A 15 anni dalla morte dello stilista arriva in libreria la sua biografia

A 15 anni dalla morte dello stilista arriva in libreria la sua biografia

A spingerci ad andare alla presentazione del libro dedicato a Versace, a 15 anni dalla sua morte, del giornalista Tony Di Corcia è stata curiosità ed amore per lo stilista più amato dalla sottoscritta che ha vissuto l’epoca d’oro, che lui ha reso d’oro (il suo colore prediletto) insieme alla pop art ed alle forme creative più strabilianti che abbiamo potuto sognare. La Biografia di Gianni Versace è stata presentata alla Biblioteca della Moda a Milano.
Versace2
Il nuovo libro, dedicato alla vita e alla storia del grande stilista Versace, celebra il suo intuito estetico, la sua vena romantica ed aggressiva al tempo stesso, entrambe dominate dallo sguardo attento contemporaneo e visionario. La biografia del giornalista Tony di Corcia sullo stilista calabrese ha la prefazione di Giorgio Armani e raccoglie una serie di testimonianze inedite degli amici più intimi e dei collaboratori più stretti. Ricca anche la parte iconografica del libro che si avvale del contributo di Manuela Brambatti, autrice di bozzetti originali in cui l’illustratrice della maison della Medusa reinterpreta alcune delle creazioni più suggestive di Versace.
È stato un grande creativo, e il passare degli anni non fa che sottolineare il suo talento”. Così scrive Giorgio Armani nella prefazione del libro.
VersaceA quindici anni dalla morte, la biografia ripercorre le tappe principali della vita dello stilista raccolte attraverso la testimonianza degli amici più intimi e dei collaboratori più stretti. Qui, il giornalista che ha già scritto due anni fa gianni/VERSACE: lo stilista dal cuore elegante (Utopia Edizioni) aggiunge:”È la favola di un ragazzo del Sud, figlio di una sarta di Reggio Calabria, che diventa in pochi anni uno degli stilisti più affermati al mondo, idolatrato dalle donne più celebri (da Madonna a Lady Diana), e capace anche di realizzare strabilianti costumi per i balletti di Maurice Béjart”.
Siamo grati a Corcia per questa descrizione poetica e dettagliata. Di questo sguardo attento di chi ha avuto la fortuna di conoscere questo immenso autore di un mondo ricco di gioia, colori e sfumature che abbiamo potuto cogliere attraverso la stampa che lo amava e la storia della moda che è arrivata sino a noi, e che rimbomba ancora nei nostri occhi e nelle nostre orecchie, attraverso il tuono di quegli spari avvenuti a Miami il 15 luglio 1997, per interrompere un sogno lungo solo 50 anni di vita.

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.