Sono solo canzonette?

Il Max Paiella che conosciamo, comico ed imitatore, ha creato uno spettacolo fatto di parole e musica  per ritrarre, attraverso un viaggio nella musica, i nostri costumi e la nostra politica. Paiella, noto al grande pubblico per la sua decennale partecipazione alla trasmissione radiofonica “Il ruggito del coniglio” in cui propone diversi personaggi comici, qui ha riportato il cantautore brasiliano, Vinicius du Marones. man_TV_MAxPaiella_2013Poi, grazie alle numerose trasmissioni televisive su Mediaset (Maurizio Costanzo Show, Zelig) sulla Rai (Per un pugno di libri, Tintoria, Parla con me, Gazebo) sia su La 7 (The show must go off) ha raggiunto il successo nell’imitazione di diversi personaggi politici. Infatti qui ci troviamo ad assistere ad uno spettacolo musicale che parte con le imitazioni di alcuni politici come Fabrizio Cicchitto fino al divertentissimo Niky Vendola per poi terminare con il mio preferito: l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno.
Trovo che l’imitazione verbale e gestuale del sindaco fosse geniale. Ed il video in cui Alemanno, vestito da centurione, discute con la Dandini contro Gabrielli della Protezione Civile è esilarante. Ma qui Max Paiella fa da “one man show” e, anche quando imita Vendola e Cicchitto, non è aiutato dal trucco e parrucco (che lo faceva meglio immedesimare nel personaggio) e perde molto in comicità. Comunque ha riproposto i suoi personaggi più seguiti dal pubblico come Augusto Minzolini, Maurizio Belpietro, Gigi D’Alessio, Enrico Letta, Barack Obama, Matteo Renzi e l’attuale sindaco di Roma Ignazio Marino.
man_TV_MAxPaiella_2013L’artista Max Paiella qui a teatro si sdoppia nel ruolo del comico ed in quello di cantante, ed il gruppo che lo accompagna in questo spettacolo, tutti molto bravi, sono i Jolly Rockers. E’ proprio attraverso la musica che infatti possiamo affrontare tematiche misteriose nonché importanti interrogativi: Battiato ci confidava che presto sarebbe ritornata l’era del cinghiale bianco… e ci ha spiegato quali sono i desideri mitici di prostitute libiche…Le conclusioni di paiella sono che, se comprendiamo Battiato, possiamo arrivare a capire anche il significato dello spread, del rating e del default!
E citando Bennato con “sono solo canzonette” ci mette in guardia per quelle canzonette che subiamo dalla mattina alla sera pronte a confonderci.
Ecco il suo monito quindi: attenzione, potremmo ritrovarci un giorno a votare un governo fatto da cantanti!

“INDAGINE DI UN MUSICISTA AL DI SOPRA DI OGNI SOSPETTO” di e con Max Paiella è dal 4 al 16 marzo 2014 al TEATRO VITTORIA di Roma.

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.