I Millennial si scoprono autonomi… almeno nella manutenzione di casa!

I Millennial si scoprono autonomi… almeno nella manutenzione di casa!

ITALIA – I Millennial e la manutenzione della casaAlla famosa Generazione Y, composta dalle persone nate tra la fine degli anni ’80 e i primi anni 2000, piace ristrutturare casa?

Si parla sempre più spesso dei Millennial, ovvero della Generazione Y è composta dalle persone nate tra la fine degli anni ’80 e i primi anni 2000 nel mondo occidentale: i primi ragazzi del nuovo millennio, che sono cresciuti vivendo in prima persona le rivoluzioni di Internet nel campo dei media, della comunicazione e della tecnologia in generale, nonché quelli che hanno conosciuto gli impatti della Grande recessione, che ha provocato conseguenze ancora forti proprio in questa fascia.

Ai Millennial piace ristrutturare casa

Non è del tutto casuale, allora, scoprire che in Italia le persone di età compresa tra i 25 e 34 anni siano i più attenti e oculati sul fronte delle spese per la manutenzione della casa, e che in più del 30 per cento dei casi preferiscano rimboccarsi le maniche e intervenire in prima persona per effettuare i piccoli interventi di riparazione. Né stupisce che tra i trend per l’acquisto dei prodotti necessari si faccia largo il web, grazie ad esempio a marketplace come giffimarket.com dove trovare cassette degli attrezzi e altri strumenti utili a prezzi convenienti.

Obiettivo risparmio

In dettaglio, secondo un recente sondaggio la ristrutturazione della casa nel 2015 ha interessato il 34% degli italiani nella fascia d’età tra i 25 e i 34 anni, seguiti dal 29% dei 35-54enni e dal 30% degli over 55. I giovani tricolore si sono convinti a ristrutturare casa per una serie di motivi, a cominciare dalla voglia di personalizzare l’ambiente in cui vivono, ma senza rinunciare alla sempre più diffusa necessità di risparmiare.

Meglio ristrutturare che partire da zero

A supportare questa tendenza arrivano anche i dati della ricerca di Houzz & Home, che sottolineano il legame tra i lavori di rinnovo casalinghi e gli italiani appartenenti alla Generazione Y: il 22% degli intervistati dichiara infatti di preferire la ristrutturazione in quanto più economica rispetto all’acquisto di un’abitazione completamente nuova, mentre il 16% ritiene che questa scelta garantisca un ritorno migliore sull’investimento.

L’inesperienza si paga

Guardando in maniera più approfondita i risultati di questa ricerca, si scopre che la spesa media totale per i lavori di ristrutturazione dai giovani millennial italiani nel 2015 è di 48.600 euro, contro i 42.400 degli over 55: una differenza notevole, giustificata secondo gli analisti da una tendenza dei giovani a non stabilire preventivamente un budget o a sforarlo con maggiore frequenza rispetto alle persone più grandi ed esperte. La stessa inesperienza porta infatti a scegliere prodotti o materiali più costosi, a cambiare progetto in corsa (di solito rendendo più complessi gli interventi rispetto a quanto inizialmente stimato) e a pagare di più prodotti o servizi  rispetto a quello preventivato.

Cimentarsi nel fai da te

Senza andare così “lontano” nelle ristrutturazioni complete di casa, i giovani italiani si cimentano anche in interventi più semplici e quotidiani, ovvero le piccole riparazioni che sono inevitabili nel corso della vita domestica: aumentano infatti le persone che, per hobby o necessità di risparmio, decidono di metter mano (nel vero senso della parola) al montaggio dei mobili, alle riparazioni elettriche basiche, alle operazioni per appendere lampadari, quadri o specchi, fino a quanti, più abili, si dedicano anche a sostituire l’idraulico o a cambiare la serratura della porta.

Gigi Botti

Tre passioni nella vita: calcio, musica e scrittura, da Giornalista pubblicista amo collaborare per diverse testate online e cartacee parlando di tutto un pò. Amo scrivere per documentarmi, per avere “la scusa buona” per approfondire le mie conoscenze. Che sia con una tastiera, un display o con una penna poco cambia. Di recente ho acquistato una Olivetti Lettera 35 del 1972, proprio per non farci mancare nulla. Spero di allietare chiunque legga i miei articoli, suscitare interesse, generare discussione!
Gigi Botti

Leave a Reply

Your email address will not be published.