Niente caffè per Spinoza: la filosofia e l’amore camminano insieme

Niente caffè per Spinoza: la filosofia e l’amore camminano insieme

ITALIA – Il libro di Alice Cappagli edito da Einaudi, stupisce per la dolcezza e l’originalità con cui riesce a trattare temi tipicamente e meravigliosamente quotidiani. Tra il lettore e i due protagonisti, si istaura da subito un affetto sentito e profondo, tanto che sarà difficile lasciarli andare a fine lettura.

Niente caffè per Spinoza di Alice Cappagli è un libro divertente e frizzante: un inizio in sordina, con un tono quotidiano che pian piano, pagina dopo pagina dimostra un equilibrio dinamico tra ironia e consistenza dei  fatti narrati.

Lo  spessore è evidente, come dimostrano le numerose  citazioni filosofiche che lo attraversano senza dargli il look del saggio o del romanzo filosofico  ma con un’apertura indiscutibile all’ ottimismo: da qualunque situazione, anche se si tratta di un’impasse  economica affiancata al disastro di  un matrimonio senza dialogo dove “parlare e tacere era diventato uguale”, è possibile ricominciare e scegliere un nuovo percorso.

Un libro che arriva dritto al cuore, senza giri di parole

niente caffè per spinoza
Alice Cappagli

La protagonista assoluta di Niente caffè per Spinoza è Maria Vittoria, quarantenne in pieno rilancio esistenziale. Tutto riparte dal  rapporto che la protagonista stabilisce  in qualità di badante con un anziano Professore, cieco da 10 anni ma che “  vede benissimo”  i colori degli oggetti e soprattutto le pieghe del carattere altrui: “ci sono cose che galleggiano sulla superficie della vita…. sono quelle che contano”. Il ciclone della vita irrompe da questa sferzata di autenticità e vitalità che l’incontro col Professore regala a Maria Vittoria.

Troviamo nel testo la protagonista che vive la felicità nell’aver ritrovato lavoro, l’odore del basilico fresco regalato al professore, straordinariamente impegnato a dar valore alle relazioni con amici e parenti e vitale, nonostante l’età,  nel suo approccio al quotidiano.

Di fronte agli eventi, imprevisti o quotidianamente ripetuti, la vita di Maria Vittoria si colora delle frasi  di filosofi lette per contratto: “Il mistero sta nel creare, non nel distruggere”, infatti tutti abbiamo qualcosa di irrisolto che ci “rende la vita più dura, ma nello stesso tempo… induce a cercare la soluzione”;  come scrive Epitteto  ”Essere zoppo è un impedimento per la gamba, ma non per la scelta di vita”.

Lei, dai  libri e dai nuovi incontri con persone legate al Professore in quanto parenti, amici, vicini di casa, ex alunni,  troverà così  nuove idee per leggere il suo quotidiano. Dopo una vita di adattamenti elargiti alle volontà altrui una ventata di indipendenza le  fa assaporare una libertà nuova e costruttiva, un nuovo stile di relazione verso la famiglia di origine e  con un marito (senza nome nel testo) che diventerà “ex” nel corso della storia, scelta in precedenza impensabile.

Intanto il Professore, che si sta  avvicinando consapevolmente verso l’evento ultimo dell’ordine naturale,  aiutato da Maria Vittoria riprenderà in mano il filo di ricordi spezzati rimpastandoli e riconciliandosi col suo passato.

Niente caffè per Spinoza, la bellezza delle cose scandisce la nostra esistenza

La bellissima copertina del libro

La storia si svolge in una città in cui l’esplosione di colori e  profumi del mercato centrale sono una vera “fabbrica di allegria”. Livorno , culla dell’ironia ma non per questo sciatta e priva di un’anima profonda, è la città vivace dove tra Piazza Mascagni e Villa Fabbricotti  rintracciamo l’anticamera ideale per sentimenti autentici come la fiducia tra estranei,  il vivere le emozioni “sulla pelle” senza nascondimenti e infingimenti,  l’immediatezza di accostarsi a persone che non si conoscono giungendo ad annodare percorsi di destini separati e tutto sommato diversi  in una rete amicale di condivisione delle cose e delle necessità.

Fino a quando Maria Vittoria   arriva  a comprendere che ha ragione il Professore: dai libri che amiamo si impara a ripartire sempre. Anche quando le energie sembrano affievolite  questi fari di preziosa  saggezza permettono di illuminare il cammino. C’è in loro un mistero, una sapienza  che affascina: Maria Vittoria “sente” questa bellezza della cultura e decide di tornare a studiare.

Le pagine finali ci raccontano che la serenità è una bella conquista e tra gli incontri sempre possibili per ritrovarsi in sintonia con la vita troviamo il sorriso di un nuovo amore che sboccia.

INFO UTILI PER LA LETTURA

Titolo: Niente caffè per Spinoza

Autore: Alice Cappagli

Editore: Einaudi

Data di pubblicazione: 5 febbraio 2019 |

Pagine: 278

Teresa Paladin

Docente di lettere in istituti tecnici,  ho sempre amato la cultura come forma di promozione della umanità, soprattutto dei più giovani. Per questo negli anni mi sono dedicata a progetti e iniziative scolastiche  che dessero risalto a valori quali la solidarietà, il dialogo, la ricerca dell’ incontro con l’altro, con azioni che avvicinassero la scuola al territorio e al tessuto di bisogni ed esperienze della vita reale e creando nelle classi occasioni e opportunità per il confronto, la discussione, la riflessione.

Dei giovani mi è sempre piaciuta la disponibilità a mettersi in gioco e ad appassionarsi immediatamente  a ciò che li attrae. La cultura, focalizzata come percezione dell’esistenza e ricerca di significazione di eventi e fatti personali, mi regala la medesima energia: la vita scorre e la letteratura, pronta a farle da specchio, ne racconta  pieghe, profumi e bagliori  pennellando pensieri, sensazioni ed emozioni con  perspicace vitalità. Leggere è seguire le orme di un’avventura che, giocando con la fantasia, presenta e reinventa per tutti strade e percorsi, e di tale  dimensione culturale abbiamo tutti disperatamente bisogno. Perché il viaggio non è mai concluso.

Teresa Paladin

2 Responses to "Niente caffè per Spinoza: la filosofia e l’amore camminano insieme"

  1. Domenico Pavone   1 Ottobre 2019 at 08:58

    Emozionante

    Rispondi
  2. Teresa Paladin
    Teresa Paladin   1 Ottobre 2019 at 17:09

    Grazie, è un commento bellissimo!!!!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.