Accadde Oggi: 3 anni fa ci lasciava il grande George Michael

Accadde Oggi: 3 anni fa ci lasciava il grande George Michael

MONDO – Il 25 dicembre di 3 anni fa ci lasciava una delle più grandi popstar di tutti i tempi. Oggi lo ricordo. Per le sue canzoni, ma non solo. 

Last Christmas I gave you my heart…”  chiunque, leggendo questa frase l’avrà cantata nella propria testa, perché “Last Christmas” di George Michael è diventata una delle più famose canzoni di Natale di sempre. Oggi, a tre anni dalla sua morte, avvenuta nel 2016 e, proprio per uno scherzo del destino, il 25 dicembre, noi di MyWhere vogliamo ricordarlo con un sorriso.

Michael è stato un artista controverso, diviso tra il suo amore per la folla e il suo bisogno di privacy, che l’aveva portato a stare lontano dal palcoscenico per molti anni.

Nato ad East Finchley da padre greco e da madre inglese, comincia giovanissimo la sua carriera musicale, formando il gruppo The Executive insieme ad Andrew Ridgeley e ad un altro compagno di scuola dei due ragazzi che sarebbero poi diventati gli Wham! Ed è proprio con gli Wham! che arriva il successo, nel 1982 infatti Michael e Ridgeley riescono a far ascoltare la loro demo ad una piccola casa di produzione musicale con cui nel 1983 fanno uscire il primo vero e proprio album Fantastic, che racchiude anche Club Tropicana ed il resto è storia.

GEORGE MICHAEL MYWHERE

Nel 1987 George sceglie di intraprendere la carriera da solista, scelta azzeccatissima dal punto di vista artistico, ma che lo fa litigare con la sua etichetta discografica, con la quale intraprende una battaglia legale. George vuole stare lontano dal palco, non riesce a reggere la pressione, ma la Sony non glielo permette e così comincia la guerra che lo vedrà vincitore ma che gli impedirà di produrre musica per molti anni, fino al 1996, anno di uscita di Older , disco in cui si scuserà con i suoi fans e li ringrazierà di averlo aspettato per così tanto. Dal ’96 al 2016 George fa su e giù dal palcoscenico, con periodi di stacco abbastanza lunghi, che gli consentono di ricaricare le batterie.

Una star fragile, ma allo stesso tempo piena di energia, che riusciva ad accendere i cuori dei suoi tantissimi fans quando per due ore cantava ininterrottamente dai palcoscenici di tutto il mondo.

Perché George era così, quando saliva sul palco riusciva a trasmetterti tutta la sua passione e la sua gran voglia di fare musica. I suoi fans lo ricorderanno per sempre, anche e soprattutto dopo quel Natale del 2016, che per lui è stato veramente “last christmas” ma we won’t give his heart away.

IL MIO RICORDO DI GEORGE MICHAEL: QUEL CONCERTO DEL 2007 A ROMA NON POTRO’ MAI DIMENTICARLO!

GEORGE MICHAEL ROMA 2007
Roma – Luglio 2007: Concerto di George Michael allo Stadio Olimpico. Io c’ero!

Ho ballato e cantato negli stadi centinaia di volte in compagnia dei grandi cantanti internazionali, uscendo tante volte delusa (dai concerti di Madonna per esempio) ed alcune volte conscia di aver fatto un’esperienza di vita memorabile.

Ma quel giorno si, lo ricordo bene: il concerto di George Michael allo stadio olimpico a Roma nel luglio del 2007!

Coinvolgente e sconvolgente dalle prime note, il ritmo della sua voce e la sensualità del suo ballo, la gioia e l’allegria delle ballad alternate alle song più struggenti che si ricordino, mi hanno fatto vivere due ore di completa magia.

Io con un'amica al concerto 25LIVE a Roma di George Michael
Il concerto di George Michael 25LIVE a Roma

È stata una serata dove lo stadio olimpico s’illuminava di luci e colori mentre le note ti penetravano dentro una ad una. Rapita, i miei occhi lacrimavano increduli. Non immaginavo che potessi emozionarmi così tanto a vedere il mio idolo. E che non deludesse le aspettative impareggiabili, che non mi lasciasse fredda seduta ad ascoltare, o al massimo a cantare parole conosciute fin troppo bene a memoria, com’era stato per Madonna i cui tecnicismi tra piroette e scenotecnica mi lasciavano fredda ed indifferente nel mio posto.

Il concerto di George Michael non si può dimenticare, “non ballerò mai più” continuo a ripetermi in questo Natale che è stato l’ultimo in cui ci hai donato le tue note.

LAST CHRISTMAS: A NATALE AL CINEMA LA COMMEDIA ROMANTICA ISPIRATA ALLA MUSICA DI GEORGE MICHAEL. GRANDE ATTESA PER IL BRANO INEDITO PRESENTE NELLA PELLICOLA!

mywhere
Emilia Clarke nel film Last Christmas

Il Natale, Emilia Clarke (Daenerys ne Il Trono di Spade) e le canzoni di George Michael. What else? Al cinema in questi giorni è uscito Last Christmas di Paul Feig, commedia romantica ispirata proprio alla musica del grande e compianto George.

Al Box Office Usa Last Christmas ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 34,4 milioni di dollari e 11,6 milioni di dollari nel primo weekend. Decisiva, ovviamente la vasta presenza di canzoni di Michael, da Last Christmas appunto, a Wake me up before you go e tante altre. Vi segnalo inoltre la presenza di un’inedito di George, rispolverato proprio per il film di Feig. 

Io non me lo perderò, anche solo per rivivere la gioia di cantare a squarcia gola le sue hit. E voi?

3 ANNI FA CI LASCIAVA GEORGE MICHAEL: ECCO I MIGLIORI MODI PER RICORDARLO TRA LIBRI, DOC E BEST OF

Oltre a segnalarvi questo mio articolo del 2016, uscito pochi giorni dopo la scomparsa della pop star inglese, vi suggerisco alcune proposte che spaziano dai libri ai cd fino ai documentari, per rivivere al meglio il mito del grande George.

Ladies & Gentlemen: The Best of George Michael

Si tratta della prima raccolta del cantante, pubblicata nel 98′. È divisa in 2 parti distinte: la prima “for the heart” contiene le maggiori ballate lente del cantante; la seconda “for the feet” contiene le canzoni dal ritmo movimentato.

Oltre ai successi vi sono anche due canzoni inedite: Outside e la cover di Stevie Wonder As in duetto con Mary J. Blige; è inclusa anche Somebody To Love in duetto con i Queen cantata al Freddie Mercury Tribute Concert.

Sulla quarta di copertina del booklet del disco 1 “for the heart”, George Michael lascia scritto che l’intera raccolta è dedicata a sua madre Lesley.

George Michael, libro di Rob Jovanovic

George Michael è un enigma. È una delle popstar più schiette e loquaci del pianeta, eppure è un tenace difensore della sua privacy. Fin dalla nascita degli Wham!, nel 1981, ha guadagnato fama e fortuna al di là dei suoi sogni più folli. La sua musica ha costituito la colonna sonora degli anni Ottanta nonostante sia cresciuto in un ambiente familiare problematico, con un padre che lo accusava apertamente di non avere talento. Cicatrici che sarebbero rimaste visibili per il resto della sua vita. Gli Wham! si sciolsero dopo un concerto d’addio allo stadio di Wembley nel 1986, ma in seguito Michael ha avuto una carriera da solista ancora più eccezionale. Lungo la strada George Michael è rimasto coinvolto in diverse polemiche ma, a differenza di altre superstar, è stato felice di parlare dei suoi problemi e di esprimere le sue opinioni direttamente alla stampa. Questa biografia affronta le questioni che affliggono oggi la superstar, riaffermando al contempo il suo ruolo di icona culturale. Inoltre analizza la produzione musicale di Michael e i suoi video pionieristici, soffermandosi sul suo ultimo, trionfale tour, il primo in quindici anni, che ha segnato il suo ritorno dopo un periodo di isolamento musicale.

George Michael – Freedom. Il documentario postumo sulla vita della pop star

Un ritratto profondo e toccante che il film fa dell’artista, ma soprattutto dell’uomo. La narrazione oscilla tra il successo e i problemi personali, l’adorazione di milioni di fan e il desiderio di una relazione stabile, l’amore per la musica e l’odio per la promozione dei dischi.

Stadio Olimpico: il concerto di George Michael del 2007

Fabiola Cinque

5 Responses to "Accadde Oggi: 3 anni fa ci lasciava il grande George Michael"

  1. Caroline James   25 Dicembre 2019 at 15:50

    I’ve seen George Michael long time ago! Was a unique experience! He was a dancer, an actor, a musician and a very handsome man!!!

    Rispondi
  2. Cinzia fabiani   25 Dicembre 2019 at 16:09

    Dire che era sexy nelle sue movenze quando ballava è un eufemismo! Come dice Fabiola quando ha fatto coming out mi è preso un colpo!!!

    Rispondi
  3. Victor   25 Dicembre 2019 at 16:11

    Per molti noi era un icona ma lo sarebbe stato anche se non fosse stato gay con quel fascino!

    Rispondi
  4. Livia   25 Dicembre 2019 at 18:50

    Non sopporto queste operazioni esclusivamente commerciali che secondo me non fanno bene neanche alla memoria dell’artista.
    Non andrò al cinema a vedere Last Christmas di Paul Feig! La commedia romantica ispirata alla musica del grande e compianto George servirà solo a rimpinguare il Box Office Usa !

    Rispondi
  5. Cecil   26 Dicembre 2019 at 14:11

    Chi c’era negli anni ottanta non può non ricordarsi degli Wham! e di George Michael! Quanto al film…speriamo che sia un bel film!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.