Igor Borozan e Stefano de Majo sbarcano a Milano Off

Igor Borozan e Stefano de Majo sbarcano a Milano Off

MILANO – Terre di Leonardo Da Vinci 500 (19 settembre) e Moon (20 settembre) sono le due performance che i due artisti propongono al pubblico milanese; due eventi assolutamente intensi e artisticamente trasversali.

Sarà la Fabbrica del Vapore ad ospitare gli eventi in calendario di Milano Off 2019, anno in cui si celebra altresì il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci.

“Quest’anno è dedicato alla celebrazione dei cinquanta anni dall’allunaggio e a me piace immaginare che nei prossimi cinquanta anni saranno gli artisti, i sapienti e i filosofi ad andare nello spazio. Il MI OFF è dedicato a tutti gli artisti sognatori, ai visionari lunatici che con l’arte della fantasia viaggiano nell’etere, oltrepassando senza barriere (Off) le realtà e concretizzando le utopie. Artisti fuori dalle mura dei centri di potere (Fringe), che troppo spesso bloccano le loro ali di pensatori liberi e a cui dovrebbe essere concesso il beneficio dell’incoerenza, che genera rinnovamento vitale e arte”, sostiene Renato Lombardo, ideatore e direttore generale nonché Presidente dell’Associazione Milano Off.

Due date, due anniversari che hanno lasciato una traccia indelebile nella storia.

Terre di Leonardo Da Vinci 500’ e ‘Moon’ sono le due performance artistiche che Igor Borozan e Stefano de Majo propongono al pubblico milanese; due eventi assolutamente intensi e artisticamente trasversali.

Sostenitrice dell’iniziativa culturale è l’AppKeep, società leader in Italia nel settore del property management, che porta a Milano le due performance artistiche di Borozan e de Majo, convinta che l’animo dell’imprenditoria sia proprio la cultura e che il miglioramento dell’uomo sia possibile unicamente attraverso il recupero e la ricongiunzione dei suoi valori e quelli dell’Arte e dello Spirito.

David Montagna Baldelli, Amministratore unico dell’AppKeep da sempre vicino al mondo dell’arte, è mosso dalla convinzione che costruire il futuro rientri nella capacità di custodire amorevolmente il nostro passato, attraverso la testimonianza dei grandi Maestri dell’Umanità e il proseguimento del loro cammino.

IGOR BOROZAN: TERRE DI LEONARDO DA VINCI 500

Stefano de Majo
Igor Borozan per Leonardo Da Vinci – Ph Gladys de la Raba

Savi Arbola Appiani, Presidente dell’associazione Ponte degli Artisti ‘la scaletta dell’arte’ partner artistico di Milano OFF ci racconta in assoluta anteprima che la performance dell’artista Igor Borozan, s’inserisce con l’opera Terre di Leonardo, in un progetto più ampio che lo vedrà protagonista nella costruzione del museo dedicato al Mito della Gioconda che stiamo realizzeremo in collaborazione con il comune di Maccagno con Pino e Veddasca e il suo fantastico museo di arte contemporanea, il Museo Parisi Valle. Il nuovo Museo sarà creato nel borgo antico del paese (borgo del 400) e racconterà la vera storia, tramandata di padre in figlio sulle verità e studi del dipinto più famoso al mondo, la Gioconda. Le opere del Maestro Borozan faranno parte della collezione permanete e si affiancheranno ad opere di artisti contemporanei internazionali che hanno reinterpretato il celebre dipinto. Il museo si avvarrà della collaborazione scientifica di numerosi studiosi di Leonardo Da Vinci come il prof. Silvano Vinceti autore del libro che ha dato nuove visioni sulla storia del celebre furto.

E proprio in suo onore, il prossimo 19 settembre, farà il suo debutto Terre di Leonardo Da Vinci 500, un paso doble tra colore e teatro.

stefano de majo
Igor Borozan – Ph Amedeo Cavani

Uno spettacolo “live” durante il quale Borozan realizzerà un disegno leonardesco delle dimensioni titaniche utilizzando le tecniche classiche della sanguigna e della seppia per dar vita ad un’opera unica ispirata al ritratto, tema assai caro al grande genio milanese. Contestualmente la potente voce dell’attore de Majo ne traccerà le azioni. Il monologo di Stefano de Majo rappresenta il suo perfetto binomio:  “Io son per Milano come la penna per il temperatoio, l’una senza l’altro non vale poi troppo”.

Un Leonardo redivivo che uscirà dalla cornice dei suoi quadri e si racconterà in prima persona, la pittura è poesia senza parole e la poesia è pittura senza colori.

La lectio magistralis di Borozan e de Majo, ha l’obiettivo di coinvolgere gli spettatori permettendo di “vivere” in prima persona il modus operandi del grande genio.

Una lezione che esce dal segreto della bottega dell’artista per proiettarsi verso la fruizione condivisa con lo scopo di diffondere la conoscenza grazie all’esperienza viva e diretta da parte del pubblico.

stefano de majo
Igor Borozan – Ph. Roberto Bertolle

Il disegno per Leonardo è uno strumento di indagine e riflessione sul mondo, un mezzo di conoscenza scientifico, espressione diretta e spontanea dei suoi pensieri, delle sue meditazioni e dei suoi ragionamenti.

Partendo proprio da questa concezione Borozan, profondo conoscitore delle tecniche pittoriche rinascimentali, intende porre l’accento sull’importanza del disegno nel processo creativo in senso lato del termine.

E’ un disegno che deve colpire la sensibilità, essere visto e vissuto come un sogno, un’apparizione.

STEFANO DE MAJO: MOON

Moon – Ph. Roberto Bertolle

Moon è il secondo appuntamento in programma, previsto per il 20 settembre. Un originale spettacolo notturno sotto le stelle, un monologo multisensoriale di Stefano de Majo, dove teatro, musica e danza si intersecano attraverso il racconto di Laika che per prima varcò, come Ulisse, le frontiere dell’ignoto. Autore e attore teatrale umbro, si è formato nella scuola di Anna D’Abbraccio e Gastone Moschin, notevole il suo background nel mondo del palcoscenico. Il suo modo di recitare è limpido, immediato, travolgente ed è capace di coinvolgere il pubblico che interagisce senza esitazioni, rendendo ogni spettacolo “una storia a se”.

Un viaggio nel tempo e nello spazio fatto di suoni, di voci e sperdute emozioni, a mostraci entrambe le facce della luna grazie all’intervento pittorico di Borozan; quel misterioso disco bianco da sempre vagheggiato e forse mai davvero raggiunto e compreso nella sua intima essenza, verrà fissato su tante piccole tele come una serie di fotogrammi di tutte le sue fasi. Coreografie a cura di Viviana Fabrizi, flauto traverso Serena Anselmi.

E alla fine del viaggio magari da lassù scopriremo qualcosa di più anche di noi e della nostra vecchia Terra.

Da lassù la Terra era bellissima.

Viviana Fabrizi – Moon Ph. Roberto Bertolle

“Le proposte di Milano Off Fringe Festival, dal 17 al 22 settembre, sono variegate come il Festival stesso vuole essere: monologhi e spettacoli di squadra, studi sui classici e teatro contemporaneo, musical e danza, clownerie e stand up. Il pubblico avrà a disposizione una tavolozza di colori che include tinte forti e tinte pastello: spaziando, perché lo spazio è il tema di questa nostra stimolante avventura” conferma Francesca Vitale, Direttrice artistica.

Buona visione!

Milano Off

Moon

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

One Response to "Igor Borozan e Stefano de Majo sbarcano a Milano Off"

  1. Stefano Maria Pantano
    Stefano Maria Pantano   17 Settembre 2019 at 22:56

    Stefano De Majo è un bravissimo attore e molto versatile. Ho avuto modo di vederlo di persona e di recensire spettacoli in cui era presente. Si cimenta molto in ruoli di oersonaggi storici e in situazioni sceniche anche atipiche rispetto al classico teatro. Un artista sicuramente molto interessante.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.