La Vicaria

La Vicaria

Un vergine vestale ignara del mondo con un curriculum vitae ineccepibile e una vita personale “non pervenuta”. Così viene descritta dai giornalisti La Vicaria, abilmente interpretata da Linda Di Pietro, che commentano in modo fin troppo crudo, ma veritiero, la vita di una donna in corsa, spinta da un irrefrenabile bisogno di affermazione.

L’ambizione della Vicaria, prima della classe, prima del suo corso, prima donna scelta a ricoprire quel ruolo, è contrapposta alla fragilità che la fa cadere in un’imprevedibile tempesta.

Con una madre, assillante e ansiosa forse più di lei, la giovane donna è stata travolta dall’amore proprio quando la sua brillante carriera ha preso il volo. Innamoratasi di Rolando alle 14.10 del 18 Aprile, la Vicaria scopre, proprio nel giorno più importante della sua vita, che il compagno, in realtà, non l’ha mai amata tanto quanto lei credeva. Potere e integrità possono far parte di una stessa esistenza o ci si deve rassegnare all’amara consapevolezza che strisciare resta il miglior modo per non inciampare?

Lo spettacolo teatrale di Marco Avarello, per la regia di Arcangelo Iannace, è in grado di far rivivere vari momenti di una stessa vita e differenti stati d’animo di una stessa persona. La Vicaria “è ambiziosa, capace, abile e profondamente ipocrita: mi pare che ci sia tutto, è ora che salga sulla croce e sanguini un po’…”. Ma è anche una donna depressa, incapace di costruirsi una vita sentimentale. Ma ciò non sempre per colpa sua. Essere una donna in carriera, capace e indipendente, magari anche carina e sensuale, spaventa gli uomini che, o la evitano, oppure la sfruttano. Tener testa a una così e non sentirsi schiacciati dal suo carattere: è questa la sfida dell’uomo che cerca una donna come la Vicaria. “Dietro un grande uomo c’è una grande donna. Ma dietro una grande donna c’è spesso il vuoto” (A.Iannace)

 

La Vicaria

Il 10 ottobre, con La Vicaria, ha preso il via VOCE/DONNA, rassegna di teatro al femminile con il Patrocinio della Presidenza della Camera dei Deputati e Roma Capitale e organizzata da VOX communication.
VOCE\DONNA è una rassegna di eventi che, sotto la direzione artistica di Gennaro Colangelo, restituisce la parola alle figure femminili del nostro tempo, proponendo problematiche forti del mondo attuale, che forse solo il teatro riesce a evidenziare in modo compiuto, con la sua capacità di entrare nell’immaginario dello spettatore. Le voci di queste donne sono portate da qualcosa che è impossibile definire, secondo il bel titolo di un racconto di Antonio Tabucchi, e giungono alla scena attraverso la scrittura drammaturgica secca e tagliente di autori emergenti come Marco Avarello ed Elisabetta Villaggio e l’interpretazione di uno straordinario gruppo di attrici professioniste.

Seguono nell’ordine:
Venerdì 25 ottobre ore 20.30
UNA DONNA DECOMPOSTA
Omaggio ad Alda Merini, con Fioretta Mari e Nicholas Gallo.
Testi e Regia di Gennaro Colangelo.

Giovedì 28 novembre ore 20.30
LE ALTRE
Con Antonella Civale, Marta Nuti e Roberta Cartocci e con la partecipazione di Barbara Eramo.
Testi di Marco Avarello, Regia di Linda Di Pietro.

Sabato 14 dicembre ore 20.30
IO SONO VIRGINIA
La storia di Virginia Agnelli Bourbon, con Milena Vukotic.
Testo e Regia di Elisabetta Villaggio.

Informazioni
Spazio Teatrale 5 Lune
Piazza Cinque Lune 74 (Piazza Navona)
06 89020856
www.vocedonna.voxcommunication.it
info@voxcommunication.it 

Roberta Filippi

Bresciana di origine, bolognese di adozione e svizzera nell’organizzare la mia vita. Pretendo che tutto sia sempre scadenzato e gestito con la tempistica più rigorosa possibile. L’ordine per me è una mania, ad esclusione della mia scrivania che non è nulla a confronto di un campo da guerra. Ho la fortuna di lavorare come avrei sempre sognato: in modo indipendente, con collaboratori intelligenti e facendo ciò che più mi piace, scrivere e organizzare. Intenzionata a voler sempre arricchire le mie conoscenze e sempre pronta a scoprire nuove cose, combatto le mie giornate tra Mac, agende, planning, farina e padelle. Perché per essere veramente realizzata devo poter trovare il tempo per cucinare un risotto o sfornare del pane caldo da gustare per cena, rigorosamente con un buon bicchiere di vino.
Roberta Filippi

Latest posts by Roberta Filippi (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.