Inaugurazione nella via dei gioielli di Roma

Testo di Ornella Mollica

Roberto Coin ha inaugurato il 26 novembre, un nuovo ed affascinante spazio per i suoi gioielli. Uno dei made in Italy più famosi al mondo arricchisce con il suo intrigante stile il centro di via del Babuino. Non potevano proprio mancare le sue inconfondibili creazioni nella via dei gioielli di Roma.

La nuova boutique, sorge negli spazi dell’antico fotografo pontificio “Fotografia Felici”. Il concept, completamente rivoluzionato rispetto al precedente store in via Vittoria, è in perfetta armonia con l’edificio e lo stile bugnato che lo contraddistingue, dove l’oro gioca un ruolo predominante anche nel design, dando un tocco ancora più prezioso e glamour allo spazio.

Il marrone che caratterizza da sempre il brand rimane presente ma unito qui a una palette di diverse nuances e declinato in diversi e nuovi materiali. Un sapiente gioco di accostamenti inattesi tra marmo, moquette, carta da parati e vetro ricreano una inedita atmosfera, unica ed accogliente. Gli ospiti della serata sono stati coinvolti dalla sensualità degli arredi interni, sviluppati e personalizzati per il negozio in piena sintonia con lo stile e i soffitti a volte a crociera e a botte. Le 25 vetrine che caratterizzano lo store arrivano fino a via Margutta, la strada degli artisti tracciando così una linea di continuità tra le diverse arti che si incontrano. Al di là del vetro le preziose collezioni del brand luxury, tra cui spiccano gli ipnotici pezzi delle collezioni Animalier, Black Jade e Falcon Limited Edition. Ed ancora pashmine, cinture, borse in coccodrillo di diverse fogge e colori per la Not Only Jewels Collection: un’area riservata all’interno del negozio dedicata all’esposizione di accessori fashion pregiati. Ogni pezzo di Roberto Coin è il risultato di un viaggio tra culture ed influenze multi-etniche che attraversa il mondo della natura, tra echi del passato e proiezioni future. Lo stilista firma ogni sua opera con un piccolo rubino, incastonato all’interno del gioiello. Un messaggio di buon augurio che l’artista dedica alla sua affezionata clientela.

La serata ha regalato momenti di frizzante passione artistica dove Roberto Coin ha deliziato tutti i presenti con le storie che caratterizzano e identificano ogni creazione. 

Il brand nato nel 1996 ha saputo dar forma ai sogni e ai desideri di donne e uomini provenienti dalle più svariate ed eterogenee realtà sociali.

Oggi il mondo della moda riconosce Roberto Coin come l’ideatore dei trend del gioiello più interessanti degli ultimi decenni. Il suo istinto instancabile di dare vita a qualcosa di inedito gli ha permesso di produrre ogni anno oltre 600 nuovi modelli, capaci di soddisfare le esigenze dei più diversi mercati internazionali. Le collezioni dello stilista si possono trovare in oltre 1000 punti vendita, situati in 60 paesi.

Ma Roberto Coin non è soltanto un uomo votato al mondo dell’arte del gioiello, è anche un artista impegnato nel sociale e nel rispetto dell’ambiente. L’azienda, infatti, sin dalla sua nascita aderisce a diversi accordi internazionali volti ad assicurare la provenienza dei materiali esclusivamente da zone conflict free, rispettando i fondamentali principi dell’etica sociale e ambientale.

Lodevole la charity in partnership con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù presentata all’opening della boutique. Un’iniziativa volta alla creazione di una collezione dal titolo Tiny Treasures – Piccoli Tesori –  brandizzata per un anno con il visual della struttura ospedaliera, la quale riceverà in donazione parte dei proventi della vendita dei gioielli della collezione esposta in una delle vetrine dello store e presso la Struttura.

“Teniamo molto a questo progetto a Roma, nel cuore dell’Italia –   ha spiegato Roberto Coin – siamo da sempre attenti a fare del nostro lavoro non solo un ornamento del corpo, ma prima di tutto dello spirito.  La responsabilità sociale è un dovere umano imprescindibile”.

La nuova boutique di Roberto Coin

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.