30×21 cad. – 2011
Courtesy Dino Morra Arte Contemporanea

Non manca Bologna rappresentata dalla galleria Oltredimore che ha deciso di osare con alcune sculture di Alessandro Brighetti, artista sperimentatore tra arte e scienza che inaugura al Mar di Ravenna la sua prima personale museale a cura di Chiara Canali. OltreDimore punta all’internazionalità e alla ricerca con l’iraniano Maziar Mokhtari e il suo video sulla censura.

Rimanete sintonizzati The Others continua…


Stefania Fersini Galleria38

 

Be Sociable, Share!

Simona Gavioli

A chi mi chiede perché amo l’arte rispondo cosi:
Sono nata nella città di Virgilio, del Regno dei Gonzaga e di Isabella D’Este, una delle donne più colte e stimate del Rinascimento. Sono nata tra le mura di Palazzo Te (Giulio Romano) e la camera degli sposi (Andrea Mantegna). Sono cresciuta saltellando qua e là, facendo finta di pregare tra la chiesa di San Sebastiano e la Basilica di Sant’Andrea (Leon Battista Alberti). Sono vissuta dividendo la mia vita tra cucine e chiese matildiche; la mia favola, prima di dormire, era L’Arte di Ben Cucinare di Bartolomeo Stefani, cuoco al servizio di Ottavio Gonzaga.
A chi mi chiede perché scrivo, non rispondo.
Ma a chi mi chiede perché scrivo di arte e di cucina, dico solo che la scrittura è qualcosa che hai dentro e dalla quale non puoi scappare perché fa parte di te. La scrittura, come l’arte, ingombra la vita, soprattutto quando diventa urgente, compulsiva e passionale come la mia.
Simona Gavioli

One Response to "Torino Updates/ Tutti in carcere con The Others #2"

  1. paolo   9 novembre 2012 at 23:09

    riuscirai forse con la tua grande passione x l’arte a comunicarla a un troglo come me……???

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.