Luigi Mastrangelo: Buon Natale

Luigi Mastrangelo: Buon Natale

Esercizi di pittura positiva.

Viviamo in tempi difficili. Terrorismo islamico, un modello economico che non riesce più ad includere in progetti di crescita la maggioranza della gente, politici che non comunicano più speranze e sogni…A fronte di ciò non desta alcuna sorpresa registrare sintomi crescenti di disagio e rabbia che corrono il rischio di cancellare lo spirito festoso del Natale.

In un contesto così disagiato, quale può essere il ruolo dell’artista? Può l’arte raddrizzare il legno storto di una umanità disillusa, incattivita e incurvata verso la noncuranza dei valori?

Tra gli artisti la tentazione di rimuovere queste domande è drammaticamente reale. Pur registrando i segni di un mondo che produce più problemi che soluzioni, la maggioranza di essi persegue strade individuali, orientate al mercato, alle mode e alla ricerca della massima notorietà. I sentieri stretti che orientano il loro lavoro in direzione di un coinvolgimento sociale è come se si fossero interrotti.

Luigi Mastrangelo appartiene alla ristretta classe di artisti che hanno scelto di rimanere a contatto con il sentire della gente, rifiutando i vangeli estetici della post modernità e le estensioni del concetto di arte, necessarie ad un mercato nel quale i players accreditati giocano a confondere il clamore con la qualità, la notorietà con lo stile, gli effetti speciali con l’arte.

Non desta alcuna sorpresa dunque, la sua scelta di proporre gli attuali esiti della ricerca dedicata alla rivisitazione in chiave pop delle figurazioni legate al Natale, in un locale pubblico, piuttosto che in una Galleria o in un Museo.

All’ArtCaffè, La 4 Baracchina (Piazza Aldrovandi n.5/c), fino all’8 gennaio 2016, l’artista esporrà 12 opere a tema, attraverso le quali, oltre allo stile artistico che lo caratterizza, contengono un messaggio di solidarietà, serenità e speranza percepibile da tutti, nelle forme emozionali predilette dallo sguardo del bambino curioso e sapiente che ciascuno di noi porta dentro di sè.

L’obiettivo che Mastrangelo si pone è dimostrare che la pratica artistica può rimanere a contatto con la vita della gente a patto di sburocratizzarsi e di scendere nei non-luoghi in cui i soggetti si interdefiniscono attraverso processi di socializzazione dal basso che fanno da argine alla liquidità delle identità e delle esperienze.

L’interpretazione in chiave pop dell’immaginario fiabesco legato al Natale, aldilà del sentimentalismo di superficie, vuole essere una risposta dell’artista al terrificante mood venuto a crearsi tra la gente, già sottoposta da tempo al disagio dovuto al clima recessivo, dopo gli eventi drammatici di Parigi del 13 novembre. Riappropriarsi, attraverso le belle immagini di Mastrangelo, del senso della festa e della serenità interiore, ci fa capire l’importanza di una delle funzioni sociali dell’arte rimosse dalle pratiche artistiche contemporanee.

Con Mastrangelo potremmo definire questo lato umanistico dell’arte, Pittura Positiva.

Mastrangelo

Lamberto Cantoni

L’amore per la scrittura probabilmente lo devo a mia madre, eroica sartina di provincia. Non avendo superato l’orrore per forbici e aghi, mi sono ritrovato a lavorare il fantasma delle origini con parole e grammatica. Ho avuto maestri eccezionali dei quali, me ne rendo conto, sono stato un pessimo allievo. Ma non ho mai perso la voglia di mettermi in gioco.
Lamberto Cantoni

Latest posts by Lamberto Cantoni (see all)

30 Responses to "Luigi Mastrangelo: Buon Natale"

  1. Piero   16 Dicembre 2015 at 13:16

    Ho conosciuto l’artista alla mostra e avendo fatto a pocanzi una ricerca delle sue opere ancestrali devo affermare che queste opere relative al Natale sono un occasione di ritrovo alle origini di noi stessi. Un mix di passato e presente che ci porta ad una realta’ oramai persa….ma non del tutto !

    Rispondi
  2. Robero   16 Dicembre 2015 at 13:19

    Mastrangelo un amico caro, oltre che un grande artista ! Sono onorato di avere la sua mostra nel mio locale.

    Rispondi
  3. Antonio   16 Dicembre 2015 at 13:48

    La musica dei colori di Mastrangelo ê veramente suggestiva. Una mostra di commovente fascino. Peccato che il luogo da avvinazzati, studenti fuoricorso e immigrati esotici ubriachi, non renda giustizia al coraggioso artista. Si perché ci vuole un gran coraggio oggi a scegliere di andare contro a tutte le tendenze artistiche del mercato, per difendere l’integrità della pittura!

    Rispondi
  4. Franck Pallotta   16 Dicembre 2015 at 20:42

    Ho il privilegio di conoscere Mastrangelo da amico, collaboratore e collezionista. Posso dire che è un grande.

    Rispondi
  5. Luci   17 Dicembre 2015 at 16:48

    I quadri di Mastrangelo in questo momento sono opportuni: il suo Natale è per tutti e al di sopra di ogni polemica

    Rispondi
  6. Pia   17 Dicembre 2015 at 17:19

    Le opere di Mastrangelo rappresentano il rifugio dell’animo umano. Guardati nel silenzio della mente, rimandano i suoni dello scampanillio delle renne che tutti noi, da bambini, abbiamo atteso nella Santa Notte. Una nostalgica prospettiva di un’anima delicata e sognatrice che riesce a trasmettere il buono e il bello della speranza.

    Rispondi
  7. Gabriella   17 Dicembre 2015 at 17:34

    Ho visto delle opere meravigliose; un’armonia perfetta tra cielo e terra.

    Rispondi
  8. Martina   17 Dicembre 2015 at 18:20

    Mostra carinissima dall’atmosfera fanciullesca! Il pittore luigi persona fantastica!

    Rispondi
  9. Martina   17 Dicembre 2015 at 18:20

    Mostra carinissima dall’atmosfera fanciullesca! Il pittore luigi persona fantastica!

    Rispondi
  10. Katia   17 Dicembre 2015 at 19:15

    Bellissima mostra, come tutte le sue opere…

    Rispondi
  11. Lucy   17 Dicembre 2015 at 19:44

    I colori usati dall’Artista ridonano la tranquillità e la spensieratezza che vivevamo da bambini durante le festività natalizie e che, purtroppo, abbiamo perso crescendo.
    Trovo molto carina l’idea di proporre la mostra in un così particolare locale.
    I miei complimenti all’Artista Mastrangelo!!!

    Rispondi
  12. Donatello   18 Dicembre 2015 at 07:50

    Una mostra d’arte che funge da faro nella notte buia e tempestosa. Una direzione illuminata di speranza e raccoglimento. Una grande guida per lo spirito dell’uomo alienato da se stesso. Mastrangelo, sei una guida!

    Rispondi
  13. Stefan   18 Dicembre 2015 at 07:53

    si riconosce subito lo stile personale e bellissimo di Mastrangelo. La sua pittura, che si muove tra i preraffaeliti e la postmoderne ed veramente unico. Fortissimo

    Rispondi
  14. Gaetano   18 Dicembre 2015 at 11:34

    Grande artista internazionale. Complimenti.bel locale artistico.

    Rispondi
  15. Mario   18 Dicembre 2015 at 11:38

    L’interpretazione pittorica del Natale di Mastrangelo è all’altezza della sua fama. Complimenti al locale pieno di energia.

    Rispondi
  16. Giuseppe   18 Dicembre 2015 at 11:44

    Grande pittore! Ho visitato molti dei più importanti musei europei, ma lo stile di Mastrangelo è davvero unico, un grande talento italiano.
    Voglio anche ringraziare Roberto, titolare del locale, che ha voluto mettersi in gioco creando un punto di incontro e di socializzazione denso di cultura a tutto tondo. La cultura dell’amicizia, dell’accoglienza, dell’arte dello stare insieme, un tempo così naturale- ed oggi -merce rara.

    Rispondi
  17. Maria Vittoria Berti   18 Dicembre 2015 at 14:45

    Da molto tempo non seguivo il tuo lavoro e queste tue ultime cose mi hanno entusiasmata. Trovo che contengano infinite sottigliezze semantiche e tantissime potrebbero essere le speculazioni critico filisofiche. Complimenti davvero

    Rispondi
  18. Paolo A. Santella   18 Dicembre 2015 at 18:55

    La ricerca del bello attraverso l’arte, come comunicazione è un desiderio che investe l’uomo fin dalle sue origini: i graffiti, le pitture su roccia, i reperti ce lo confermano. Nel corso della storia, poi, ha usato il suo talento per plasmare ed irradiare la sua intelligenza attraverso opere che hanno posto il sigillo ad ogni epoca. Oggi è davvero difficile per un artista, in una società iper-complessa, post-post-moderna afflitta da perduranti e gravissimi conflitti ideologici, culturali e religiosi, porsi come emblema di un periodo, così come è stato nel passato. Oggi artisti come Mastrangelo interpretano, con le loro opere, pezzi di realtà viva, il sentire e l’agire quotidiano della gente che, pur consapevole del “buio” che la circonda, esprime con forza il desiderio di ri-appropriarsi della felicità che le è stata rubata. Complimenti Mastrangelo

    Rispondi
  19. Stefano   18 Dicembre 2015 at 20:54

    La semplificazione apparente della pittura di Mastrangelo si propone come la palingenetica obliterazione dell’arte contemporanea, proponendosi idealmente come nuova avant-garde. Il bar tra il kitsch e l’amarcord felliniano si è rivelato una scelta azzeccata.

    Rispondi
  20. Giulio   19 Dicembre 2015 at 09:47

    Interessante lo spazio della mostra. Un luogo da flaneurs metropolitani che se la tirano un po’. Molto importante il gesto di politica estetica di Mastrangelo. Quasi un unicum in un mondo di artisti asserviti ad dio denaro.

    Rispondi
  21. Luigi   19 Dicembre 2015 at 09:51

    L’effetto cartoon mi è piaciuto. Sembra che Mastrangelo voglia dirci che per salvare l’arte dobbiamo ritornare a guardare come se fossimo dei bambini.

    Rispondi
  22. Emanuela   19 Dicembre 2015 at 09:55

    Mi ha colpito la delicatezza del messaggio. Non è forse il natale di Mastrangelo quello che tutti vorremmo? Mi associo con chi ha parlato di musica dei colori: i quadri del pittore sembrano una di quelle canzoni natalizie che tanto ci piacevano da bambini.

    Rispondi
  23. Nathalie   19 Dicembre 2015 at 15:30

    Un tuffo nel passato. Lo stile grafico e la vivacità della tavolozza contribuiscono a creare atmosfere familiari e calde.
    Da vedere

    Rispondi
  24. Walter   19 Dicembre 2015 at 20:59

    Luigi, chi come me conosce Luigi direbbe semplicemente l’arte è la sua vita

    Rispondi
  25. Antonio   20 Dicembre 2015 at 11:34

    Lo stile di Mastrangelo strizza l’occhio ai bambini ma in realtà propone un concetto di arte complesso. Se non conosci la storia dell’arte potresti fraintenderlo.

    Rispondi
  26. Giorgio B   20 Dicembre 2015 at 11:37

    Io definirei lo stile diMastrangelo “arte terapeutica”, cioè pittura che cura e protegge l’occhio dalle bruttezze del mondo.

    Rispondi
  27. Massimo   22 Dicembre 2015 at 09:25

    Mastrangelo comunque merita di più. W le mostre nelle osterie, ma bisognerebbe dedicargli spazi piu artistici.

    Rispondi
  28. Carolina   24 Dicembre 2015 at 16:00

    La mia casa è tappezzata dei quadri di Luigi Mastrangelo: la sua pittura figurativa in un tempo di simbolismo e astrazione di forme che ti costringono a decodificare e a cercare significati, rassicura e pacifica; i colori puliti e “sonori”, ricaricano ( per me sono una vera e propria “cromoterapia”); i soggetti mitologici e fiabeschi fanno riscoprire il “fanciullino”, o “bambino interiore” che sonnecchia dentro di noi e chiede solo di essere svegliato per aiutarci ancora a sognare. Le opere di Luigi insomma, mi sono necessarie.

    Rispondi
  29. Marty   25 Dicembre 2015 at 11:16

    Ho aspettato Natale per scrivere che ho avuto la sensazione della festa natalizia il giorno che ho visto la mostra. Belle sensazioni, come quando ero piccola. Un grazie all’artista.

    Rispondi
  30. Giulio   28 Dicembre 2015 at 10:14

    Questa mostra di Mastrangelo è un invito a riflettere su cosa è divenuta oggi l’arte che ha cancellato la sua purezza ed innocenza. Il mondo fiabesco legato all’iconografia dell’infanzia del pittore è anche un gesto politico/critico nei confronti del sistema arte contemporaneo.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.