CONTEXT Art Miami: la vetrina degli artisti emergenti nella settimana dell’arte di Miami

CONTEXT Art Miami: la vetrina degli artisti emergenti nella settimana dell’arte di Miami

MIAMI – Parallelamente ad Art Basel Miami Beach, si svolge ogni anno nella settimana dedicata all’arte full immersion, un altro evento-expo, più lontano dai rigidi canoni dell’establishment del colosso dell’arte, ma non per questo meno interessante: CONTEXT Art Miami.

Ma cos’è CONTEXT e cos’è Art Miami?

Art Miami è una delle fiere di arte moderna e contemporanea tra le più importanti del mondo, che ha luogo ogni dicembre durante la “Art Week”, la settimana dedicata all’arte di Miami. Rappresenta uno dei più preminenti eventi artistici degli Stati Uniti, arrivando a catturare oltre 80,000 visitatori tra collezionisti, curatori museali e non, ed appassionati d’arte da tutto il globo. Giunta quest’anno al 29esimo anno di attività, si propone costantemente di selezionare ed esporre solo la più accurata selezione di opere dei secoli XX e XXI, lavorando in stretta collaborazione con le più quotate gallerie internazionali. E sono ben 125  le gallerie internazionali selezionate quest’anno.

Art Miami mantiene, a livello del territorio statunitense, una posizione di predominanza a livello di fiere mercato dell’arte: rappresenta l’evento a cui non si può rinunciare per ogni serio collezionista, curatore ed interior designer anche solo per l’estrema varietà dell’arte proposta, all’avanguardia nel movimento contemporaneo.

All’interno di Art Miami si colloca quindi CONTEXT Art Miami, lanciato nel 2012, allo scopo di garantire una piattaforma efficace per la presentazione, da parte di gallerie sia emergenti che già conosciute, di artisti nelle fasi iniziali della carriera, dotati di particolare talento espressivo. Novantacinque sono le gallerie selezionate quest’anno dalla Commissione Selezionatrice di CONTEXT Art Miami, che portano alla ribalta highlights selezionati tra programmi di galleria, esposizioni di singoli artisti e progetti curatoriali. Gli sforzi congiunti tra CONTEXT e Art Miami garantiscono quindi alle gallerie e agli artisti da essi sponsorizzati, la possibilità di espandere i loro orizzonti in uno showcase  internazionale nella più importante settimana dell’anno dedicata all’Arte Contemporanea in America.

E visti i costi decisamente inferiori per le gallerie per allestimenti e quant’altro, rispetto al colosso Art Basel, non si può non notare un ambiente più frizzante, capacità espressive forse più primitive ma dotate di una freschezza ed un entusiasmo che si fanno perdonare qualsiasi ingenuità.

contextartmiami
Roberta Coni per le Gallerie Bartoux

Tra le gallerie partecipanti la brillante Gallerie Bartoux, francese, che propone pezzi di grandissimo livello con le sue artiste di punta, le italianissime Roberta Coni e Annalu Boeretto (ANNALU), o la galleria Connect che porta la più recente produzione di Craig Alan, eccezionale artista americano emergente, conosciuto ed apprezzato anche in Europa. Tra gli italiani, la bolognese Galleria Stefano Forni e la caprese Liquid Art System. A questo si aggiungono gallerie dal Sud Africa, Sud America, Corea, Lagos e alcune dalla vecchia Europa.

Appunto finale: la banana di Cattelan anche qui è invocatissima, messa alla berlina più o meno velatamente, ridicolizzata e riproposta in chiave ironica,  un vero e proprio spauracchio su quanto può essere vana l’arte contemporanea.  Anche se il dubbio di fondo che aleggia costante è: anche una cattiva pubblicità è pur sempre pubblicità?

INFO

All images ©Marianne Bargiotti Photography 2019

CONTEXTArtMiami

Marianne Bargiotti

Nata a Bologna, ex scienziato con la testa nelle nuvole ora fotografa specializzata in Natura e viaggi in tutte le sue declinazioni.

“Attraverso luoghi stranieri per documentarne visivamente l’anima, andando oltre i confini di un turista regolare per catturare le immagini al di là dei punti di riferimento più popolari di un paese. La cultura, la natura, l’essenza di un paesaggio oltre l’immagine da cartolina è quello che ricerco costantemente.” [www.mariannebargiotti.com]

Marianne Bargiotti

Leave a Reply

Your email address will not be published.