Graffiti e graffitari

Graffiti e graffitari

Ho incontrato Francesco Marchini a Roma durante un Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Non sono rimasto sorpreso. Mi capita sempre di piùche si presentato con i loro lavori giovani fotografi molto preparati con storie che sorprendono perché costruite con molta riflessione, a cui hanno dedicato tempo, cercando di capire anche perché a volte il fotografo non è gradito. Marchini si è presentato con questo reportage sui graffitari. Li ha seguiti giorni e notti, poi quando i ragazzi si sono fidati ha iniziato a fotografarli. Insieme abbiamo selezionato solo 9 foto dal suo ampio servizio fotografico.
(Mario Rebeschini, giornalista e fotoreporter)

Testo e foto di Francesco Marchini

Ho conosciuto il mondo dei graffiti qualche anno dopo il crollo delle Torri Gemelle, mentre stavo per finire il liceo nella mia città, Roma. Come ebbi modo di capire solo poi, proprio in quel periodo si stava consumando il lento declino – oggi compiuto – della scena romana, gloriosamente sorta nei primissimi anni `90.
Dalle iniziali frequentazioni con i writers della mia generazione, molti dei quali erano amici di scuola, scoprii subito che la storia dei graffiti di Roma era particolare. La città eterna, nell’ultimo decennio del XX secolo, era stata infatti teatro di un movimento artistico-vandalico di significative proporzioni. In particolare, gran parte della fortuna di Roma era dovuta ai depositi delle sue due linee della metropolitana. All’inizio degli anni ‘90 essi erano lasciati tendenzialmente incustoditi, e divennero cosí ben presto il parco giochi di riferimento per una generazione – almeno – di writers. Alcuni, in quei depositi, ci sono tornati per vent’anni: la metro, per loro, è stata un’amore, una fede, una ragione di vita.
La parentesi d`oro dei graffiti romani, con tutte le sue avventure e i suoi personaggi, costituisce un pezzo di storia di cui oggi non rimane più traccia se non nelle poche pubblicazioni rimaste, la maggior parte delle quali è costitutita da fanzine autoprodotte all`epoca. Tutti i racconti che ho avuto modo di ascoltare sui graffiti di Roma negli anni novanta convergevano verso l`idea che quel particolare segmento di storia fosse prezioso, perchè custodiva l`originaria freschezza di un qualcosa che non avrebbe potuto ripetersi, una volta finito. E quando, più tardi nella mia vita, ho avuto modo di incontrare alcuni esponenti del periodo d`oro dei graffiti romani, la sensazione che tale parabola fosse popolata da leggende viventi fu ampiamente confermata.
Di tutto ciò io non avevo avuto modo di godere se non di riflesso, attraverso le vecchie foto, spesso private, e soprattutto grazie agli aneddoti, ai racconti. Cosí, ben presto ebbi la sensazione di aver perso qualcosa di grande e importante che non avevo avuto la fortuna di vivere, ma che avevo potuto solo toccare marginalmente. Vivevo il colpo di coda di una parabola grandiosa, iniziata tempo addietro e in altri Paesi, poi arrivata in Italia e consumatasi nel giro di un ventennio.
Così, quando ho iniziato a fotografare i graffiti, intorno al 2010, avevo alle mie spalle ormai quasi quarant`anni di scritte e un consistente numero di pubblicazioni nazionali ed internazionali. Tra questi, spiccava il monumentale Subway Art di Martha Cooper ed Harry Chalfant, due fotografi che furono tra i primi a documentare la scena newyorkese degli anni `70 e `80. Cosa rimaneva da far vedere?
Queste fotografie, scattate tra il 2012 e il 2014, non vogliono essere altro che il tentativo di ricercare quella freschezza, di mettersi sulle tracce di un fenomeno che ha irretito trasversalmente diverse generazioni di giovani e che nella mia città, Roma, ha avuto una fortuna lunga e particolare. Esse mostrano un mondo complesso, talvolta pericoloso, paradossale – eppure amato, spesso oltre i rischi che possono sorgere.

Graffiti e graffitari

KIOK si riposa dopo aver dipinto un treno fermo alla Stazione “Roma Ostiense”, 2012

KIOK si riposa dopo aver dipinto un treno fermo alla Stazione “Roma Ostiense”, 2012

WAOS controlla i colori prima di iniziare a disegnare in un deposito di treni merci abbandonati fuori Roma, 2014

WAOS controlla i colori prima di iniziare a disegnare in un deposito di treni merci abbandonati fuori Roma, 2014

WAOS e KIMO fanno un giro nel deposito di treni merci abbandonati fuori Roma, 2014

WAOS e KIMO fanno un giro nel deposito di treni merci abbandonati fuori Roma, 2014

TENTO disegna un gremlin su un InterCity in un deposito di treni abbandonati sulla via Aurelia, 2012

TENTO disegna un gremlin su un InterCity in un deposito di treni abbandonati sulla via Aurelia, 2012

TENTO e ZESKI chiacchierano sulla scala di una cisterna industriale sulla via Aurelia prima di iniziare a dipingere, 2013

TENTO e ZESKI chiacchierano sulla scala di una cisterna industriale sulla via Aurelia prima di iniziare a dipingere, 2013

RICKS si copre il volto in un sottopasso della linea ferroviaria regionale nei dintorni di Roma nord, 2012

RICKS si copre il volto in un sottopasso della linea ferroviaria regionale nei dintorni di Roma nord, 2012

RAMSES e BOIM imbiancano il muro della stazione della Metro A `Cipro` di Roma prima di una murata, 2013

RAMSES e BOIM imbiancano il muro della stazione della Metro A `Cipro` di Roma prima di una murata, 2013

WAOS e DOMIO imbiacano il muro di una discoteca abbandonata ad Aprilia prima di una murata, 2014

WAOS e DOMIO imbiacano il muro di una discoteca abbandonata ad Aprilia prima di una murata, 2014

ZESKI fa un po` di trainsurfing dopo aver finito di dipingere in un deposito di treni abbandonati

ZESKI fa un po` di trainsurfing dopo aver finito di dipingere in un deposito di treni abbandonati

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.