L’Italvolley strapazza il Belgio, ora testa all’Olanda

L’Italvolley strapazza il Belgio, ora testa all’Olanda

CATANIA – Per le qualificazioni di Tokyo 2020 della nazionale pallavolo femminile, le ragazze di Mazzanti offrono un’altra grande prestazione contro il Belgio. Dopo il successo netto dell’esordio contro il Kenya l’italvolley ci prepara ad altre sorprese!

Sabato di sport a Catania. Dopo il netto 3-0 imposto dall’Olanda al Kenya alle 18, è stata la volta di Italia e Belgio. La compagine azzurra si ripropone di scaldare già subito il motore in vista del match con l’Olanda, il cui allenatore, ieri, in conferenza stampa aveva affermato che il calore del pubblico di casa e gli eventuali fischi contro le Orange non saranno un problema per lui: “Basterà giocare bene e ammutoliremo tutti”, questo il suo pensiero, vedremo se le nostre saranno in grado, stasera, di scalfire questa sicurezza.

Intanto il pubblico di Catania ha già fatto sentire la sua voce con un’accoglienza ben diversa, per l’italvolley c’erano ben 3650 spettatori contro i 2500 della prima giornata, già dal riscaldamento.

ITALIA – BELGIO: IL RACCONTO DEL MATCH

belgio

Nel primo set si vede già un’altra marcia, la Bosetti va in battuta, la Egonu sigla un pallonetto vincente e il muro non lascia scampo, costringendo il Belgio al primo time-out chiamato sul 3 a 0, che rinvigorisce le ragazze, che grazie ad un attacco di Grobelna, tornano in partita.

La pressione per l’italvolley è tanta e si vede dalla palla che continua a restare sui tre metri e dalle gambe rigide del Belgio in ricezione, costrette a recuperare in tuffo molti palloni e a rigiocarli in bagher facile, il primo time-out tecnico vede l’Italia in vantaggio 8 a 3. Si ritorna in campo subito con un ace della Egonu, che si fa perdonare la battuta sbagliata seguente, con un attacco impossibile pe il muro belga.

Anche dal centro si cambia musica, con Folie al posto di Danesi che si impone da subito, soprattutto in attacco. Il Belgio non riesce a sfruttare le poche concessioni, soprattutto al servizio, che resta uno dei fondamentali meno amati da entrambe le squadre. Nei momenti delicati la Egonu c’è ed è capace di sistemare anche le palle recuperate in extremis per colpa di una non precisa ricezione. Il primo set si chiude sul 17-25 a favore delle azzurre.

belgio
Il pubblico di Catania in visibilio

Un lieve calo di concentrazione fa sperare il Belgio in avvio secondo set, ma il primo time-out tecnico è comunque più uno per l’italvolley, mentre il Belgio non riesce a cambiare marcia soprattutto a muro, continuando a murare il lungolinea, con la Egonu incalzante in diagonale.

Seconda parte del set che vede brillare il muro, con Folie a dettare musica e tempi. Sul 18-9 per l’Italia entra Sorokaite in battuta e costringe le avversarie a recuperi imprecisi e a carambole impossibili, svolgendo ottimamente il suo compito per lasciare poi nuovamente il posto a una Folie in gran forma.

Sul 23 – 11 la Petrini preleva Sylla, ma non riesce a dar man forte a ricezione e attacco, facendo prendere una lieve boccata d’ossigeno al Belgio, che vanifica ancora una volta in battuta, fermandosi sul 25-16.

belgio

Il terzo set si apre con un gran numero di De Gennaro, che serve in veloce la Folie, mentre sul 3-0 si chiede un challenge per un attacco di Egonu che è però fuori, come il seguente. Niente paura per l’italvolley, la stessa si fa perdonare con un attacco vincente e un ace subito dopo. La Bosetti firma punti decisivi in un momento stagnante del set, e questo permette alle azzurre di riprendersi e staccarsi di quattro lunghezze sull’8-12.

La Bosetti firma anche il 24esimo punto mentre una serie di recuperi annullano la palla finale del match, poi regalata dalle avversarie in battuta.

Si chiude 3 a 0 per l’italvolley (25-17, 25-16, 25-16) con il cuore già all’avversaria di domenica sera.

ITALVOLLEY, ORA TESTA ALL’OLANDA

belgio

A fine match parole importanti sull’unione del gruppo dalla Folie, che in campo oggi si è presa una rivincita dopo l’infortunio pesante in finale scudetto (ad aprile dell’anno scorso) che si pronuncia anche sull’avversario di stasera, le olandesi: “Battono molto bene e sono veloci, bisogna essere efficaci al servizio perché con palla in mano viaggiano e hanno tanti angoli”; infine una considerazione sullo spettacolo visto sugli spalti: “Catania è fantastica, spero che ci sia ancora più gente contro l’Olanda, perché ne abbiamo bisogno”. Appuntamento a stasera, alle 21.15 in diretta su RaiDue, per il match decisivo della pool F: Italia-Olanda.

STATISTICHE ITALIA – BELGIO

belgio

Formazioni:

Italia, Manilov O.,Folie R.,Chirichella C. (C), Bosetti L., Sylla M., Egonu P., De Gennaro (L). Allenatore: Mazzanti D.

Belgio, Herbots B., Grobelna K., Sobolska D., Strumilo D., Janssens M., Van de Vyver I. (C), Guilliams J (L). Allenatore: Vande Broek G.

Arbitri: Concia Pedro F. (Arg), Turci P. (Bra).

Samantha Viva

Non basta una vita per vedere tutti i posti in cui vale la pena vivere e leggere tutti i libri che avrei voluto scrivere. Nonostante tutto, mi attrezzo ogni giorno per viaggiare un po’ – anche con la mente – e per scrivere di qualcuno o di qualcosa. Catanese di nascita, con la Sicilia nel cuore, l’impegno verso i più deboli e gli emarginati come missione; curiosa di me stessa e degli altri. Ho scritto di Sociale, Antiracket, Esteri e Cultura . Mi capita di vivere in città, piccole e grandi, di cui mi innamoro solo un po’, prima di abbandonarle. In questi anni ho scoperto un piccolo centro del cuneese e da qui indago più a Nord, per scoprire abitudini e persone. Mi piace andare al cuore delle cose e usare la penna e le immagini per raccontare il nostro tempo.
Samantha Viva

Leave a Reply

Your email address will not be published.