Americano Napoletano, un drink da gustare sulle note di Renato Carosone

Americano Napoletano, un drink da gustare sulle note di Renato Carosone

ITALIA – Non solo il remix di Pitbull di qualche anno fa, non solo lo sceneggiato RAI Carosello Carosone, ora a farci tornare la voglia di fà l’americano ci ha pensato un drink. Si chiama Americano Napoletano e porta la firma, anzi la miscela, di Patrizia Bevilacqua. L’obiettivo? Omaggiare e rivisitare il classico cocktail americano.

Americano Napoletano è un drink semplice da realizzare e che in ogni elemento, nasconde un omaggio; si va infatti dal Martini Rosso che rappresenta Torino al Bitter Campari che tributa Milano, fino ad arrivare al caffè Borghetti che ricorda Napoli.

Per conoscere la preparazione al dettaglio dell’Americano Napoletano dovrete pazientare qualche secondo, ma prima parliamone: anche voi avete sentito una scarica elettrica fatta di nostalgia e musicalità? Sì perché gustando l’Americano Napoletano non può non venire in mente il celebre brano di Renato Carosone, Tu vuò fà l’americano, la versione napoletana del mito degli USA, il ritratto ironico di un giovane che si atteggia a yankee, comico e brillante, dal ritmo travolgente tra swing e jazz made in Italy.

TU VUO’ FA’ L’AMERICANO: IL MITO CONTINUA IN UN DRINK

Voglia di american style ma anche ironia. Questo il grande Carosone lo faceva intendere fin dall’inizio: “Puorte ‘e cazune cu nu stemma arreto, ‘na cuppulella cu ‘a visiera aizata (…) Tu abball’ o’ rocchenroll, tu giochi a baisiboll”, cantava, per poi prendere in giro questo suo protagonista: “Tu vuo’ fa’ ll’americano Mericano, mericano Sient’a mme chi t’ ‘o ffa fa’? Tu vuoi vivere alla moda, Ma se bevi “whisky and soda” Po’ te siente ‘e disturba’”.

“Le mie canzoni erano profondamente basate sul sogno americano, utilizzavo il jazz e i suoi derivati come il simbolo di un’America ricca e prosperosa, ma mantenendo sempre lo stile della canzone napoletana, utilizzandola anche come parodia dei suoi usi”. Renato Carosone

AMERICANO NAPOLETANO: LA RICETTA DEL DRINK DI PATRIZIA BEVILACQUA

E allora a ritmo di swing e jazz vi lasciamo alla ricetta dell’Americano Napoletano.

INGREDIENTI

3 cl vermouth Martini Rosso
3 cl bitter Campari

1 cl caffè Borghetti
1 cl liquore alla nocciola Frangelico
Top Cortese Pure Tonic

Bicchiere:
 Tumbler basso
Garnish: arancia essiccata e chicchi di caffè tostati

PREPARAZIONE

Il drink si prepara con la tecnica build. Versare tutti gli ingredienti, tranne la Cortese Pure Tonic, in un tumbler basso precedentemente raffreddato. Aggiungere ghiaccio fino a colmare il bicchiere e completare con un top di Cortese Pure Tonic. Decorare con una fetta di arancia essiccata e tre chicchi di caffè tostati al momento con il cannello.

IL DRINK

Un drink che rappresenta il cavallo di battaglia di Patrizia Bevilacqua, Brand Event Manager napoletana, da sette anni a Milano, che ha voluto omaggiare, con questa rivisitazione, il classico cocktail Americano. Il cocktail è presente in diverse drink list di locali milanesi quali: Ristorante Savini in GalleriaCube ed El Pecà, oltre a tanti altri locali. Semplice da realizzare, si prepara con Martini Rosso, che rappresenta Torino; il bitter Campari, che rappresenta Milano, il caffè Borghetti, il liquore alla nocciola Frangelico, che ricorda il Caffè del Professore a Napoli e infine una top di Cortese Pure Tonic, prodotta in Italia da Bevande Futuriste – azienda di cui la bartender è Field Channel Manager – tonica naturale che contiene solo acqua, sali minerali, zucchero e autentico chinino naturale.

Crediti foto in homepage: Stefano Wurzburger

Steve Moss

Leave a Reply

Your email address will not be published.