40 anni e non sentirli

 

bmw2

La BMW, Bayerische Motoren Werke, Fabbrica di Motori Bavaresi (un tempo si usava chiamare così le aziende, vedi Fabbrica Italiana Automobili Torino) ci piace indubbiamente molto di più come industria civile che di guerra. Nata nel 1917 per produrre motori per aerei militari, è arrivata più tardi della FIAT all’automobilismo. Pensate, a seguito degli accordi di pace della Prima guerra mondiale di Versailles che vietano alla Germania la costruzione di aerei, la fabbrica di Monaco si riconverte alla produzione civile, prima con i settori motociclistico e nautico (mitiche le moto verniciate di nero con i motori boxer a cilindri contrapposti R75 e R100) e poi, dal 1929, al comparto atomobilistico.

Oggi, con i suoi tre marchi BMW, MINI e Rolls-Royce, il BMW Group è il costruttore leader mondiale di auto e moto premium ed offre anche servizi finanziari e di mobilità premium, cioè improntati alla sostenibilità e con approccio omnicomprensivo. Come azienda globale, il BMW Group gestisce 30 stabilimenti di produzione e montaggio in 14 paesi ed ha una rete di vendita globale in oltre 140 paesi.

bmw7

Nel 2014 vendite record, il BMW Group ha venduto circa 2,12 milioni di automobili e 123,000 motocicli nel mondo. L’utile al lordo delle imposte per l’esercizio 2014 è stato di 8,71 miliardi di Euro con ricavi pari a circa 80,40 miliardi di euro. Al 31 dicembre 2014, il BMW Group contava 116.324 dipendenti.

Il successo del BMW Group si fonda su molti fattori tra cui una meccanica di altissima qualità scaturita dalle esperienze aeronautiche delle origini e elevate prestazioni. Più recentemente nella sua una visione di lungo periodo è stata inserita come parte integrante della strategia la sostenibilità ecologica e sociale in tutta la catena di valore, la responsabilità globale del prodotto e un chiaro impegno a preservare le risorse con esperimenti sulle macchine a idrogeno (Serie 7) e con motori elettrici (Serie i).

Quest’anno il gruppo festeggia il 40° compleanno della Serie 3, presentando un restyling del segmento più noto, e più venduto dell’azienda tedesca con 14 milioni di esemplari all’attivo.

Da quando nel 1975 venne presentata per la prima volta al Salone di Francoforte, la Serie 3 ha realizzato delle berline rivolte a chi ama il design sportivo, il piacere della guida e la perfetta tenuta di strada, non rinunciando all’ abitabilità interna. I suoi motori a sei cilindri in linea a trazione posteriore hanno appassionato generazioni di utenti esigenti e fedeli. Il design è invece il frutto di alcune firme mitiche come Paul Bracq e Klaus Luthe. Non è mancato alla casa tedesca la creatività delle matite italiane come Giorgetto Giugiaro ma è stato Giovanni Michelotti (firma di Alfa Romeo, Triumph) ad aver disegnato fino agli anni ’80 molte vetture BMW. Anche in questa nuova edizione della Serie 3 2015, nei modelli Berlina, Touring e Gran Turismo, il cofano lungo con i numerosi elementi cromati che ornano il muso, l’abitacolo arretrato, e i sofisticati e comodi interni sagomati non deluderanno la tradizione di famiglia e gli appassionati. Buon compleanno!

BMW Serie 3 40′ Anniversario

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.