I 50 migliori registi di sempre raccontano il Cinema

I 50 migliori registi di sempre raccontano il Cinema

MONDO – Che cos’è il Cinema? Quali sono gli ingredienti perfetti per diventare un grande regista? Cosa ne pensano i più grandi decani della Settima Arte dei loro illustri colleghi? Abbiamo raccolto pensieri, aforismi e citazioni dei più grandi maestri dell’arte cinematografica. Sentiamo cos’hanno da dirci!

Si nasce registi o si diventa? Oh Dio, sotto un certo aspetto, fare il regista cinematografico può apparire come il mestiere più facile del mondo. Un buon copione, un operatore che sappia collocare la macchina al punto giusto e conosca i raccordi tra un quadro e l’altro, una musica suggestiva e un perfetto montaggio fanno di chiunque un regista. Ma ci credete davvero?

Parliamo di un mestiere complicatissimo, un mestiere che richiede la contemporanea presenza di due sentimenti opposti dell’uomo: l’ambizione (chiamiamola anche presunzione) e l’umiltà. Anche il profilo di un regista non è di quelli banali. L’immaginario popolare lo vede come un artista solitario, talvolta un genio melanconico e incompreso, e allo stesso tempo un caposquadra da cui dipendono tutto e tutti. Ma è davvero così? E poi, regista, si nasce o si diventa? Domande difficili a cui rispondere e per farlo, ci affidiamo alle parole dei più grandi maestri della storia della Settima Arte. Abbiamo raccolto 50 pensieri, consigli, citazioni e aforismi dei più grandi registi di sempre per farci un’idea più concreta.

JAMES CAMERON (1954-vivente)

Aforismi e citazioni. I 50 migliori registi di sempre raccontano il Cinema
Film Cardine: Avatar, Terminator, Alien e Titanic

“Prendi una telecamera e filma qualcosa. Non importa quanto questa cosa sia piccola, non importa quanto sia banale, non importa se i protagonisti saranno i tuoi amici o tua sorella. A quel punto, fa una cosa: metti il tuo nome sul tuo lavoro. Fatto? Bene, ora sei un regista. Da lì in poi, dovrai solo negoziare il tuo budget e la tua paga”.

 

FRANK CAPRA (1897-1991)

Aforismi e citazioni. I 50 migliori registi di sempre raccontano il Cinema
Film Cardine: La Vita è Meravigliosa, Accadde una notte, Mr.Smith va a Washington, E’ arrivata la felicità, L’Eterna Illusione

“Nessun santo, o papa, nessun generale o soldato, ha mai avuto il potere di un regista: il potere di parlare a milioni di persone per 2 ore nell’oscurità”.

 

CAMERON CROWE (1957-Vivente)

registi
Film Cardine: Jerry Maguire, Vanilla Sky

“Nel futuro, tutti quanti saranno registi. Qualcuno dovrà vivere una vita normale, altrimenti non avremo più qualcosa su cui fare un film”.

 

JERRY BRUCKHEIMER (1945-Vivente)

registi
Film Cardine: Flashdance, Pirati dei Caraibi, Armageddon, Bad Boys

“Buttati nella mischia, inizia a lavorare. Accetta il primo lavoro che trovi, ti servirà ad entrare in quella porta. Una volta varcata la porta, se sei bravo, schizzerai in alto così in fretta che non saprai cosa ti abbia colpito”.

 

FRANCIS FORD COPPOLA (1939-Vivente)

registi
Film Cardine: Il Padrino I,II,III, Apocalypse Now, Dracula di Bram Stoker, La Conversazione

“Uno degli strumenti più importanti che un regista possa avere sono i suoi appunti. Ricordate di appuntarvi tutto e di mettere la data su ogni pezzo di carta su cui scrivete. Mettete tutto, il mese, il giorno e l’ora, perché ogni idea che metti su carta può essere utile. Se renderete tutto questo un abitudine, un giorno, che sia tra 2 mesi, 1 anno o 10, ritroverete un foglio di carta datato Parigi 1972. Ecco, qualora vi serva, avete già un’idea interessante a portata di mano”.

MIRANDA JULY (1974-Vivente)

Film Cardine: Me and You and Everyone We Know
Film Cardine: Me and You and Everyone We Know

“Scrivo le idee per una storia sul mio taccuino e le divido tutte per settore, nell’angolo della pagina, in un cerchio: S sta per story, N per novel, M per movie, P per Perfomance, B per Business. Lo so, questo mi fa sembrare una persona rigida! Ma so essere anche molto divertente e selvaggia in alcune occasioni! Festa!!!”

JONATHAN DEMME (1944-2017)

Film Cardine: Il Silenzio degli Innocenti, Philadelphia
Film Cardine: Il Silenzio degli Innocenti, Philadelphia

“Non sono andato a scuola di cinema. Per recuperare, imparo standomene tra la gente”.

GEORGE LUCAS (1944-Vivente)

Film Cardine: Star Wars (saga) American Graffiti
Film Cardine: Star Wars (saga) American Graffiti

“Quello a cui io tendo: fare dei film che uno può consumare senza preoccuparsi troppo di sapere bene la storia: musica visiva, ecco, immagini musicali. Voglio produrre storie che avrei voluto vedere io da bambino, quando correvo per andare al cinema e magari arrivavo che era già cominciato: immagini che non hanno niente di troppo reale, che risuonano nel cervello e nell’animo senza annoiare o preoccupare, che si ispirano alla bellezza e alla felicità. Perché voglio farlo col cinema? Perché io sono soltanto immagini: io sono le immagini di Godard, di Mizoguchi, di Kurosawa, di Ford, di Bergman, di Fellini. Io non sono che immagini cinematografiche. Io non sono io. Io sono il cinema di Welles… di Chaplin… di… di… di…”

PETER BOGDANOVIC (1939-Vivente)

Film Cardine: L'Ultimo Spettacolo, Tutto può accadere a Broadway
Film Cardine: L’Ultimo Spettacolo, Tutto può accadere a Broadway

“La mancanza di cultura cinematografica è una di quelle cose che mi sconvolge davvero. C’è questa totale mancanza di interesse per tutto ciò che è stato fatto più di 10 anni fa… Non lo capisco davvero, è come ignorare un tesoro sepolto, ma questo tesoro non è sepolto o introvabile, è proprio qui davanti a noi”.

QUENTIN TARANTINO (1963-Vivente)

Film Cardine: Pulp Fiction, Le Iene, Kill Bill, Bastardi Senza Gloria, Django
Film Cardine: Pulp Fiction, Le Iene, Kill Bill, Bastardi Senza Gloria, Django

“Da ragazzino sognavo di fare l’attore o il rapinatore. La rapina come gesto agonistico mi affascina così come la violenza! Dagli spaghetti western ai film di samurai, dai film cinesi di arti marziali al filone di vendetta all’horror, la violenza mi eccita! Nel cinema, beninteso”.

STANLEY KUBRICK (1928-1999)

Film Cardine: Shining, Arancia Meccanica, Full Metal Jacket, Odissea nello Spazio, Eyes Wide Shut

“Io non credo vi sia un collegamento vero e proprio tra violenza nei film e società, ma ipoteticamente ce ne potrebbe essere uno. Se dovesse essercene uno, direi che l’unico tipo di violenza che potrebbe causare lo stimolo di emulazione sarebbe la violenza “divertente”: quella violenza che troviamo nei film di James Bond o nei cartoni di Tom & Jerry. Violenza irrealistica, violenza salutare, violenza presentata come scherzo. Questa è l’unica forma di violenza che potrebbe stimolare il desiderio di copiarla, ma io sono convinto del fatto che neanche questo tipo di violenza produca effetti sulla società. Ci potrebbero essere anche argomenti a favore della tesi che un qualsiasi tipo di violenza rappresentata nei film espleti una funzione socialmente utile, permettendo agli individui di liberarsi di quei sentimenti aggressivi che sono rinchiusi nel subconscio e meglio espressi nel sogno, o nello stato onirico a cui il guardare un film conduce, più di qualsiasi altra sublimazione o forma di realtà”.

STEVEN SPIELBERG (1946-Vivente)

Film Cardine: E.T - l'Extraterrestre, Lo Squalo, Schlinder's List, Jurassic Park, Salvate il Soldato Ryan
Film Cardine: E.T – l’Extraterrestre, Lo Squalo, Schlinder’s List, Jurassic Park, Salvate il Soldato Ryan

“C’eravamo quando abbiamo visto finire il cinema western e ci saremo quando arriverà il tempo in cui il cinema di supereroi farà la stessa fine. Non significa che un giorno non ci sarà più occasione per il cinema western o quello dei supereroi di tornare. Certamente adesso il cinema di supereroi è vivo e prospero. Dico solo che questi cicli hanno una fine nella cultura di massa. Verrà un giorno in cui le storie mitologiche saranno soppiantate da qualche altro genere a cui magari sta pensando proprio ora qualche giovane regista”.

VITTORIO DE SICA (1901-1974)

Film Cardine: La Ciociara, Ladri di Biciclette, Sciuscià, Ieri, oggi e domani

“Il mio scopo è rintracciare il drammatico nelle situazioni quotidiane, il meraviglioso della piccola cronaca, anzi, della piccolissima cronaca”.

FEDERICO FELLINI (1920-1993)

Film Cardine: La Dolce Vita, 8 e mezzo, Amarcord, La Strada, Roma

“Avevo sempre sognato, da grande, di fare l’aggettivo. Ne sono lusingato. Cosa intendano gli americani con “felliniano” posso immaginarlo: opulento, stravagante, onirico, bizzarro, nevrotico, fregnacciaro. Ecco, fregnacciaro è il termine giusto”.

ORSON WELLES (1915-1985)

Film Cardine: Quarto Potere, Il Processo, L’Infernale Quinlan, Otello

“Il cinema è un mestiere… Nulla può essere paragonato al cinema. Il cinema appartiene al nostro tempo. È la cosa da fare”.

ALFRED HITCHCOCK (1899-1980)

Film Cardine: Psycho, Uccelli, La Finestra sul Cortile, La Donna che visse due volte

“Anche se facessi Cenerentola, il pubblico cercherebbe qualche cadavere nella carrozza”.

DANNY BOYLE (1956-Vivente)

Film Cardine: Traispotting, The Millionaire, The Beach, Steve Jobs
Film Cardine: Traispotting, The Millionaire, The Beach, Steve Jobs

“Penso che il tuo primo film sia sempre il migliore. Potrebbe non essere quello che ha più successo o il più tecnicamente completo, ma non ti avvicinerai mai più a quella sensazione di non saper cosa stai facendo. E quella sensazione, il non sapere cosa stai facendo, è un posto molto bello dove trovarsi”.

 

WILLIAM FREDKIN (1935-Vivente)

Film Cardine: L'Esorcista
Film Cardine: L’Esorcista

“Non mi hanno mai interessato i film in se per se, fino a che in pomeriggio non ho visto Citizen Kane. È stato una rivelazione per me, come lo è stato per molte persone. Ad un tratto c’era questa massiccia, complicata coinvolgente storia che lasciava lo schermo con te. Non rimaneva sullo schermo come certe pietanze che mangi e che poi ti fanno tornare affamato cinque minuti dopo. É veramente rimasto con me. L’ho rivisto ancora e ancora, cinque o sei volte. É una specie di caverna per regist, come l’Ulisse di Joyce é una caverna per gli scrittori.”

 

MARTIN SCORSESE (1942-Vivente)

Film Cardine: Taxi Driver, Quei Bravi Ragazzi, The Departed, Wolf of Wall Street, Cape Fear, Toro Scatenato
Film Cardine: Taxi Driver, Quei Bravi Ragazzi, The Departed, Wolf of Wall Street, Cape Fear, Toro Scatenato

“Qualche volta quando sei immerso nel filmare o editare una fotografia, arrivi al punto in cui non sai se potrai farlo di nuovo. Poi tutto ad un tratto sei ispirato dal lavoro di qualcun altro. È stato Fellini a spingermi verso il mio cinema. Ci sono pochi registi che hanno allargato il nostro modo di vedere e hanno completamente cambiato il modo in cui sperimentiamo questa forma d’arte. Fellini è uno di loro. Non basta chiamarlo regista, era un maestro”.

 

TONY SCOTT (1944 – 2012)

Film Cardine: Top Gun, Speed, Nemico Pubblico, Pelham 123
Film Cardine: Top Gun, Speed, Nemico Pubblico, Pelham 123

“Sono il miglior plagiarista del mondo. Tubo dal migliore. Mi piace chiamarlo omaggio”.

 

JIM JAMUSC (1953-Vivente)

Film Cardine: Dead Man, Coffee and Cigarettes
Film Cardine: Dead Man, Coffee and Cigarettes

“Divora vecchi film, nuovi film, musica, libri, quadri, fotografie poemi sogni, conversazioni random architettura palazzi ponti insegne stradali alberi nuvole bottiglie d’acqua ombre e luci. Scegli di rubare da lì solo le cose che parlano direttamente alla tua anima. Se fai questo, il tuo lavoro ( e il tuo furto) saranno autentici. L’autentico è invalutabile, l’originalità é l’ inesistente”.

 

PAOLO SORRENTINO (1970-Vivente)

Film Cardine: La Grande Bellezza, Il Divo, This Must Be The Place
Film Cardine: La Grande Bellezza, Il Divo, This Must Be The Place

“C’è sempre chi vuole intraprendere questo lavoro e quindi mi piace dare dei consigli, ed è questo: di vedere molti film brutti e, prima di mettersi a scrivere una storia, leggere sempre il Guinness dei primati, che è quel libro nel quale c’è la più grande concentrazione di cose eccezionali che sono anche reali. Ed è questo che dovrebbe essere il cinema: eccezionale nel reale.”

 

CLINT EASTWOOD (1930-Vivente)

Film Cardine: Gli Spietati, Million Dollar Baby, Gran Torino, Mystic River
Film Cardine: Gli Spietati, Million Dollar Baby, Gran Torino, Mystic River

“Ho visto ogni genere di set. Sono stato su set cinematografici in cui tutti avevano i nervi a fior di pelle. Ma se cominci a urlare, a mostrarti insofferente, a schizzare da una parte all’altra, dai l’impressione di insicurezza. E questa diventa contagiosa. Si trasmette agli attori che diventano nervosi, poi si diffonde tra le maestranze e anch’esse si fanno irritabili, e questo non ti facilita le cose. E se io non sono di buon umore, se non riesco a comunicare questo stato d’animo, posso aspettarmi che gli altri lavorino serenamente. Sono convinto che il compito del regista, oltre a realizzare la sceneggiatura e girare il materiale necessario, consista nello scritturare le persone adatte ma, a parte questo, credo che la sua maggiore responsabilità sia mettere queste persone a proprio agio, farle sentire a casa loro. Creare un’atmosfera dove tutti sono rilassati e non vi sia tensione.”

 

SERGIO LEONE (1929-1989)

Film Cardine: C’era una volta in America, Per un pugno di Dollari, Il Buono, il Brutto e il Cattivo, C’era una volta il West

“Quando ero giovane credevo in tre cose. Il Marxismo, il potere redentore del cinema e la dinamite. Oggi credo solo nella dinamite”.

BILLY WILDER (1906-2002)

Film Cardine: A qualcuno piace caldo, Viale del Tramonto, Giorni Perduti, L'Appartamento
Film Cardine: A qualcuno piace caldo, Viale del Tramonto, Giorni Perduti, L’Appartamento

“Il problema vero è che oggi non ci sono più i grandi attori di una volta. Dove sono i Gable, i Gary Cooper, gli Spencer Tracy?”

WOODY ALLEN (1935-Vivente)

Film Cardine: Io e Annie, Provaci ancora Sam, Match Point, Crimini e misfatti, Manhattan
Film Cardine: Io e Annie, Provaci ancora Sam, Match Point, Crimini e misfatti, Manhattan

“È assolutamente evidente che l’arte del cinema si ispira alla vita, mentre la vita si ispira alla televisione. Ma comunque io di queste cose ne so poco o nulla. Ogni volta, quando un mio film ha successo, mi chiedo: come ho fatto a fregarli ancora?”

DAVID LYNCH (1946-Vivente)

Film Cardine: Mulholland Drive, Velluto Blu, Strade Perdute
Film Cardine: Mulholland Drive, Velluto Blu, Strade Perdute

“Il mondo è diventato una stanza rumorosa, il silenzio è il luogo magico in cui si realizza il processo creativo”.

 

AKIRA KUROSAWA (1910-1998)

Film Cardine: I 7 Samurai, Ran, Il Trono di Sangue, Barbarossa
Film Cardine: I 7 Samurai, Ran, Il Trono di Sangue, Barbarossa

“È quello che dico sempre alle équipe dei miei film. Per creare qualcosa, bisogna basarsi sui ricordi”.

TIM BURTON (1958- Vivente)

Film Cardine: Edward Mani di Forbice, Sweeney Todd, La Fabbrica di Cioccolato, Big Fish, Ed Wood
Film Cardine: Edward Mani di Forbice, Sweeney Todd, La Fabbrica di Cioccolato, Big Fish, Ed Wood

“A Hollywood ci vado solo per lavorare, non vivo più a Los Angeles, la mondanità non mi piace, mi sento vicino ai miei personaggi poco integrati e in conflitto con la società: anch’io tendo a interiorizzare tutto, sono chiuso, solitario e arrabbiato. Ho capito di aver creato con i miei film un club ideale per gli eterni ragazzi che amano i falliti, la libertà, i marziani e le donne che ti seguono con una valigia in mano come la mia compagna Helena Bonham Carter”.

FRANCOIS TRUFFAUT (1932-1984)

Film Cardine: I 400 Colpi, Jules e Jim, Effetto Notte, Baci Rubati, Tirate sul Pianista
Film Cardine: I 400 Colpi, Jules e Jim, Effetto Notte, Baci Rubati, Tirate sul Pianista

“[Su 8½] Fellini mostra che un regista è prima di tutto un tizio che dalla mattina alla sera viene seccato da un mare di gente che gli pone domande alle quali non sa, non vuole o non può rispondere. La sua testa è piena di piccole idee divergenti, di impressioni, di sensazioni, di desideri nascenti e si pretende da lui che dia certezze, nomi precisi, cifre esatte, indicazioni di luogo e di tempo. Tutti i tormenti che possono distruggere le energie di un regista prima delle riprese sono qui accuratamente enumerati in questa cronaca che sta alla preparazione di un film come Rififi sta alla elaborazione di un colpo”.

ROMAN POLANSKI (1933-Vivente)

Film Cardine: Il Pianista, L'Inquilino del terzo piano, Rosemary's Baby, Repulsione, Chinatown
Roman Polanski e Sharon Tate. Film cardine: Film Cardine: Il Pianista, L’Inquilino del terzo piano, Rosemary’s Baby, Repulsione, Chinatown

“Ci sono due cose al mondo che mi piacciono veramente. La seconda è girare un film…”

SPIKE LEE (1957-Vivente)

Film Cardine: Fa la cosa giusta, La 25a Ora, Blackkklansman, He Got Game, Malcom X
Film Cardine: Fa la cosa giusta, La 25a Ora, Blackkklansman, He Got Game, Malcom X

“Ho sempre ambito, nel caso in cui avessi avuto successo, a tentare di fare un ritratto più veritiero, al negativo e al positivo, degli afroamericani. Non credo che sia necessariamente veritiero, né d’altro canto ha grossa tensione drammatica, un mondo in cui la gente è buona o cattiva al 100%”.

FRITZ LANG (1890-1976)

registi
Film cardine: Metropolis, Il Grande Caldo, M – Il mostro di Dusseldorf

“Credo che la violenza sia diventata un punto fermo di una sceneggiatura, ed è presente per una ragione drammaturgica. Non penso che la gente pensa al diavolo con le corna e la coda biforcuta, e quindi non crede alla punizione dopo la morte. Allora mi sono chiesto a cosa crede la gente, o meglio di che cosa ha paura: del dolore fisico, e il dolore fisico si sprigiona dalla violenza, è questa credo l’unica cosa che la gente realmente teme al giorno d’oggi, e che quindi è diventata una parte ben definita della vita e ovviamente anche della sceneggiatura”.

 

JOHN HUSTON (1906-1987)

Film cardine: Il Mistero del Falco, L’onore dei Prizzi, La Regina d’Afica

“Quando il provino fu concluso, Marilyn si mostrò molto incerta sul risultato e chiese di ripeterlo. Acconsentii. Ma avevo già deciso fin dal primo ciak. La parte di Angela era sua”.

 

BERNARDO BERTOLUCCI (1941 – 2018)

registi
Film cardine: L’Ultimo Imperatore, Il Conformista, The Dreamers, Ultimo Tango a Parigi

“Ma filmare è vivere, e vivere è filmare. È semplice, nello spazio di un secondo guardare un oggetto, un volto, e riuscire a vederlo ventiquattro volte. Il trucco è tutto qui”.

 

INGMAR BERGMAN (1918-2007)

Film cardine: Persona, Il Settimo Sigillo, Fanny e Alexander, Il posto delle fragole

“Per me [Orson Welles] è solo una bufala. Non è interessante. È morto. Quarto potere, di cui ho una copia, è il prediletto dei critici, sempre in cima ai sondaggi, ma io credo sia una noia totale. Soprattutto, le interpretazioni non meritano. La dose massiccia di rispetto che ha ricevuto è assolutamente inverosimile”.

 

DARIO ARGENTO (1940 – Vivente)

registi
Film cardine: Suspiria, Profondo Rosso, Philomena, Tenebre

“Me lo hanno chiesto molte volte, e non so mai cosa rispondere. Sono molte le cose che mi fanno paura e che mi creano angoscia. Se così non fosse, del resto, non avrei scelto di diventare un regista di film horror”.

 

GEORGE C. SCOTT (1927 – 1999)

registi
Film Cardine: La notte del furore

“Se mai finissi su un’isola deserta ci sarebbero tre cose di cui avrei bisogno: cibo, un rifugio e una telecamera”.

 

WALT DISNEY (1901 – 1966)

Walt Disney, premiato dall’Academy con 26 Premi Oscar

“Fare l’impossibile è una specie di divertimento. Io ad esempio, amo Topolino più di qualsiasi donna abbia mai conosciuto. Non facciamo film per fare soldi, facciamo soldi per poter fare più film!”

 

LARS VON TRIER (1956 – Vivente)

registi
Film cardine: Le Onde del Destino, Dogville, Dancer in the Dark, La casa di Jack, Melancholia

“Credo ci sia qualcosa di davvero assurdo nel dovermi difendere o giudicare, siete voi i miei ospiti, non il contrario”.

 

ROBERT WISE (1914-2005)

registi
Film cardine: Tutti insieme appassionatamente, West side story, Ultimatum alla Terra, Gli Invasati

“Le mie tre P : passione, pazienza, perseveranza. Devi fare questo se vuoi essere un regista”.

 

ROBERT BRESSON (1901 – 1999)

registi
Film cardine: Diario di un ladro, L’Argent

“I miei film nascono nella mia testa e muoiono sul copione, sono resuscitati dalle persone e dagli oggetti che uso, che sono uccisi dal film, ma con un certo ordine resuscitano sullo schermo, come fiori in un vaso d’acqua”.

 

BRYAN DE PALMA (1940 – Vivente)

registi
Film cardine: Scarface, Blow Out

“Il più grande sbaglio dei film fatti da studenti è che di solito il casting è fatto male, è composto da amici e gente che il regista conosce”.

 

CHARLIE CHAPLIN (1889 – 1977)

registi
Film cardine: Il grande dittatore, Monello, Charlot, Tempi Moderni

“Tutto quello che mi serve per fare una commedia è un parco, un poliziotto e una bella ragazza”.

 

LUIS BUNUEL (1900 – 1983)

registi
Film cardine: I figli della violenza, Un chien andalou

“Metropolis non è un film unico: sono due film uniti per il ventre, ma con necessità spirituali divergenti, assolutamente antagonistiche. Quelli che considerano il cinema in quanto valido narratore di storie, patiranno con Metropolis una profonda delusione. Ciò che lì ci viene narrato è triviale, ampolloso, pedantesco, di un vieto romanticismo. Ma se all’aneddoto preferiamo lo sfondo plastico-fotogenico del film, allora Metropolis colmerà tutte le misure, ci stupirà come il più meraviglioso libro d’immagini che sia mai stato composto”.

 

LUCHINO VISCONTI (1906 – 1976)

registi
Film cardine: Il Gattopardo, Rocco e i suoi fratelli, Morte a Venezia, La caduta degli dei

“Il genio è un dono di Dio. Anzi no, è una punizione di Dio, un divampare peccaminoso e morboso di doti naturali”.

CHRISTOPHER NOLAN (1970 – Vivente)

registi
Film cardine: Il Cavaliere Oscuro, Inception, Dunkirk, Memento

“Quando pensi allo stile visivo, quando pensi al linguaggio visivo di un film, tende ad esserci una naturale separazione tra lo stile visivo e gli elementi narrativi, ma con i grandi, sia che sia Stanley Kubrick, Terrence Malick o Hitchcock quello che vedi è inseparabile, una relazione vitale tra le immagini e la storia che sta raccontando”.

DAVID FINCHER (1962 – Vivente)

registi
Film Cardine: Fight Club, Seven, The Social Network, Il Curioso caso di Benjamin Button, Zodiac

“Per un certo numero di anni, ho avuto intorno quel genere di persone che hanno finanziato film e quel genere di persone che scommettono economicamente sul cinema. Ma ho sempre avuto l’idea ingenua che tutti volessero fare film nel miglior modo possibile, al massimo delle loro possibilità, che si è poi rivelata un’idea stupida”.

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.