Esce Il Bar Subito Dopo e altri racconti, dal Trofeo RiLL e dintorni

Esce Il Bar Subito Dopo e altri racconti, dal Trofeo RiLL e dintorni

ITALIA – Il Bar Subito Dopo e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni è la diciannovesima uscita della collana Mondi Incantati, curata dall’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare e edita da Acheron Books. Ed io che sono un grande estimatore di questo concorso, li ho già ordinati e approfitterò della calma delle vacanze natalizie per leggerli. Ve li consiglio vivamente, anche come regalo per la Befana! Inoltre, il XXVIII Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico è in corso, e si concluderà nella primavera 2022. I migliori racconti saranno pubblicati nella prossima antologia della collana Mondi Incantati.

Mondi Incantati è la serie di antologie che dal 2003 pubblicano i racconti fantastici premiati nei concorsi letterari annuali banditi da RiLL: il Trofeo RiLL e SFIDA. Inoltre, dal 2013 Mondi Incantati contiene una sezione speciale, che propone i racconti vincitori dei premi esteri (europei ed extra-europei) con cui il Trofeo RiLL è gemellato. Tutti i libri della collana sono realizzati senza alcun contributo da parte degli autori/ autrici. Quest’anno l’uscita della collana Mondi Incantati è Il Bar Subito Dopo e altri racconti.

Il Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico è un concorso letterario attivo dal 1994, che punta a scoprire e valorizzare nuovi autori/ autrici che scrivono storie fantasy, horror, di fantascienza e, in generale al di là del reale. Al premio partecipano più di 300 racconti all’anno, provenienti dall’Italia e dall’estero.

IL BAR SUBITO DOPO E ALTRI RACCONTI. TUTTI I VINCITORI

RACCONTI Trofeo RiLL MyWhere

La prima parte de Il Bar Subito Dopo e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni ospita i cinque migliori racconti del XXVII Trofeo RiLL, edizione svoltasi nel 2021 e che ha avuto la partecipazione record di 522 testi.

Il racconto vincitore, che dà il titolo al volume e ha ispirato la copertina dell’illustratrice Valeria De Caterini, è Il Bar Subito Dopo, del modenese Nicola Catellani. Una storia che sembra basata sulla pura suspense, ma che si rivela inaspettatamente qualcosa di ben diverso. Al secondo posto un altro racconto di Nicola Catellani: Urne elettorali è una storia surreale e ironica, che immagina un’Italia fatta “necrocrazia”, in cui votano anche i morti.

Tunnel, di Elia Gonella, è un racconto che mischia Borges con le storie di genere post atomico, e che trascina i lettori in un viaggio nelle profondità della follia e nelle profondità di una città. Segue, al quarto posto, Pollice Verde, di Cristina Amerio: un racconto leggero e spumeggiante, sostenuto da un gran ritmo e dall’abilità dell’autrice di giocare con gli stilemi delle storie alla Mission: Impossibile.

Malarazza, di Luca Notarianni, è una distopia disturbante, che dà forma concreta all’orrore: l’esame di autocoscienza del protagonista sfocia in un’abiura cruenta e catartica, dura come un pugno nello stomaco.

SFIDA, PER I VETERANI

TROFEO RILL

Una sezione del libro è riservata a SFIDA, il concorso che RiLL propone agli autori/ autrici arrivati/e una o più volte in finale al Trofeo RiLL. Il concorso prende il nome dalla SFIDA che RiLL lancia con ogni edizione. Scrivere una storia che rispetti uno (o più) vincoli, che cambiano ogni anno. La SFIDA 2021 consisteva nello scrivere un racconto fantastico che contenesse la frase “per favore, non leggermi nel pensiero”.

Quattro i testi premiati: Il liuto e l’arpa, di Giorgio Smojver, un fantasy liberamente ispirato a due ballate medievali danesi e che ha per protagonista Astolfo di Anglia, cavaliere di Carlo Magno e personaggio di celebri poemi rinascimentali (fra cui l’Orlando Furioso). L’amore è una rockstar vecchio stile, di Marco Cesari, una storia di fantascienza che immagina un futuro in cui la telepatia è diffusissima, e ne racconta gli effetti sulla vita delle persone. L’impostore, di Saverio Catellani, è una storia narrata con gli occhi e le emozioni del bambino protagonista. Lega sorprendentemente il dono della telepatia al dramma della Shoah. Regola 37D, di Francesca Cappelli, un racconto fantasy che parla di telepati e Tornei di Magia Emotiva, ma che è anche una riflessione sulla forza (e la violenza) delle parole che usiamo.

IL TROFEO RiLL ALL’ESTERO

trofeo rill

Infine, Il Bar Subito Dopo e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni propone al pubblico italiano i racconti vincitori di alcuni premi letterari esteri con cui il Trofeo RiLL è gemellato:

  • L’incidente Furnerius, di J. A. Menéndez (vincitore del Premio Visiones, organizzato in Spagna da Pórtico – Asociación Española de Fantasía, Ciencia Ficción y Terror. Traduzione: Serena Valentini). Una storia di fantascienza ambientata sulla Luna, che mischia il tema della lotta per la sopravvivenza con quello dei viaggi nel tempo.
  • Creature Ultraterrene, di Belinda Lewis (vincitore della NOVA Short-Story Competition, bandita dall’associazione SFFSA – Science Fiction and Fantasy South Africa. Traduzione: Francesca Garello). Un racconto di fantascienza che parla di esplorazioni spaziali, e insieme della solitudine delle persone (e del suo peso).
  • La migliore medicina, di Pauline Yates (vincitore della Horror Short-Story Competition, curata dall’AHWA – Australasian Horror Writers Association. Traduzione: Daniele Pagliuca). Una storia dell’orrore che investiga il rapporto fra un marito malato di mente e la moglie che deve accudirlo.

RACCONTI Trofeo RiLL MyWhere

 

IL BAR SUBITO DOPO AL LUCCA COMICS

Il Bar Subito Dopo e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni è uscito a ottobre 2021 ed è stato presentato a cura di RiLL nell’ambito del festival internazionale Lucca Comics & Games.

Il volume è disponibile su Amazon e presso RiLL.

Il XXVIII Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico è in corso, e si concluderà nella primavera 2022. I migliori racconti saranno pubblicati nella prossima antologia della collana Mondi Incantati.

Inoltre, il racconto primo classificato sarà tradotto e pubblicato in Spagna (su Visiones, l’antologia annuale di Pórtico) e in Sudafrica (su PROBE, il magazine associativo della SFFSA).

L'Editore

Leave a Reply

Your email address will not be published.