Clamore barocco: è in arrivo Purtimiro 2016 per la musica della Meraviglia

Dicembre porta a Lugo di Romagna un festival musicale di grande bellezza e spessore artistico insieme sotto la guida di Rinaldo Alessandrini inizia il 3 Dicembre PURTIMIRO 2016, Feste Musicali intorno all'opera barocca. Un cartellone ricco e davvero entusiasmante ci propone gioielli musicali del Sei e Settecento italiano ed europeo.

Clamore barocco: è in arrivo Purtimiro 2016 per la musica della Meraviglia

LUGO (RA) – Rinaldo Alesandrini clavicembalista nonché direttore specializzato nel repertorio della musica del seicento e settecento sarà alla direzione del festival musicale PURTIMIRO 2016, Feste Musicali intorno all’opera barocca, la rassegna vede anche la consulenza artistica e organizzativa di Valerio Tura.
Il festival si terrà al Teatro G. Rossini di Lugo di Romagna e avrà inizio da Sabato 3 Dicembre 2016 con durata fino a Venerdì 30 dello stesso mese. Un ricchissimo programma che accanto a due opere poco frequentate, quali Gli equivoci nel sembiante di Alessandro Scarlatti il 21 dicembre 2016 (con repliche il 23 e 27 dicembre) e La Serva padrona di Giovanni Paisiello, metterà in cartellone anche otto concerti (per il programma clicca qui). Riguardo a Alessandro Scarlatti, Rinaldo Alessandrini ribadisce come questi sia “stato il più grande operista a cavallo tra Sei e Settecento – e nella fattispecie Gli equivoci nel sembiante il suo primo grande successo che inaugurò una delle più fertili carriere di compositore per il teatro in musica”.

Il programma prevede inoltre musiche di Monteverdi – cui viene attribuito il titolo della rassegna PURTIMIRO (“Pur ti miro”) dal duetto finale dell’opera “L’Incoronazione di Poppea” – numerosi gli autori proposti, tra i quali alcuni poco noti benché rappresentativi del periodo barocco e settecentesco fra questi Purcell,  Merula, Uccellini, Haendel, Porpora, Corelli, Vivaldi, Gassmann, Salieri, Mozart, Haydn e Rossini.
Alla programmazione copiosa ed esaltante si accompagna l’eccellenza dei grandi interpreti qui impegnati e specializzati nel repertorio. Fra gli interpreti Alena Dantcheva, Luciano Di Pasquale, Silvia Fregato,  Roberta Invernizzi, Monica Piccinini, Sonia Prina, Pietro Spagnoli.
Oltre al M.ro  Alessandrini e al suo Concerto Italiano, prteciperà anche il clavicembalista e direttore Ottavio Dantone alla guida della sua Accademia Bizantina. 

PURTIMIRO 2016 apre dunque i battenti sabato 3 dicembre 2016 alle 20,30 proponendo la musica di Claudio Monteverdi con il concerto “Notte. Storie di amanti e di guerrieri” eseguito da il Concerto Italiano che sarà diretto da Rinaldo Alessandrini. In programma anche il celebre Combattimento di Tancredi e Clorinda tratto dall’Ottavo Libro dei Madrigali Guerrieri e Amorosi, sempre ad opera dello stesso compositore.

Il 7 dicembre 2016 alle 20,30 ritrova il Concerto Italiano e Rinaldo Alessandrini al clavicembalo per l’“Arte Violinistica Italiana”, un florilegio di musiche strumentali barocche di Corelli,  Haendel, Merula, Porpora, Uccellini e Vivaldi.

Domenica 11 dicembre in omaggio a Shakespeare nel suo quattrocentesimo anniversario della morte (1616) si assisterà  allo spettacolo “Shakespeare in love, Shakespeare in musica…” con la partecipazione del soprano norvegese Berit Solset, dell’attore Emanuele Marchesini e dell’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone, in programma musiche di Henry Purcell e Matthew Locke.

Giovedì 15 dicembre il recital che pone la centralità su “Il pianoforte nel Settecento: dall’Italia all’Europa” vede alla tastiera il pianista italo-svizzero Olivier Cavé  che proporrà musiche di  Johann Sebastian Bach, Muzio Clementi, Franz Joseph HaydnDomenico Scarlatti. 

Il titolo del concerto di sabato 17 dicembre alle 20,30 “Le donne i cavallier, l’arme, gli amori…” declina sui versi ariostei un programma di musiche di Georg Friedrich Haendel ispirate ad episodi dell'”Orlando Furioso” di cui ricorrono i cinquecento anni dalla prima pubblicazione (1516). In scena con il Concerto Italiano diretto da Rinaldo Alessandrini ci saranno il soprano Roberta Invernizzi e il contralto Sonia Prina, ovvero due fra le migliori interpreti al mondo del repertorio barocco nella propria tessitura.  Fabio Cappelli  – giornalista televisivo – sarà voce recitante della serata.

La rassegna prosegue mercoledì 28 dicembre  col concerto straordinario del baritono Pietro Spagnoli e del pianista Giulio Zappa che prende il titolo “L’opera italiana fra settecento e Rossini” in programma  musiche di Mozart, Gassmann, T. GiordaniGluck, Rossini e Salieri.

PURTIMIRO 2016 concluderà il suo ciclo venerdì 30 dicembre alle 20,30  dove assisteremo all’esecuzione in forma semi-scenica dell’Intermezzo buffo in due parti de “La Serva Padrona” di Giovanni Paisiello (1740-1816) di cui quest’anno ricade l’anniversario della morte. La partitura venne scritta quando il compositore tarantino si trovava alla corte di San Pietroburgo in veste di maestro di cappella presso la zarina Caterina II di Russia. Il libretto e la trama sono sostanzialmente le stesse dell’opera omonima di G.B. Pergolesi, vi si narrano quindi le strategie di Serpina una servetta in grado di raggirare il vecchio scapolo Uberto e farsi sposare da lui, aiutata nell’impresa dal servo muto Vespone. Per questa nuova produzione  Luciano Di Pasquale interpreterà Uberto, Silvia Frigato sarà Serpina, mentre nei panni del servo-muto si calerà un noto personaggio politico a sorpresa. Troveremo ancora alla direzione Rinaldo Alessandrini a dirigere il Concerto Italiano.

INFO

Teatro G. Rossini, Piazzale Cavour, 17
48022 Lugo (RA)
info@purtimiro.it
Biglietteria:  
Tel. +39.0545.38542
Fax. +39.0545.38482

Abbonamenti a 8 spettacoli con prezzi da 55 a 180 euro sono in vendita dal 24 settembre 2016 presso la biglietteria del Teatro Rossini, biglietti ai singoli spettacoli da 7 a 32 euro sul sito www.vivaticket.it.

PURTIMIRO 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Daniela Ferro

Daniela Ferro legge, scrive, ascolta ma soprattutto annusa. Appassionata di rose e di fragranze vive con 2 gatti, 3 conigli, due tartarughe, oltre 400 piante di rose che conosce e coltiva personalmente nonché un imprecisato numero di bottiglie di profumo.
Daniela Ferro

Leave a Reply

Your email address will not be published.