Elisabetta The Queen compie 90 anni!

Buon compleanno a The Queen!

Ci sarebbero tanti modi per definire Elisabetta II: icona di stile, ultimo personaggio storico del 900, roccia, ma per tutti sarà sempre The Queen. Oggi 21 aprile 2016, non c’è soltanto il Natale di Roma da festeggiare, ma ricorre anche il 90′ compleanno della Regina Elisabetta II. E conoscendola, potrebbero anche essere i suoi primi 90 anni. Perché The Queen è così, solida come una roccia. Una tosta, educata alla scuola di una madre che non ha mai avuto un attimo di esitazione di paura e la cui determinazione non è stata scalfita neanche dalle bombe di Hitler.

Non a caso, è suo il regno più longevo nella millenaria storia del Regno Unito (64 anni sul trono).Elisabetta II

Elisabetta II ha regnato (e regna) in un un periodo storico di grande importanza sociale: la sua grandezza sta nel fatto che mentre la maggior parte delle monarchie cadevano o perdevano di credibilità, Elisabetta ha mantenuto salda la corona britannica, riuscendo a affrontare i cambiamenti politici,culturali e di costume avvenuti fino ad oggi, mantenendo il suo stile e la sua cultura aristocratica, funzionali a riprodurre a pieno le radici dell’identità dell’Inghilterra.

Ovviamente non sono mancati i momenti delicati e controversi, come ad esempio la tragica scomparsa di Lady Diana, ex moglie del principe Carlo, i divorzi dei suoi figli maggiori, l’abdicazione prematura dello zio-re, passando per la morte prematura dell’adorato padre e la vita ad alto tasso alcolico e scandalistico della sorella minore.

Fu chiamata a regnare giovanissima, nel 1952 all’età di 26 anni, in un periodo non certo facile. Nella prima parte del suo incarico, ha sempre affrontato le difficoltà con molta rigidità, tanto da diventare spesso oggetto di critica e antipatia, soprattutto durante gli anni 70, quelli delle proteste giovanili. Tutti conoscono ad esempio, la canzone dei Sex Pistols “God Save The Queen”, dove il gruppo si scagliava contro la lontananza della regina dai problemi quotidiani che affliggevano la nazione.

Pagò sicuramente la sua estrema pacatezza e seriosità. Paradossalmente questa seriosità non fu trasmessa ai suoi figli, spesso deboli e pieni di vizi. Tra tutti, il suo primogenito Carlo, l’eterno ereditario, che sposa Lady Diana, ma continua la sua relazione con Camilla Parker-Bowles. E fu proprio in questo contesto, che si verificò il momento più difficile del suo incarico. La morte di Lady Diana, che la consegnò al mito, e costrinse Elisabetta, su mediazione dell’allora premier Tony Blair, a parlare in diretta alla nazione, per ricordare una figura così amata dal popolo.

Ne avrebbe fatto volentieri a meno, Elizabeth non amava certo Lady D, ma paradossalmente quella dimostrazione di umanità trasformò il risentimento del popolo inglese, in un ritrovato spirito monarchico.

image

Se non avete mai visto il film di Stephen Frears:  The Queen – La Regina, del 2006 con la meravigliosa interpretazione di Helen Mirren (ruolo per il quale si è aggiudicata un Oscar) approfittate di quest’occasione per conoscere aspetti (qui sicuramente romanzati) ma molto veritieri e soprattutto descrittori di un’umanità spesso sottovalutata e criticata.

Stasera in TV, Rete4, film documentario sui retroscena e la vita quotidiana di Buckingham Palace.

image

Da quel momento la regina è riuscita a regnare con maggiore tranquillità, diventando perfino simpatica. Il suo amore per i cani, quei cappelli color fucsia che come li porta lei non c’è nessuna, il suo rapporto molto forte col principe William, quello spot con Daniel Craig per le Olimpiadi 2012 in cui 007 va a rapporto dalla regina, insomma Elizabeth ora è più amata che mai.

Il popolo continua a sognare e le favole che hanno come protagonisti re e regine, principi e principesse sono ancora oggi le più lette e ascoltate. “Lunga vita al Re” e “Dio salvi la Regina” sono due modi di dire che sono diventati comuni alla popolazione inglese, e sinceramente sentiti ancora oggi.

La favola continua!

Se volete sapere qualcosa di più sulla vita di Elisabetta II, vi consigliamo il nuovo libro di Francesco De Leo “Elisabetta II. La Regina”. (http://formiche.net/2015/11/11/chi-cera-e-cosa-si-e-detto-alla-presentazione-di-elisabetta-ii-regina/)

 

 

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.