ContestaRockHair, un colpo di testa per la moda uomo

Cosa ci fa ContestaRockHair, brand di parrucchieri, alla 90esima edizione di Pitti Uomo ?

Usciamo dai preconcetti della moda intesa in termine stretto come abbigliamento e accessori e apriamoci ad una piú ampia concezione di stile. Ecco che ritroviamo, all’interno del padiglione di MyFactory, un angolo di creativitá che merita sicuramente il nostro interesse e tutta la nostra attenzione: ContestaRockHair.

ContestaRockHair

Un salone parrucchieri? Un movimento? Un laboratorio? La risposta é sí, sí e ancora sí!

ContestaRockHair é il brand tutto italiano fondato nel 1996 da Massimo Bianco e Alessandro Santopaolo che hanno fatto della loro passione una realtá aziendale internazionale.
Moda, stile e sperimentazione si respirano a pieni polmoni negli 11 saloni sparsi per il mondo da Roma e Firenze a New York passando per Miami e Shanghai.
Uno spazio di tendenza ma che fuori dalle mura mostra il suo vero segno distintivo e valore aggiunto: vent’anni di impegno su tutti i fronti dalla promozione di iniziative creative a campagne di utilitá sociale no profit.

A raccontarci del progetto sono Massimo Bianco, fondatore, e Annalisa Maione, parte attiva del LAB, il team che si occupa della comunicazione web e dell’organizzazione eventi del marchio.

ContestaRockHair
Annalisa Maione e Massimo Bianco – ContestaRockHair

Cosa ci fa un brand di parrucchieri alla fiera della moda uomo?

Per ContestaRockHair é il primo anno alla manifestazione, una novitá per tutti. Crediamo fortemente che lo spirito CRH sia in linea con quello della fiera: il nostro é un prodotto che veste, made in Italy e considerato ”sartoriale”: ad ognuno il suo!

Non ci stupiamo di vedervi comparire anche tra le pagine dell’Uomo Vogue per l’edizione del Pitti, una vera ventata di freschezza e originalitá per la storica fiera. Ci piacerebbe approfondire il vostro concetto di sartorialitá.

Grazie alla collaborazione con Originitalia, azienda leader nel settore della cosmesi, quella di ContestaRockHair è una linea professionale dalle grandi prestazioni e dal facile utilizzo. L’intento é quello di permettere di ricreare a casa propria gli effetti ottenuti spesso solo nei saloni dalle mani esperte di un professionista.
I prodotti, assolutamente non testati sugli animali e liberi da parabeni, sono suddivisi su tre linee: Volumizing, l’Hydrating e il Curling costituite da Shampoo e Conditioner e pensate per ogni tipo di capello. Li accompagnano i prodotti “Finish”: Saltiness, Shine, Powder, Wax Matte, Curling Milk e Molding Paste concepiti per conferire un ultimo tocco caratterizzante al proprio stile.

Conquistate dalla consulenza dell’entusiastico team, abbiamo provato i prodotti ContestaRockHair. Da questo il passo è breve a chiedersi l’origine del claim ”Do it yourself”….Ci raccontate come nasce quest’idea?

“Do it yourself – trust your hands” nasce per celebrare il lancio dei nostri primi 12 prodotti. Per l’occasione abbiamo scelto cinque testimonial d’eccezione come cinque personalità, che tramite la propria manualità eccellente si sono saputi distinguere nel panorama nazionale per creatività e originalità. Un inno al fare tutto con le mani, anche lavorare i propri capelli dandogli un tocco personale.

Manualitá e creativitá, dunque é l‘arte ad essere il filo conduttore tra i saloni ma anche il motore di molte delle attivitá e delle iniziative proposte. Qual’é per voi il legame tra arte e CRH?

Vogliamo connetterci al territorio, dialogare incessantemente con i movimenti che caratterizzano la cultura urbana dall’arte, la fotografia, la musica e il sociale.
Gli stessi saloni, ognuno giá con la propria identitá, cambiano al loro interno di mese in mese con la presenza di mostre ed esposizioni.
Ed é proprio dall’importanza che diamo all’arte che nasce l’iniziativa CRH BENEFIT, il bonus cultura rivolto al proprio staff per incentivarlo all’arte con un buono di €150,00 che ogni stilista CRH potrà spendere nella partecipazione ad iniziative culturali e artistiche. E’ importante, secondo noi, nella formazione di un hair stylist avere un bagaglio d’ispirazioni legato ad un universo di stimoli creativi in modo da fornire ai clienti un’immagine sempre nuova e attuale.

Non solo l’arte e la cultura nel vostro mirino, il sociale é una tematica fortissima di grande impegno e soprattutto di nobile iniziativa. Quali sono il vero spirito e i valori di questo progetto?

CRH é una realtá in continuo movimento a favore di tematiche sociali, umanitarie e ambientali.
In primo luogo a livello locale, ri concentrando l’attenzione nuovamente al territorio e alle sue specifiche problematiche e poi successivamente a livello internazionale.
Ricordiamo tra le tante iniziative, la campagna in sostegno della lotta contro l’Aids, il progetto Impatto Zero volto alla salvaguardia delle foreste e l’attivitá presso il carcere di Rebibbia a favore delle detenute.
Il nostro é un attivismo a 360° con precisi valori etici, comportamenti ecosostenibili e interesse sociale condivisi da ogni membro del gruppo.

Tanti gli aspetti su cui soffermarsi, dalla professionalitá dei prodotti alle attivitá presenti e passate, cosí ci siamo incuriositi.. per il futuro cosa c’é in cantiere?

Vi possiamo svelare che stiamo lavorando ad un progetto importante su Roma, cittá sede del nostro quartier generale.
Un temporary store allestito all’interno di The Yellow, l’ostello internazionale a pochi passi dalla stazione Termini che funziona come un vero e proprio campus. Il progetto, che prevede di essere attivo gia dal prossimo settembre, assumerá l’anima di una vera e propria factory dall’anima pop. Ancora una volta un crocevia di arte e sociale permeata dallo spirito di puro networking giá fortemente presente all’interno dei saloni CRH con incontri e aperitivi.
ContestaRockHair
E dopo aver conosciuto i prodotti e il team, abbiamo voluto vederli all’opera. Dalla Fortezza da Basso alla Sisley di via Roma dove ContestaRockHair ha offerto uno speciale Aperitif party con dj set a cura di Tropical Animals intrattenendo il pubblico con le performance di cutting live nelle vetrine dello store. Numeroso il pubblico raccolto ad ammirare pieghe e tagli in diretta accompagnati da uno sfondo ludico di sorrisi, musica e drinks in un atmosfera giovane e informale.
ContestaRockHair ha incarnato cosí la sua filosofia di apertura e interazione con il territorio ricreando fisicamente una finestra sulla strada.
”Il concetto di vetrina é fondamentale per noi, ci permette di coinvolgere le persone e farle partecipare al processo creativo”, spiega con trasporto Samantha Catini, responsabile della comunicazione, che guidandomi attraverso l’evento mi coinvolge in prima linea. Finisco cosí anche io sulla poltrona sotto i riflettori tra le sapienti mani di Marcella, hair stylist CRH, che mi ha regalato un’esperienza da VIP oltre che dei bellissimi boccoli stravolgendo la mia monotona chioma liscia in meno di un quarto d’ora!

Scream for your style é il grido di incoraggiamento della nuova campagna dove lo stile rock e le tendenze si incontrano.

E voi siete pronti per un bel colpo di testa?

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

ContestaRockHair

Daria Craparo

Don’t dream it, be it! Citando il film capolavoro, da me favorito,”The Rocky Horror Picture Show.”

Emblematica e spesso piuttosto stravagante come il protagonista, (niente a che vedere col gender s’ intende..) mi occupo di moda prediligendo la fotografia e la cosmesi. Non mi piacciono le cose banali; le definizioni ”buon gusto” e ”gusto classico” mi fanno venire la pelle d’oca. Pulito e minimale si, bon ton ma anche no.

Daria Craparo

Latest posts by Daria Craparo (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.