Palermo apre le porte all’ottava edizione di Una marina di libri

Palermo apre le porte all’ottava edizione di Una marina di libri

PALERMO – La città si riconferma più che mai promotrice della cultura letteraria:  quattro giorni di manifestazione, tra dibattiti, incontri e presentazioni di libri inediti, hanno riunito editori provenienti da tutta Italia

E’ appena terminata l’ottava edizione di Una Marina di Libri, il festival siciliano dell’editoria indipendente che si è tenuto quest’anno dall’8 all’11 giugno a Palermo, capoluogo siciliano scelto come capitale italiana della cultura del 2018 dal ministro di Beni culturali e turismo, Dario Franceschini.

Il grande evento ha avuto luogo nella splendida cornice dell’Orto Botanico intorno alla Vasca delle Ninfee e il contest della prestigiosa kermesse è stato dedicato alla “Educazione”, raccontata attraverso musica, scrittura, natura, arte e letteratura.

Una marina di libri“L’Educazione nella costruzione della conoscenza; la cura di sé; educazione al cambiamento; alla consapevolezza, l’educazione sentimentale, ambientale, la cittadinanza attiva, la legalità”, ha spiegato Valentina Ricciardo del comitato organizzativo.

Promosso da CCN Piazza Marina & Dintorni, Navarra Editore e Sellerio, il festival ha previsto 250 eventi tra presentazioni, dibattiti, incontri, laboratori e spettacoli per bambini, mentre in fiera sono stati presenti 90 editori indipendenti nazionali e locali con uno speciale focus quest’anno dedicato all’editoria per l’infanzia con 10 delle migliori case editrici nazionali del settore.

«Dobbiamo pensare ai lettori di domani» ha affermato l’editore Ottavio Navarra.

Programma della giornata

Per ciascuna giornata, la manifestazione Una marina di libri ha proposto appuntamenti fissi che si sono integrati con le proposte culturali direttamente promosse dagli editori presenti in fiera. Ogni mattina è stata aperta da “L’edicola”, una rassegna stampa curata da grandi giornalisti nazionali e operatori culturali e da una tavola rotonda dedicata a studenti e professionisti, in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo e il Dipartimento di scienze umanistiche. A seguire un dibattito tematico e un omaggio a scrittori ormai scomparsi: da Gianni Rodari a Virginia Woolf. Altri momenti speciali di ricordo sono stati dedicati durante il festival a Luigi Pirandello, di cui ricorre il 150° anniversario della nascita; Totò, a 50 anni dalla morte; e a Nino Buttitta, recentemente scomparso.

Ogni giornata si è chiusa con un’intervista serale a un grande ospite, per poi dare spazio alla musica: tanti concerti, come quello “All’ombra del ficus” dell’Ensemble Cuori siciliani, e tanti altri spettacoli musicali.

Ospiti presenti

Tra gli ospiti presenti ad ” Una marina di libri” – giovedì 8 giugno – Fabio Stassi con uno spettacolo di pupi tratto dal libro “Angelica e le cometa”; Giuseppina Torregrossa con il recente “Cortile Nostalgia” e Antonella Lattanzi con il suo “Una storia nera”, già tradotto in dieci paesi.

Venerdì 9 giugno è stata la volta del giallista Maurizio de Giovanni, reduce dal successo de “I bastardi di Pizzofalcone”; Vanni Santoni con “La stanza profonda” (finalista Premio Strega 2017); Federico Zampaglione con una presentazione/spettacolo di “Dove tutto è a metà.”

Una marina di libriSabato 10 giugno, presenti Salvatore Butera e Gaetano Savatteri, il neuroscienziato Vittorio Gallese e Michele Cometa; Laura Ephrikian con la sua prima autobiografia; Anilda Ibrahimi, Filippo Tuena, Davide Enia con “Appunti per un naufragio”, e infine Walter Siti (Premio Strega 2013) con il discusso “Bruciare tutto”.

Domenica, si sono tenute le presentazioni di “La più amata di Teresa Ciabatti” (finalista Premio Strega 2017) e “Il tuo nemico” di Michele Vaccari.

Dopo il successo appena riscosso al Salone del Libro di Torino, anche la casa editrice Bonfirraro ha colto ancora una volta l’occasione per rilanciarsi sul mercato con nuove sfide e affermare la propria presenza anche a Palermo, portando con sé libri alcuni tra i suoi autori più prolifici, in linea con il contest della prestigiosa kermesse.

Una sezione editoriale dedicata alla criminalità mafiosa

Un focus speciale è stato dedicato anche ai 25 anni dalle Stragi di Capaci e Via d’Amelio, con la partecipazione di Alfonso Giordano (presidente del maxiprocesso), i giudici Giuseppe Di Lello e Gioacchino Natoli, Piergiorgio Di Cara, Marcello Benfante, Costanza Licata.

Una marina di libriGlifo Editore, in collaborazione con la fondazione Rocco Chinnici, ha cosi presentato la nuova pubblicazione dal titolo “Rocco Chinnici. L’illegalità protetta. Le parole e le intuizioni del magistrato che credeva nei giovani”.

Il volume, che contiene la preziosa prefazione di Paolo Borsellino – una delle pagine significative mai scritte sul giudice Chinnici –, è incentrato sui temi della criminalità mafiosa, del contrabbando della droga e sul coinvolgimento dei giovani per la nascita di una cultura della legalità.

Un testo fondamentale per conoscere il metodo innovativo di Rocco Chinnici, ucciso dalla mafia la mattina del 29 luglio 1983 a causa dell’esplosione di un’auto-bomba, durante la quale persero la vita anche i due agenti della scorta, Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta, e il portiere dello stabile in cui viveva, Stefano Li Sacchi. Rocco Chinnici è stato il primo magistrato moderno ad aver capito che la lotta alla mafia si fa insieme.

Alla presentazione del libro sono intervenuti: Antonio Balsamo, Caterina Chinnici, Giovanni Chinnici, Antonio La Spina e Francesco Petruzzella.

Ed ancora..

Infine, tra gli altri ospiti che hanno preso parte a ” Una marina di libri ” e hanno animato gli incontri con il pubblico: Margherita Giacobino, Gaya Raineri, Orazio Labbate, Matteo Bianchi, Demetrio Paolin, Teresa Ciabatti, Giosué Calaciura. Due spazi riservati anche a Lorenzo Milani per il cinquantenario di “Lettera a una professoressa” e al linguista Tullio De Mauro per l’eredità linguistica e culturale lasciata con la sua recente scomparsa.

Rinnovata anche quest’anno la partnership con lAccademia di Belle Arti e il patrocinio del Comune di Palermo.

La grande fiera  ha trasformato l’Orto Botanico in un meraviglioso giardino letterario di 10 ettari: la scelta del luogo ha riscosso molto successo tra gli editori che, approfittando del bel tempo, hanno ammirato, insieme alla grande affluenza di visitatori, le bellezze del paesaggio naturale.

L’ evento ha avuto lo scopo di avvicinare le persone alla lettura e ha dato un contributo a un settore che, nonostante la crisi, dimostra di avere tutte le carte in regola per resistere o per tornare a crescere.

Testo di Federica Chinnici

Orto botanico Palermo

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Una marina di libri

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.