GiosBrun, l’uomo al centro del mondo

GiosBrun, l’uomo al centro del mondo

“Il Percorso dei Sensi” è stato l’evento di presentazione per la collezione Autunno/Inverno di GiosBrun, Atelier di alta moda maschile, di Via dei Monti Parioli 34 a Roma. L’azienda GiosBrun, guidata da due donne, Anna Bonanni e Simona Mambro, ha raggiunto un lustro di vita e ha voluto festeggiare con i suoi clienti del mondo della finanza, dell’imprenditoria e dello spettacolo, il successo raggiunto ad oggi.

©R.Cimini_Evento_GiosBrun_4Per questo evento ha scelto di offrire in anteprima l’apertura di una location esclusiva come Palazzo Montemartini, della prestigiosa Ragosta Hotels Collection. É stato il connubio delle armonie classiche del luogo, le stesse espresse dall’alta sartorialità di GiosBrun, che hanno motivato questa scelta. É proprio dalla massima espressione del classicismo del più imponente complesso termale di Roma e del mondo romano, le antiche Terme di Diocleziano, e dalle fondamenta delle Domus Romane, che si erge Palazzo Montemartini.
Ma nella storia recente del secolo scorso, qui sorgeva – in cinque diversi palazzi ora uniti nel complesso alberghiero – la sede storica della Direzione dell’Atac di Roma. É stato proprio il contrasto antico e moderno, esaltato in questa architettura divenuta subito icona di eleganza e design italiano, a far prediligere questa location per GiosBrun. La consapevolezza del fascino che i progetti di recupero architettonico e di archeologia industriale suscitano nell’immaginario collettivo delle persone, è di chiaro accordo con i valori dell’azienda GiosBrun. Lo studio di architettura King Roselli ha progettato le camere dell’hotel non alterandone mai la struttura originaria e ideando, con precisione sartoriale, suite su misura che mantengono le geometrie di fine ’800 riadattandone le forme in chiave moderna: comunione di intenti, cura del dettaglio e passione per il fatto a mano sono i legami tra GiosBrun e Palazzo Montemartini.

©R.Cimini_Evento_GiosBrun_3Il brand di moda sartoriale, nato e prodotto a Roma, quindi 100% Made in Italy (o, meglio Made in Rome), supporta la propria immagine eccellente di cura al dettaglio, qualità e caratteristiche uniche dei propri abiti, ponendo grande attenzione nella scelta e nell’impiego dei pregiatissimi tessuti italiani ed inglesi con cui realizza i propri abiti sartoriali.
Da questo presupposto è nata la sinergia con Jo Malone e con le sue raffinate essenze Made in England. Per l’occasione, infatti, l’azienda ha offerto delle esperienze olfattive e di tatto attraverso la personalizzazione di massaggi dedicati ai diversi look proposti da GiosBrun.

Jo Malone
Jo Malone

Per accedere a questo percorso del prestigio e del glam italo-inglese, l’accoglienza all’atrio dell’hotel è stata arricchita da quattro modelli della Scuderia Jaguar Storiche tra cui non è mancata la Jaguar E-Type, appartenente al nostro immaginario con l’uomo più affascinante e desiderato dalle donne di tutto il mondo: Diabolik. Salire su queste incredibili Jaguar d’epoca ha regalato agli ospiti il sogno di fare un salto nel passato e sentirsi protagonisti di un set cinematografico, merito dello Smoking GiosBrun in perfetto stile James Bond anni ’60. Quindi anche sportività, in accordo con il glamour tipico del fascino italiano e dell’eleganza inglese, il tutto fuso in un’esaltazione del lusso.

©R.Cimini_Evento_GiosBrun_2

All’interno della sala principale, un tempo antica biglietteria tranviaria, dove oggi spicca una splendida fontana dai giochi d’acqua, è stato allestito un percorso di tavoli emozionali per la gioia dei sensi di tutti gli ospiti intervenuti. Un preludio di trame pregiate degli abiti unite a una sinfonia di note olfattive dall’aroma fiorito, speziato, fruttato e legnoso delle essenze. Le 7 personalità dell’uomo GiosBrun sono state interpretate e coordinate alle 7 famiglie olfattive di Jo Malone.

©R.Cimini_Evento_GiosBrun_1Tra i look GiosBrun presentati, si potevano apprezzare l’abito in doppiopetto grigio, la giacca beige check azzurro e l’abito blu check. Spiccava uno splendido Cappotto Cashmere e Cincillà, una vera novità per l’inverno, realizzato con un tessuto leggerissimo ricavato da una lunga lavorazione del cincillà mescolato con il cashmere. Il prezzo del cappotto su misura è di 7.000 euro.
Non poteva mancare uno sguardo ai bambini. La Collezione Kids si è ispirata alla collezione per adulti, adattando lo stile alle esigenze dei più piccoli. Una cura nel vestire che coinvolge e diverte la famiglia, garantendo anche ai bambini la miglior qualità per i loro capi. Un consiglio di GiosBrun: la camicia papà-figlio realizzata con lo stesso tessuto.

Antonio Venece
Antonio Venece

Il connubio di luci, forme, profumi e colori ha, dunque, preso per mano gli ospiti, accompagnandoli, nel corso della serata, lungo un viaggio onirico tra le maestose colonne della sala, sapientemente restaurate a mano. Affascinante il legame tra la precisione sartoriale delle cuciture degli abiti GiosBrun e l’attenzione al recupero architettonico delle pregiate rifiniture della sala di Palazzo Montemartini, dove si è svolta l’istallazione. Un coinvolgimento totale, dal gusto al tatto, per non trascurare poi, attraverso la colonna sonora della serata, il nostro udito, in un’esperienza unica donata alla vista.

Tra i presenti abbiamo notato la classe del Presidente della Sezione Industria del Turismo e del Tempo libero di Unindustria, Stefano Fiori vestito GiosBrun, con un completo scuro rigato lilla, che gli conferiva una bella nota di colore. C’era anche il bello (e giovanissimo!) Antonio Barreca, Direttore Generale di Federturismo (Confindustria), elegantissimo in blu, così come anche il giovane Direttore IED Roma Antonio Venece, appena rientrato dalla Cina per un progetto sulla moda. Anche Venece indossava un abito blu GiosBrun la cui giacca avvitata ed i pantaloni a sigaretta slanciavano ancor più il suo fisico longilineo.

Stefano FIORI_GiosBrun
Simona Mambro, Stefano Fiori e Anna Bonanni

Tra tutti spiccava l’attore Brando Giorgi, testimonial del brand da due stagioni: con la sua bellezza, la sua voce pacata che ben accompagnava la disponibilità ad ogni sorriso ed autografo, e con la limpidezza dello sguardo blu profondo, esaltava le righe azzurre dell’impeccabile completo sartoriale GiosBrun.

Enzo Merli
Enzo Merli

Non poteva mancare il prestante brand manager di Egon Von Furstenberg, Enzo Merli. Poi c’era, tra gli affezionati clienti GiosBrun, il sempre elegantissimo Sandro Di Castro già Vicepresidente e consigliere d’amministrazione di AltaRoma e già presidente della Comunità Ebraica di Roma (e recentemente, anche alla ribalta delle cronache mondane per il bellissimo matrimonio della figlia Federica Di Castro con Aron Di Nepi, il 17 giugno scorso). Tutti molto eleganti, alcuni di essi già clienti GiosBrun indossavano abiti dal taglio classico, ma evidentemente su misura, che evidenziava la loro fisicità e caratterialità.

Isabella e Sandro Simoncini
Isabella e Sandro Simoncini

Abbiamo così rincontrato anche il giovane ingegnere Sandro Simoncini con la moglie Isabella (che ha appena festeggiato i suoi 20 anni di attività professionale in un party esclusivo nella sua splendida agenzia in Prati) che indossava la pochette, segno distintivo del marchio GiosBrun.

Domenico Riitano
Domenico Riitano

L’atletico Paolo Savioli titolare del Circolo Jolly in gessato grigio, il chirurgo plastico della Capitale Domenico Riitano, ed il noto gallerista romano Claudio Proietti, ideatore di Artribù, di ritorno da un raduno in Harley Davidson con i suoi più stretti amici di notorietà internazionale che condividono con lui la passione delle motociclette e dell’arte, in una inconsueta veste più informale.

È sempre emozionante rincontrare il famosissimo scenografo italiano Gaetano Castelli, bello come un nostrano Roger Moore, con la sua splendida compagna italo americana Milissa. Come sappiamo già, Castelli è conosciuto per aver curato per 19 volte la scenografia del Festival di Sanremo e quella di Sanremo Giovani, alternando le sue collaborazioni con Antonello Falqui e con Sergio Zavoli, e le scenografie di numerosi spettacoli televisivi, tra cui Canzonissima, Fantastico, La sai l’ultima?, Carramba che sorpresa, Stasera pago io, Studio 80, Palcoscenico. Noto inoltre per aver curato la scenografia del primo telegiornale Rai e la scenografia di eventi di moda come Donna sotto le stelle a Piazza di Spagna a Roma, ed aver ricevuto nel 1980 la Rosa d’Argento al Festival Internazionale della Televisione di Montreux, e per due volte (1984 e 2000) la Rosa d’Oro. Il grande pubblico l’ha conosciuto poi anche attraverso un’imitazione divertentissima di Fiorello che ha esaltato la sua voce ed il suo volto da pugile.

Milissa-e-Gaetano-CASTELLI-con-Anna-Bonanni_GiosBrun
Milissa e Gaetano Castelli con Anna Bonanni
On_Romagnoli_Evento_GiosBrun
On. Massimo Romagnoli

Altro uomo elegantissimo presente era Francesco Festuccia, noto come “Il giornalista delle star”. Non c’è stato divo di Hollywood che non sia stato intervistato da lui, grande cultore del Cinema. Infatti lo ricordiamo caposervizio nella redazione cultura del Tg2. Ora che collabora con il quotidiano La Repubblica, ma che continua a seguire con passione i Festival del Cinema, ci ha svelato in anteprima che non era lì per caso, ma per progettare nuove collaborazioni con GiosBrun, marchio così presente nel mondo del Cinema. Tra i politici presenti, l’Onorevole Massimo Romagnoli che fu nominato nel 2005 dal Ministro per gli Italiani nel Mondo Mirko Tremaglia, rappresentante in Grecia per la CIIM (Confederazione degli Imprenditori Italiani nel Mondo), con la sua bella moglie di origine greca Marilena Menti. Tanti altri erano i politici ed i personaggi pubblici presenti all’evento GiosBrun “Il Percorso dei Sensi” ideato per la presentazione della collezione Autunno/Inverno dell’Atelier di alta moda maschile della Capitale.
Minori gli interventi dal mondo dello spettacolo, principalmente legati al mondo delle fiction, fatta eccezione per qualche attore come Danilo Brugia, Andrès Gil o ad esempio Simon Grechi che lo ricordiamo per “Carabinieri”, “Tutti Pazzi per amore”, protagonista delle “Tre Rose di Eva” e “Rosso San Valentino”.

L’evento ha voluto così festeggiare il primo lustro di vita anche con l’inserimento di un giovane Direttore Creativo, Dario Effe, a capo del team della sartoria. Il team si sta avvalendo, poi, di figure strategiche per poter seguire la produzione, la distribuzione e la comunicazione del brand e raggiungere obiettivi di leadership nel mercato del lusso nazionale ed internazionale.
La vasta presenza di così tanti uomini eleganti, liberi professionisti, imprenditori, nobili, politici e personaggi del jet set, talvolta accompagnati dalle loro compagne, ma con una netta maggioranza di presenza maschile, ci conferma l’idea innovativa che hanno queste due belle signore a capo dell’azienda.
Si dice che dietro a un grande uomo ci sia sempre una grande donna. Stavolta due.

Informazioni:
Ufficio stampa Only4Few
Atelier GiosBrun: Via dei Monti Parioli, 34 – Roma

CURIOSITA’
Il nome dato all’azienda deriva dal desiderio di vedere incarnato l’identikit del loro uomo ideale. Come rappresentare questo immaginario se non studiandone tutte le caratteristiche? Sono state la passione, la creatività e la tenacia ad aiutarle a costruire l’azienda. Gli ingredienti giusti per raggiungere l’obiettivo erano chiari davanti a loro: come si può vestire l’uomo ideale? Prima di tutto deve “essere”, oltre che apparire, un vero Gentlemen, quindi l’Ispirazione era chiara! Certo, però non banale. Altra caratteristica fondamentale l’Originalità. Chiaramente per perseguire la qualità fondamentale è necessaria la capacità Sartoriale, sposata alla Bellezza della linea e dei tessuti, alla Raffinatezza dei dettagli e, fondamentale, alla loro indiscussa UNicità.
Ecco allora trovato l’acronimo del brand creato da Anna e Simona: GiosBrun.

Brando Giorgi
Brando Giorgi

All images are protected by Copyright ©Roberto Cimmino 2013
Used by permission.
All rights reserved.

Roberta Filippi

Bresciana di origine, bolognese di adozione e svizzera nell’organizzare la mia vita. Pretendo che tutto sia sempre scadenzato e gestito con la tempistica più rigorosa possibile. L’ordine per me è una mania, ad esclusione della mia scrivania che non è nulla a confronto di un campo da guerra. Ho la fortuna di lavorare come avrei sempre sognato: in modo indipendente, con collaboratori intelligenti e facendo ciò che più mi piace, scrivere e organizzare. Intenzionata a voler sempre arricchire le mie conoscenze e sempre pronta a scoprire nuove cose, combatto le mie giornate tra Mac, agende, planning, farina e padelle. Perché per essere veramente realizzata devo poter trovare il tempo per cucinare un risotto o sfornare del pane caldo da gustare per cena, rigorosamente con un buon bicchiere di vino.
Roberta Filippi

Latest posts by Roberta Filippi (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.