Attesissima la 41esima edizione di Arte Fiera e dell’ART CITY Bologna

Attesissima la 41esima edizione di Arte Fiera e dell’ART CITY Bologna

BOLOGNA – Giunge alla sua 41esima edizione Arte Fiera, la fiera d’arte più importante del Bel Paese che attira numerosi critici, compratori e appassionati d’arte da tutto il mondo.

Con la nuova direzione affidata ad Angela Vettese la parola ordine sembra essere rinnovamento; sono infatti numerose le novità che quest’anno Arte Fiera 2017 mette in campo, pur confermando la propria solida identità.  Come ogni anno, l’ultimo weekend di gennaio (quest’anno dal 27 al 30 gennaio), Bologna diventerà il palcoscenico della più longeva kermesse di arte moderna e contemporanea d’Italia che avrà come cuore pulsante BolognaFiere.

Una delle novità di Arte Fiera 2017 è la nuova veste grafica, ideata da Andrea Lancellotti dello Studio Lancellotti di Milano, che mette in rilievo l’inscindibile legame tra la natura, nelle sue molteplici forme, e la capacità umana d’interiorizzarla rielaborandola. Quest’anno cambia anche il layout che si sviluppa in due grandi padiglioni del Quartiere fieristico di Bologna in cui si articolano le 153 gallerie espositrici. Sono previste una main section e una serie di solo show, scelte entrambe dal direttore artistico e da un prestigioso comitato di selezione. Arte Fiera mercato sarà inoltre completata da una piccola sezione di nuove proposte a cura di Simone Frangi, intitolata Nueva vista, che sarà dedicata ad artisti degni di una rilettura critica. Lo spazio ha l’obiettivo di riflettere, all’interno di una fiera commerciale, sul punto d’incontro tra la commercializzazione di un’opera d’arte e il suo messaggio artistico legato anche alla sfera sociale, politica ed ecosostenibile. Prevista anche quest’anno una sezione dedicata alla fotografia, curata da Angela Vettese. A dare il benvenuto ai visitatori della fiera d’arte, sarà invece il nuovo Bookshop Printville curato da A+Mbookstore, uno spazio che, oltre ai canonici volumi e cataloghi d’arte, offrirà libri rari da consultare e remainder provenienti dalla libreria König di Colonia. Accanto al Bookshop è allestita l’area Talk che ospiterà numerosi incontri, alcuni fra i quali dedicati alle più interessanti proposte editoriali di Printville. Quest’ultimo e Talk sono iniziative con cui Arte Fiera 2017 intraprende un esperimento che vuole mettere in luce anche il mondo indipendente della fotografia e dell’arte non tracciando un confine netto tra le due discipline ma cercando tra queste punti di contatto. Percorrendo i padiglioni di Arte Fiera si andrà incontro ad un’altra novità, la sezione Special Projects, a cura di Chiara Vecchiarelli, che porterà la performance a BolognaFiere, ed anche al MAMbo e nei musei scientifici della città, attraverso una serie di artist lectures, opere in forma di conferenza, lezione e visita guidata. Anche quest’anno sono stati confermati i Premi di Arte Fiera: Premio Euromobil under 30, Premio Speciale del Pubblico, Premio della Fondazione Videoinsight®, Premio Rotary Valle del Samoggia.

ART CITY Bologna
Accanto ad Arte Fiera 2017, da venerdì 27 a domenica 29 gennaio, l’arte invaderà la città con la quinta edizione di ART CITY Bologna, la serie di mostre, eventi e iniziative organizzate grazie alla collaborazione tra il Comune di Bologna e BolognaFiere. Nel 2017 anche ART CITY Bologna si rinnova con una nuova sezione intitolata Polis, coordinata dall’Istituzione Bologna Musei e proposta da Arte Fiera, che offre la possibilità di partecipare a interventi di artisti contemporanei concepiti per essere strettamente legati agli spazi espositivi e ai luoghi storici in cui si svolgono. Ne faranno parte mostre ed eventi che si interrogano sui temi della convivenza, della nuova identità delle città italiane, della necessità di concepire, anche attraverso l’arte, una nuova sensibilità civica. Le iniziative di ART CITY Polis si terranno in Fiera e in città, garantendo il dialogo fra la manifestazione e Bologna. Tra le iniziative in programma ricordiamo, in Fiera, l’esposizione fotografica Genda, in collaborazione con il master in fotografia dell’università IUAV di Venezia, e, presso il Museo Civico Archeologico – Istituzione Bologna Musei, la mostra di film che rivisitano l’identità nazionale, Viva l’Italia, a cura di Mark Nash. E poi ancora, nei musei scientifici della città, al museo MAMbo e in Fiera, le già citate artist lectures (Special Projects: Time Specific Artist Lectures e Site Specific Artist Lectures) e la rassegna di video documentari Corpo Sensibile di giovani artisti italiani a cura di Marco Bertozzi. Numerose altre iniziative saranno proposte dai musei cittadini e da soggetti privati quali l’Opificio Golinelli e il MAST.
Sabato 28 gennaio inoltre, torna l’Art City White Night, l’imperdibile Notte bianca dell’Arte, che propone centinaia di iniziative e raccoglie migliaia di visitatori in città.

Il programma completo degli eventi è disponibile sul sito www.bolognagendacultura.it e www.artefiera.it.

Copyright Marianne Bargiotti photography 2017

ArteFiera2017

Elisabetta Severino

Instancabile viaggiatrice e inguaribile iperattiva si concede raramente del puro relax e nella frenesia delle sue giornate convulsive da ufficio stampa di due teatri l’otium di cui sente più la mancanza è quello letterario. Rimbaud, Verlaine e Baudelaire sono tre delle tante ragioni che l’hanno spinta diverse volte a trasferirsi oltralpe. È cresciuta in una casa piena di libri e si è convinta che la vita è troppo breve per poterli leggere tutti. Lealtà, giustizia e umiltà sono i valori in cui crede e quando esce di casa la mattina spera di poterci ritornare avendo imparato qualcosa di nuovo. Un’enorme coppa di gelato all’amarena, un bel libro, un concerto di Ludovico Einaudi e un biglietto aereo acquistato la rendono la persona più felice del mondo.
Elisabetta Severino

Leave a Reply

Your email address will not be published.