Venezia 2015 star, glamour e favoriti

Venezia 2015 star, glamour e favoriti

Il 2 settembre inizia la Mostra del Cinema di Venezia 2015 che si protrarrà fino al 12 settembre. È il festival del cinema più antico del mondo e delle star che arrivano in taxi boat attraversando la laguna e canali. Diamo, in breve, alcune informazioni utili specialmente per chi non è un frequentatore  abituale del festival, alcune anticipazioni e i tradizionali rumors

Prima di tutto le informazioni pratiche: sul sito della Mostra del Cinema di Venezia 2015  sono scaricabili molti documenti tra cui segnaliamo l’elenco dei film in programma, il calendario delle proiezioni con un comodo prospetto delle proiezioni per regista e per titolo e un calendario di avvenimenti, presentazioni e incontri con autori e attori sempre molto attesi e seguiti dal pubblico. Ricordo, sempre per i neofiti, che il festival si svolge al Lido di Venezia nel Palazzo del Cinema inaugurato nel 1937 con la famosissima Sala Grande capace di 1032 posti. La manifestazione è divisa in tre Sezioni + una: Venezia 72, la selezione ufficiale che assegna il Leone d’Oro tra 20 titoli scelti dalla Giuria internazionale; Fuori Concorso, non assegna premi ma mostra opere significative dell’anno di autori affermati (12 in tutto); Orizzonti, riservato a 20 opere prime o rappresentative delle nuove tendenze; Classici, sezione aggiuntiva dedicata ai migliori restauri di film classici realizzati in tutto il mondo.

Tutte le opere, da Regolamento, devono essere recenti, cioè realizzate non prima del 10 settembre 2014 e non devono mai essere state proiettate in pubblico.

Per quanto riguarda i biglietti, dato l’esiguo numero dei posti disponibili, tenendo conto che i festival del cinema sono in generale frequentati prevalentemente dagli accreditati,  addetti ai lavori, giornalisti e studenti delle scuole di cinema, e che la capienza massima di ogni proiezione è di 1400 posti, la prassi dell’acquisto prevede anche una biglietteria online. I biglietti costano dagli 8 euro della Sala Darsena, ai 12 in media per il Palabiennale (la struttura temporanea da 1700 posti allestita per il festival) e dai 14 ai 60 euro per la Sala Grande. Le riduzioni le trovate nel link citato.

 I premi principali che vengono dati ogni anno a Venezia dalle giurie internazionali sono il Leone d’Oro per il miglior film, il  Leone d’Argento per la migliore regia, un Gran Premio della Giuria, la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile e femminile, il Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente, il Premio per la migliore sceneggiatura e il Premio Speciale della Giuria.

E veniamo alle anticipazioni e ai rumors. Sarà un festival ricco di tributi: verrà infatti assegnato il Jaeger Le-Coultre Glory to the Filmmaker 2015, dedicato a una personalità che abbia segnato in modo particolare il cinema contemporaneo. Il premiato di quest’anno sarà il regista Bryan De Palma, che incarna perfettamente l’anima di questo premio: il suo è un cinema ludico all’ennesima potenza, piacere per gli occhi e al contempo gioco che sollecita il cinephile. La versatilità il suo punto di forza, De Palma è sempre riuscito a vagare in vari generi con risultati quasi sempre eccellenti: da “Gli Intoccabili” con De Niro, Costner e Connery, al primo “Mission Impossibile” con Tom Cruise, a “Scarface” con Al Pacino.

Ma non sarà solo De Palma a ricevere un meritato tributo: la serata di preapertura del 1 settembre sarà dedicata a Orson Welles, in occasione del centenario della sua nascita, e a due suoi capolavori “veneziani” di ispirazione shakespeariana, eccezionalmente recuperati e restaurati: “Il mercante di Venezia” e “Otello”. Insomma una vera e propria serata-omaggio per i cittadini veneziani, Lido, Palazzo del Cinema, Sala Darsena, a partire dalle ore 20,30.

Oltre ai tributi già citati, sarà come sempre un festival molto glamour. Johnny Depp,  ci sarà e fino a qualche ora fa anche Leonardo Di Caprio era dato per certo ma un guasto tecnico del cortometraggio che lo vedeva protagonista “The Audition” di Scorsese, ha fatto saltare tutto. Insomma il pubblico femminile non poteva chiedere di meglio, ma c’è come l’impressione che sarà un altro personaggio maschile a fare il pienone al Lido quest’anno: l’11 settembre infatti arriverà Vasco Rossi che accompagnerà Fabio Masi, regista del documentario “Il decalogo di Vasco”.

Rumors. Molti si chiederanno, compresi noi, chi saranno i vincitori; azzardare un pronostico per dei film, che ricordiamo, non sono ancora mai stati proiettati, è quasi impossibile ma noi lo facciamo lo stesso. Secondo alcune voci “The Last Day” del maestro israeliano Amos Gitai potrebbe sollevare il tanto agognato Leone, ma non è da sottovalutare “Heart Of Dog” di Laurie Anderson, dove la sofisticatissima icona musicale ormai passata alla macchina da presa, firma una struggente lettera d’amore a Lou Reed, compagno di una vita scomparso nel 2013.

Non ci resta che metterci comodi e assistere con trepidazione a questa 72a Mostra del Cinema di Venezia, dove non mancheranno intrattenimento, polemiche, emozioni e, speriamo più di tutto, buon cinema e  nuove tendenze!

Orson Welles, uno dei grandi tributati al festival di Venezia 2015
Orson Welles, uno dei grandi tributati al festival di Venezia 2015

Venezia 2015: star, glamour e favoriti

Venezia 2015: star, glamour e favoriti

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Potrebbe interessarti anche:

  • DV1028765

    DV1028765

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.