La nuova Olanda tra moda e cucina

La nuova Olanda tra moda e cucina

La visione di una nuova Olanda tra moda e cucina è emersa in un evento dell’Ambasciata dei Paesi Bassi durante la manifestazione di Pitti Uomo 2013.

All’ edizione di Pitti Immagine Uomo (8–11 gennaio 2013) marchi di successo e stilisti emergenti si presentano in un connubio con l’inventore di una inedita gastronomia tipica. Un evento organizzato dall’Ambasciata dei Paesi Bassi nel contesto del programma promozionale Olandiamo in Toscana. Originali, varie, innovative e sostenibili. Queste le parole chiave della Nuova Moda Olandese e della Nuova Cucina Olandese, protagoniste mercoledì 9 gennaio all’Hotel Savoy di Firenze tra gli eventi di Pitti Uomo 2013.Duch Touch
L’organizzazione di Olandiamo in Toscana è firmata dall’Ambasciata dei Paesi Bassi con la collaborazione di Dutch Fashion Foundation, Stenden University Hotel e Hotel Savoy.
“Un’occasione”, spiega l’ambasciatore Michiel den Hond, “per conoscere meglio l’Olanda attraverso due importanti settori, in un piacevole connubio di creatività stilistica e culinaria”.

Conny work
Angelique Westerhof, direttrice della Dutch Fashion Foundation, racconterà i recenti sviluppi e le prospettive del settore moda nei Paesi Bassi, presentando marchi di successo e stilisti emergenti tra cui Ado les Scents, Conny Groenewegen, Cravatta Pelliano, Jupe, Mattijs van Bergen, Ralph Vaessen, SeeMe, The Makers e Wahts.

L’altra star della serata sarà lo chef Albert Kooy di Stenden University Hotel di Leeuwarden, cuoco pluripremiato, autore di libri di successo e presentatore tv.

Albert Kooy fonda la sua cucina biologica su una solida base di ingredienti e ricette tradizionali, rivisitate in chiave moderna ed internazionale. L’aperi-cena da lui creata presenta una gastronomia sorprendente e molto saporita al ritmo della musica proposta da Stijn Hosman, DJ/producer emergente della Rockacademie di Tilburg.

Il libro di Albert Kooy

 

 

L’opera dello stilista Conny

 

 

 

 

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque