Ninfeo di Orte: di nuovo in vita grazie a Memorie d’Acqua

Ninfeo di Orte: di nuovo in vita grazie a Memorie d’Acqua

ORTE – Il Ninfeo sotterraneo della cittadina riaprirà il 7 aprile: i tre artisti internazionali uniscono i loro differenti linguaggi del teatro, della pittura e del suono lungo i diversi livelli di questo magico luogo, facendo riaffiorare dopo dieci anni di buio e silenzio, le sepolte “Memorie d’Acqua”.

Il Ninfeo di Orte diventa palcoscenico di uno spettacolo unico nel suo genere. La performance teatrale di e con Stefano de Majo è tratto dalla sua pièce “Memorie di Adriano” in replica da anni e già interpretata in numerosi teatri romani e siti archeologici, tra i quali Aquinum, Carsulae, Ocriculum, Ostia, Piazza del Popolo a Roma e presso la biblioteca della Camera dei Deputati.

A questo si affianca e si fonde la performance multisensoriale itinerante “Water Memory” del maestro Igor Borozan ospitata lo scorso settembre presso le Antiche Cisterne Romane di Amelia ed entrata nel calendario ufficiale degli eventi per le Giornate Europee del Patrimonio 2018.

ninfeo di orte
Ninfeo di Orte Credit: Luca Riccardi

Brevi clip sonore verranno generate da un un software creato dal sound designer Paul Harden, un programma in grado di miscelare rumori, voci e suoni sintetici dosandoli attraverso criteri semi-randomici fino a costruire delle scene in continuo mutamento.
Il suono verrà trattato come fosse un insieme di particelle che nascono, si muovono e si spengono in uno spazio tridimensionale corrispondente al volume della location in assenza di gravità.
Un evento eccezionale dove la magistrale voce dell’attore de Majo incontra le pennellate fluide di Borozan, unendosi agli effetti acustici di Harden.
Un mix intenso e denso, fatto di voci, vibrazioni e colori a simboleggiare, proprio attraverso il risveglio dei sensi, la rinascita della memoria, riportando alla luce un tempo che solo all’apparenza sembrava essere perduto.

ninfeo di orte
Paul Harden – sound designer

“Memorie d’Acqua” è uno spettacolo multisensoriale itinerante, che il Consigliere Delegato alla Cultura del Comune di Orte Valeria D’Ubaldo, ha voluto proporre in un’occasione speciale per la città: la riapertura delle Fontane sotterranee e dei giochi d’acqua del Ninfeo. 

L’acqua torna dunque ad essere l’elemento cardine, da cui tra origine l’ispirazione artistica di Memorie d’Acqua, forza primordiale che regge l’esistenza e anima tutto il creato. Essa è il divenire, il caos, la vita, l’istinto, l’impulso.

ninfeo di orte
Stefano de Majo – Attore

La rete idraulica ipogea alimentava anche, attraverso un cunicolo che parte direttamente dalla fontana di piazza, il pregevole ninfeo di via Solferino costruito nel XVI secolo e appartenuto al convento delle suore. Il complesso sotterraneo, interamente scavato nel tufo, sottostante a un giardino anch’esso rinascimentale, ha affaccio sul lato sud della rupe, e si articola in due livelli sovrapposti, a loro volta suddivisi in diversi ambienti. Tutti gli ambienti sono caratterizzati dalla presenza di fontane e vasche comunicanti, che fanno del ninfeo di Orte un complesso unico nel suo genere.

Il Ninfeo rinascimentale, incastonato come un gioiello nel sistema di cunicoli e cisterne etrusco-romane del sottosuolo tufaceo del giardino della famiglia Zuppante, diventa dunque parte integrante del circuito di Orte Sotterranea: un progetto di studio e ricerca volto alla fruizione del pubblico, coordinato dall’Associazione VeramenteOrte – con gli archeologi Stefano del Lungo e Giancarlo Pastura – con il supporto della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale.

Un viaggio attraverso i secoli che si snoda nel sottosuolo della cittadina dove si possono visitare acquedotti, cisterne, pozzi di neve, luoghi di delizia e colombaie rupestri, accompagnati da guide turistiche volontarie, appositamente formate per garantire ai visitatori un’offerta turistica di primo livello.

La riapertura del Ninfeo, dopo oltre un decennio, è stata fortemente voluta dall’attuale Amministrazione Comunale, che, nella persona del Sindaco Angelo Giuliani, ha trovato un accordo con la proprietà, dando origine ad una convenzione, grazie alla quale sarà possibile visitare di nuovo questo luogo magico e suggestivo.

Giulia Chellini

Silenziosa scrutatrice, appassionata di arte e restauro; spesso sogno ad occhi aperti il mondo come dovrebbe essere per dimenticare il mondo come è..ed intanto perdo l’autobus. Fotografo dettagli insignificanti, cerco quadrifogli nei prati e parlo con i gatti. Penso che lo scopo della vita sia racchiuso nella parola “scoprire”: luoghi, cose e persone.
Giulia Chellini

Leave a Reply

Your email address will not be published.