All’Opera. Mostra-evento immersiva tra arte visiva e sartoria teatrale

La mostra-evento All’Opera, curata dal critico Barbara Martusciello, ha un titolo che gioca con la biografia di Fabrizio Onali che si è specializzato e lavora come Costumista nel campo del Teatro e dell’Opera lirica. Personalità stimata e conosciuta, anche per importanti collaborazioni di settore – tra le tante, con il Premio Oscar Gabriella Pescucci; con Marzot-Manzù, con Pier Luigi Pizzi, con la celebre Ditta Tirelli, con Anna Anni che, per l’Otello (1986) di Franco Zeffirelli, ebbe, con Maurizio Millenotti, la nomination all’Oscar; e con Piero Tosi, con Quirino Conti per la Tosca e per il celebratissimo Falstaff entrambi per la regia di Gigi Proietti e, infine, con Otello Camponeschi –, si presenta al pubblico dell’arte con una produzione di opere svincolate dal palcoscenico, perché configurati come veri e propri quadri, seppure in dialogo con tale contesto i riferimento.

Formatosi, negli anni dell’Accademia di Belle Arti a Roma con l’artista e insegnante Toti Scialoja e debitore delle esperienze polimateriche primigenie di Enrico Prampolini, della Rougena Zátková, degli ardimenti informali pieni di pathos di Alberto Burri e in sintonia con le “cuciture” di Maria Lai, Fabrizio Onali rende evidente quanto l’arte “si faccia con tutto”, secondo la felice indicazione di Angela Vettese. Infatti, recupera scarti di lavorazione dei laboratori teatrali e indumenti di scena rovinati ridando loro nuova vita, riusandoli in assemblaggi baroccheggianti pieni di festosa allegria. Giocando con i tessuti, con la morbidezza e la rigidità delle stoffe, le sovrapposizioni, le colorazioni, cucendo tra loro organza, lino, raso, broccati, pizzi, nastri, reti, “corpetti rotti, sete antiche e chimono trapuntati d’oro”, graffiandoli, incidendoli, tingendoli, incollandoli, li manipola per dar loro la consistenza e la conformazione di materia pittorica su tela e tavola.

Accanto a questi quadri, che evidenziano una vitale poetica dei frammenti rigenerati e ricontestualizzati, in mostra ci sono anche coinvolgenti proiezioni – da: Il Flauto magico; Le nozze di Figaro; Rigoletto; Edipo Re –, alcuni splendidi costumi – magnifici kimono della Madama Butterfly, corpetti-animalier del Flauto Magico, un abito dell’Aida – e acconciature –  dall’Edipo Re – che evidenziano la collaborazione dell’autore con Otello Camponeschi, esibiscono la partenza creativa teatrale di Onali e sono un punto da cui si sviluppa la prosecuzione del suo talento in altra veste.

Opera - Flauto Magico, Roma
Opera – Flauto Magico, Roma

Info mostra

FABRIZIO ONALI | All’Opera. Mostra d’Arte Contemporanea, proiezioni e costumi di scena | A cura di Barbara Martusciello | Produzione: Rockseller | Inaugurazione: giovedì 23 aprile 2015 dalle ore 18 – Studio Orizzonte, Via Barberini 60 – Roma | Drink di cortesia

Dal 23 al 26 aprile: orari 16 – 20 | Orari: 15-20 | Contatti: 368.3626601 – 339.4423786

Produzione: Rockseller

Sponsor: Press Play | Partner tecnico: Punto Traslochi

Barbara Martusciello

Storico e Critico d’Arte, Curatore indipendente, docente, cofondatore di associazioni e webmagazine e pungente penna e tastiera pronta a scrivere e a divulgare la cultura contemporanea non solo visiva. Sorride sempre ma sbraita quando serve; non si ferma mai, è costantemente di corsa ma è attenta a non farsi stritolare dalla fretta e dal sistema poiché ama l’approfondimento e detesta l’approssimazione. Nella vita privata è un altro paio di maniche, più “larghe”: è sempre pronta a organizzare convivi, a cucinare per gli amici, a fermarsi piacevolmente e a godersi – con familiari, sodali, cani, gatti e tanti libri e film – la vita.

Barbara Martusciello

Leave a Reply

Your email address will not be published.