Visions of Fashion a Firenze

Visions of Fashion a Firenze

Visions of Fashion, la mostra che omaggia Karl Lagerfeld a Firenze, mette in luce la vanità dell’artista emblema della moda franco italiana per eccellenza.

Tra stucchi, statue ed arazzi di tutto il Rinascimento italiano ecco che emergono, in una mostra autocelebrativa, gli autoritratti di Karl Lagerfeld, direttore creativo della Maison Fendi e della Maison Chanel, ma soprattutto fotografo delle campagne pubblicitarie delle case di moda che dirige. Su richiesta di Eric Pfrunder, direttore immagine di Chanel, il designer decise di mettersi dietro l’obiettivo nel 1987, realizzando la sua prima campagna pubblicitaria per la griffe. Da allora ha sempre immortalato le campagne pubblicitarie di tutti i brand di cui è creatore. Visions of Fashion vede qui esposti, tra rossi velluti e stucchi dorati, anche i suoi autoritratti riprodotti su grandi tele incorniciate, ed accostati a quelli più celebri (…)  di Raffaello Sanzio.

Tra le opere dei maestri della scuola fiorentina tra Cinque e Seicento, Raffaello, Andrea del Sarto, Rosso Fiorentino, Pontormo, fino alla scuola veneta di Tiziano spaziando tra le famose opere di Caravaggio, Rubens e Van Dyck, ecco l’immagine icona dell’uomo più potente, poliedrico e longevo del fashion system: Karl Lagerfeld.

Il percorso della mostra Visions of Fashion vede andare di pari passo le dimensioni delle opere con gli spazi espositivi: più discrete quelle pensate per la Galleria Palatina, quasi a punteggiare l’itinerario dei visitatori lungo le stanze museali ricchissime di capolavori, più imponenti quelle negli Appartamenti degli Arazzi, come in un tacito rapportarsi con i preziosi arazzi esposti.
Per la Sala Bianca, dove nel 1951 è nata la moda italiana con il marchese Giovanni Battista Giorgini, i curatori hanno pensato a una serie di immagini di Alta Moda, stampate su carta preziosa e leggera, che calano fluttuando dal soffitto, quasi a ricordare il movimento degli abiti delle indossatrici in passerella.

Nel “Programma Speciale Fiere Pitti Immagine” viene sempre organizzata una grande retrospettiva tematica che promuove eventi e manifestazioni legati al contemporaneo. Quest’anno é stata la volta di Karl Lagerfeld con Visions of Fashion, una mostra fotografica inaugurata il 14 giugno a Palazzo Pitti e curata da Eric Pfrunder e Gerhard Steidl, che ripercorre l’intera carriera fotografica del designer, oltre a presentare molti lavori inediti. Noi di MyWhere l’abbiamo vista in anteprima all’inaugurazione a Palazzo Pitti in occasione di Pitti Uomo 90.

La mostra Visions of Fashion, che resterà aperta fino al 23 ottobre, è prodotta da Fondazione Pitti Immagine Discovery e Gallerie degli Uffizi, con il supporto di Centro di Firenze per la Moda Italiana e Pitti Immagine per dar modo di vivere la città di Firenze, centro di riferimento dell’arte rinascimentale e della cultura italiana, anche con un tuffo nel glamour contemporaneo.

Esposti scatti e servizi di moda pubblicati sulle più importanti riviste di moda internazionali, come Vogue, Harper’s Bazaar, Numéro e V Magazine, e foto ispirate alla mitologia classica, come le serie “Le Voyage d’Ulysse” e “Daphnis and Chloe”.
Visions of Fashion raccoglie circa 200 immagini realizzate con tecniche varie: dagherrotipia, platinotipia, Polaroid transfer, resinotipia, serigrafia, stampa digitale. Qui vediamo un Karl Lagerfeld, stilista, fotografo, editore, designer, oltre che regista, creatore di un universo in cui ogni linea è perfettamente definita, in cui ogni dettaglio ha un’importanza assoluta. Il percorso della mostra vede andare di pari passo le dimensioni delle opere con gli spazi espositivi: più discrete quelle pensate per la Galleria Palatina, quasi a punteggiare l’itinerario dei visitatori lungo le stanze museali ricchissime di capolavori; più imponenti quelle negli Appartamenti degli Arazzi, come in un tacito rapportarsi con i preziosi arazzi esposti.

Insomma, noi l’abbiamo vista in una fresca serata accompagnata da brindisi nella meravigliosa terrazza di Palazzo Pitti, in presenza di tanti operatori della moda, critici d’arte e stampa internazionale. In un itinerario originale sicuramente è da inserire perché offre uno spaccato quanto meno inedito dell’artista, ma sicuramente la consigliamo per fare un ulteriore giro tra la Galleria Palatina e la Sala Bianca.

Mostra Lagerfeld Pitti

Be Sociable, Share!

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.